Il microbiota del salmerino alpino al microscopio

Il microbiota del salmerino alpino al microscopio
Il microbiota del salmerino alpino al microscopio
-

Questo contenuto è prodotto da Laval University.

Originaria della Francia, Flora Amill non avrebbe mai pensato di avere l’opportunità di lavorare nell’Artico. Il dottorando in biologia presso la Facoltà di Scienze e Ingegneria ha studiato il microbiota del salmerino alpino, un pesce importante per le comunità settentrionali.

“Sono sempre stato interessato ai microrganismi, quindi quando ho saputo del progetto ero motivato! È stata un’occasione per poter andare al Nord durante i miei studi. Sapevo che sarebbe stata una bellissima esperienza”, riferisce Flora Amill, il cui progetto fa parte del programma Sentinel North.

Ha trascorso due settimane presso la stazione di ricerca di Cambridge Bay nel Nunavut nel 2018, e di nuovo nel 2019. “Sono stata lì durante l’estate, quindi le condizioni non erano così rigide come in inverno. Ho vissuto la tundra e temperature intorno a 0℃, e non la neve con -40℃, rassicura. La cosa impressionante è che era quasi sempre giorno”. Sul posto aveva accesso a un appartamento e a un laboratorio per studiare i pesci, “comodità”, aggiunge.

Un’esperienza arricchente

Durante i suoi due soggiorni, ha avuto l’opportunità di collaborare con Milla Rautio, professoressa dell’Università del Quebec a Chicoutimi e membro del Centro per gli Studi Nordici, e il suo team. “Non avevo esperienza nella preparazione sul campo, quindi lei mi ha mostrato le corde e mi ha messo in contatto con i pescatori e gli scienziati Inuit sul posto”, racconta la dottoranda.

Il fatto che fosse una novizia non sfuggiva ai pescatori: “Era evidente che non ero abituato. Non avevo mai pescato. Mi hanno preso un po’ in giro, dice sorridendo. Abbiamo parlato poco, ma ci siamo scambiati risate. Ho imparato facendo”.

La comunità è stata molto accogliente. La giovane ricercatrice ricorda una guida che accompagnò lei e il suo collega ad un lago per proteggerli dagli orsi grizzly. “Ci ha raccontato delle storie e ci ha invitato a bere qualcosa con lui e sua moglie. Abbiamo condiviso dei momenti meravigliosi con la coppia Inuit.”

In una giornata tipo, Flora Amill sistemava le reti nel lago con uno zodiaco e poi raccoglieva i pesci poche ore dopo. A bordo della barca aveva dei frigoriferi per conservare i campioni fino al laboratorio. “Li abbiamo portati rapidamente alla stazione per la dissezione. Questa fase durava molto a lungo, a volte anche fino al primo mattino. Abbiamo preso un po’ di tutto per le nostre analisi: le branchie, gli intestini, le pinne adipose”. Quanto alla carne, venne restituita agli Inuit. Niente è andato perduto.

Risultati utili alle comunità

Attraverso il suo progetto di dottorato, ha caratterizzato il microbiota branchiale in diverse comunità di salmerino alpino. L’obiettivo era trovare i batteri predominanti e caratterizzare il microbiota in base alle condizioni ambientali e alla genetica dei pesci. “Abbiamo osservato un’influenza della temperatura e della salinità. Abbiamo riscontrato anche una correlazione con la presenza di mercurio nell’acqua”, spiega Flora Amill.

Perché studiare il microbiota branchiale? “I pesci hanno tre microbiota, quello della pelle, dell’intestino e delle branchie. I primi due sono abbastanza ben studiati, ma la ricerca sulle branchie è solo all’inizio. Si tratta però di un organo essenziale nei pesci poiché garantisce la respirazione, ma anche i processi osmoregolatori e ionoregolatori, essenziali nei pesci che migrano dalle acque dolci alle acque salate della costa per nutrirsi. Infine, è a diretto contatto con l’ambiente e filtra gli agenti contaminanti e gli agenti patogeni dall’acqua”, spiega Flora Amill.

I batteri che compongono il microbiota sono indicatori della salute dei pesci. Possono essere benefici o, nel caso dei batteri patogeni, causare malattie. Normalmente esiste un equilibrio che consente ai batteri benefici di proteggere i pesci dagli agenti patogeni. “Quando si verifica uno squilibrio causato dallo stress, come i cambiamenti fisico-chimici nell’acqua causati dalle attività umane o dai cambiamenti climatici, i pesci possono ammalarsi e morire, il che potrebbe portare a un calo della popolazione”, sottolinea il dottorando. Poiché questo pesce è parte integrante della dieta Inuit, una perdita colpirebbe le comunità.

La dottoranda ha pubblicato i risultati della sua ricerca sulla rivista scientifica Microbiology Spectrum e attualmente sta finendo di scrivere la sua tesi.

Dopo gli studi le piacerebbe lavorare come biologa per progetti di protezione del territorio e delle risorse nel Nord con i primi popoli.

“Ho sentito le comunità del nord dire che non pescavano più gli stessi pesci e non udivano più gli stessi uccelli. Il panorama sta cambiando e fa un po’ paura. Voglio contribuire a migliorare le cose, investire per contrastare questi importanti cambiamenti ascoltando le competenze delle popolazioni locali che conoscono la loro terra meglio di chiunque altro. C’è molto da fare.”

-

PREV Violenza domestica: almeno 10 donne strangolate a settimana
NEXT Collaborazione e creatività per togliere le persone dalla strada