Marinaio ferito in collisione con la guardia costiera cinese

Marinaio ferito in collisione con la guardia costiera cinese
Marinaio ferito in collisione con la guardia costiera cinese
-

L’esercito filippino ha annunciato martedì che uno dei suoi marinai è rimasto gravemente ferito nella collisione avvenuta il giorno prima tra la sua barca e una nave della guardia costiera cinese nel Mar Cinese Meridionale. “Un membro della Marina filippina è stato gravemente ferito dopo una collisione intenzionale ad alta velocità” causata dalla guardia costiera cinese “durante una missione di rotazione e rifornimento”, ha affermato l’esercito in una nota.

Negli ultimi mesi l’atollo di Second Thomas Shoal è stato teatro di un numero crescente di scontri tra navi cinesi e filippine. L’esercito filippino ha aggiunto che il marinaio è stato “evacuato in modo sicuro e ha ricevuto cure mediche immediate”, senza fornire ulteriori dettagli sul suo infortunio.

Questi incidenti sono avvenuti spesso durante le missioni di rifornimento delle Filippine ai militari presenti sulla BRP Sierra Madre, una nave da guerra deliberatamente arenata sull’atollo con l’obiettivo di farne un avamposto e far valere le proprie rivendicazioni di sovranità nei confronti della Cina. Il secondo atollo di Thomas si trova a circa 200 km dall’isola filippina di Palawan e a più di 1000 km dalla grande isola cinese più vicina, Hainan.

La guardia costiera cinese ha detto lunedì che una nave da rifornimento filippina nella zona aveva “ignorato numerosi avvertimenti solenni provenienti dalla Cina” e “adottato misure di controllo” contro di essa “in conformità con la legge”. La barca “si è avvicinata alla (…) nave cinese in modo poco professionale, provocando una collisione”, ha assicurato Pechino. L’esercito filippino ha immediatamente respinto queste accuse, definendole “fuorvianti e false”. Il segretario alla Difesa filippino Gilberto Teodoro ha promesso che l’esercito filippino avrebbe resistito alle azioni cinesi.

-

NEXT Le Antille minacciate dall’uragano Béryl, classificato come “estremamente pericoloso”: notizie