SENEGAL-MINES-PERFORMANCES / Thiès resta la prima regione mineraria, con un contributo di 91 miliardi di FCFA nel 2022 – Agenzia di stampa senegalese

SENEGAL-MINES-PERFORMANCES / Thiès resta la prima regione mineraria, con un contributo di 91 miliardi di FCFA nel 2022 – Agenzia di stampa senegalese
SENEGAL-MINES-PERFORMANCES / Thiès resta la prima regione mineraria, con un contributo di 91 miliardi di FCFA nel 2022 – Agenzia di stampa senegalese
-

Thiès, 2 mag. (APS) – La regione di Thiès resta la prima regione mineraria del Senegal, nel 2022, con una quota stimata in 91 miliardi di FCFA, su un contributo complessivo del settore estrattivo che ammonta a 275 miliardi di FCFA. secondo il rapporto del comitato nazionale dell’Iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive (EITI).

Circa 242 miliardi di FCFA della partecipazione del settore estrattivo sono finiti “direttamente nel bilancio dello Stato”, ha affermato Mamadou Ndour, direttore delle Miniere, che ha partecipato, in un albergo di Thiès, ad un seminario per diffondere il rapporto dell’EITI, per l’anno 2022.

“Durante il 2022, le società minerarie stabilite nella regione di Thiès hanno contribuito con 91 miliardi di FCFA, rispetto agli 83,7 miliardi di FCFA nel 2021”, ha aggiunto Ndour.

Nello stesso anno, le compagnie minerarie attive nella regione di Thiès impiegavano “4.399 persone, per un totale di buste paga dichiarate di 52 miliardi di FCFA”.

Secondo lui, le imprese estrattive hanno speso per l’acquisizione di beni e servizi e per i pagamenti ai subappaltatori, per un importo totale stimato a 762 miliardi di FCFA, di cui 155 alle imprese nazionali.

Nella regione di Thiès, Cements du Sahel (CDS) è in cima alla lista dei contribuenti, con 31,889 miliardi di FCFA, seguito da Grande Côte Opération (GCO), con 19,525 miliardi di FCFA, rileva il rapporto.

Dangote Industries Senegal si colloca in terza posizione (15,664 miliardi di FCFA), seguita da vicino da Industries Chimiques du Senegal (ICS), con 15,572 miliardi di FCFA.

I contributi delle altre cinque società estrattive variano da 45,444 milioni a 3,845 miliardi di FCFA.

I pagamenti sociali volontari effettuati dalle imprese ammontano a 1.503 milioni di FCFA, quelli obbligatori a 122.218 milioni di FCFA.

Per quanto riguarda le tasse ambientali, ammontano a 8,302 miliardi di FCFA, di cui 8,290 milioni di FCFA pagati dall’ICS e 12,572 milioni di FCFA da GCO.

Del contributo complessivo del settore estrattivo, pari a 275,33 miliardi di FCFA, 242,30 miliardi, pari all’88%, sono andati direttamente al bilancio dello Stato, 9,22 miliardi (3,35%) sono stati versati all’ECOWAS e all’UEMOA, 13,80 miliardi per i pagamenti sociali e ambientali.

Secondo il rapporto, circa 7,16 miliardi (2,60%) vengono raccolti nel capitale delle organizzazioni di raccolta.

ADI/OID

-

PREV Le navette fluviali torneranno presto, ma con un’offerta “aggiustata”.
NEXT SPORT: L’Hockey Club Dijon ospiterà la finale a quattro della D3