Il Regno Unito espellerà l’addetto alla difesa russo accusato di essere una spia

-
>>

Il ministro degli Interni britannico James Cleverly lascia Downing Street a Londra il 7 maggio 2024. ISABEL INFANTES / REUTERS

Il Regno Unito espellerà l’addetto alla difesa russo nel Regno Unito, descritto da Londra come a “ufficiale dell’intelligence militare non dichiarato”, ha annunciato mercoledì 8 maggio il ministro dell’Interno, James Cleverly. In una dichiarazione al Parlamento il “attività dannose” attribuite alla Russia, il capo del Ministero degli Interni ha inoltre annunciato che diverse proprietà russe sul suolo britannico, che Londra sospetta siano state utilizzate “a scopo informativo”perderebbero il loro status diplomatico.

Anche James Cleverly ha annunciato “nuove restrizioni sui visti diplomatici russi”, in particolare limitando il tempo che i diplomatici russi possono trascorrere nel Regno Unito. Secondo lui, le misure messe in atto da Londra e dai suoi alleati negli ultimi anni “Rendono già il Regno Unito un luogo estremamente difficile per i servizi segreti russi in cui operare”.

“Espelleremo l’addetto alla difesa russo, che è un ufficiale dell’intelligence militare non dichiarato”, ha dichiarato ai deputati il ​​capo del Ministero dell’Interno. Un addetto alla difesa è un membro delle forze armate che presta servizio in un’ambasciata e che rappresenta il settore della difesa del proprio Paese all’estero.

Il Regno Unito si aspetta “accuse di russofobia”

“Il nostro messaggio alla Russia è chiaro: fermare questa guerra illegale, ritirare le truppe dall’Ucraina, fermare queste attività dannose”ha lanciato James Cleverly, avvertendo che il Regno Unito dovrebbe aspettarsi “nei prossimi giorni” ha “Accuse di russofobia, teorie del complotto e isteria da parte del governo russo”.

Alla fine di aprile, il Regno Unito ha chiesto “fine immediata” delle “attività dannose orchestrate dalla Russia” sul suo terreno. Questa dichiarazione è arrivata dopo l’incriminazione a Londra di un ventenne britannico, ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale, per la presunta organizzazione di attentati contro “imprese legate all’Ucraina”.

Poi, il 2 maggio, i paesi della NATO si sono detti “profondamente preoccupato per attività dannose” della Russia sul loro territorio e hanno assicurato che non lo avrebbero fatto “dissuadere[aient] di non continuare a sostenere l’Ucraina”.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Il Regno Unito e i suoi alleati accusano la Russia di molteplici operazioni di hacking e manipolazione

Aggiungi alle tue selezioni

Il mondo con l’AFP

Riutilizza questo contenuto

-

PREV Londra considera l’addetto russo una spia e lo espellerà
NEXT In Argentina, Javier Milei affronta la prova della realtà economica