Albert Rösti sostiene Basilea e Ginevra nel rilancio della linea Pied du Jura – rts.ch

Albert Rösti sostiene Basilea e Ginevra nel rilancio della linea Pied du Jura – rts.ch
Descriptive text here
-

Giovedì a Basilea, in occasione del congresso nazionale dedicato alle ferrovie, i Cantoni di Ginevra e Basilea hanno chiesto maggiori investimenti nelle loro reti ferroviarie. Hanno ricevuto il sostegno del consigliere federale Albert Rösti, che si è detto favorevole al ripristino dei treni diretti tra le due città.

Le autorità di Ginevra e Basilea hanno unito le forze in occasione del congresso ferroviario della Bahn24 per sensibilizzare la Confederazione sul destino riservato ai loro Cantoni dalle FFS e sui ritardi dei progetti ferroviari che li riguardano.

«Abbiamo la sensazione che stiamo investendo molto in altre regioni. Per questo motivo abbiamo problemi di capacità a Basilea, ma anche a Ginevra», ha dichiarato la consigliera di Stato di Basilea Città Esther Keller.

“Berna ci considera regioni periferiche, mentre Basilea e Ginevra sono due centri economici estremamente importanti per la Svizzera”, aggiunge il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet.

Supporto di Albert Rösti

I due cantoni frontalieri hanno ricevuto per l’occasione il sostegno di Albert Rösti. Il consigliere federale incaricato dei trasporti ha quindi chiesto la reintroduzione dei treni diretti tra Basilea e Ginevra via Delémont, Neuchâtel e Yverdon. Un collegamento diretto sostenuto anche da tutti i gruppi politici del Parlamento.

Anche Albert Rösti ha promesso miglioramenti nel quadro del messaggio ferroviario 2026 del Consiglio federale. Ha menzionato in particolare le future stazioni della metropolitana di Ginevra, Basilea e Lucerna e ha accolto con favore il progetto della RER nel cuore della città renana. I bernesi, però, sottolineano che occorre prima garantire il mantenimento della rete esistente.

Reagendo alle 19,30, Brenda Tuosto, consigliera nazionalsocialista di Vaud e membro dell’esecutivo di Yverdon, accoglie con favore l’impegno di Albert Rösti ma resta cauta. “Bisogna vedere concretamente cosa ciò significa e quali saranno le conseguenze del ripristino di questa linea. E il traffico nella Svizzera romanda subirà nuovamente un deterioramento, le linee principali di un’altra regione della Svizzera ne subiranno le conseguenze?”

>> Brenda Tuosto, consigliere nazionale (PS/VD), torna alle 19.30 sui temi legati allo sviluppo ferroviario:

Brenda Tuosto, consigliere nazionale PS, approfondisce i temi legati allo sviluppo ferroviario / 19:30 / 2 min. / oggi alle 19:30

Stazione metropolitana Cornavin

Anche Ginevra avrà diritto ai suoi adeguamenti. A Cornavin, per far fronte all’aumento della popolazione e migliorare l’offerta nel bacino del Lago di Ginevra e nella regione frontaliera ginevrina, sotto l’attuale stazione sarà necessario costruire una stazione sotterranea a due binari e i suoi due tunnel di accesso. La durata prevista dei lavori, secondo il CFF, è di 9 anni. Attualmente l’inchiesta pubblica è prevista per la fine del 2027, mentre il costo del progetto è stimato a 1,9 miliardi di franchi con una messa in servizio non prima del 2038.

Durante il congresso delle ferrovie, Pierre Maudet ha sottolineato che i Cantoni e le regioni devono essere i protagonisti di questi progetti, che hanno un impatto molto più ampio. Il Canton Ginevra applica già questo metodo, ha ricordato. Lo stesso vale a Basilea Città.

La vicedirettrice dell’Ufficio federale dei trasporti Anna Barbara Remund non si è opposta a questo principio, ma ha chiesto che la gestione dello sviluppo ferroviario rimanga nelle mani della Confederazione. Il ritmo della rete svizzera deve restare coordinato, ha affermato.

Vincent Ducrot invoca un sistema flessibile

Il direttore generale della CFF Vincent Ducrot ha auspicato un sistema ferroviario più flessibile, basato in particolare su grandi “hub” serviti ogni quarto d’ora.

In questo modo i treni non dovrebbero più attendere le coincidenze. Ha anche detto che vorrebbe che meno treni fermassero in ogni stazione, limitando così la capacità delle linee principali. Abbiamo bisogno di più “offerte visionarie” e di meno discussioni su miliardi di franchi, ha affermato.

boi con ats

-

PREV “Made in Morocco” sotto i riflettori al Salone Internazionale Canadese
NEXT Europei: Bardella lancia il conto alla rovescia per la vittoria annunciata a Perpignan: News