L’ex presidente Bolsonaro ricoverato in ospedale per un’infezione alla pelle

L’ex presidente Bolsonaro ricoverato in ospedale per un’infezione alla pelle
L’ex presidente Bolsonaro ricoverato in ospedale per un’infezione alla pelle
-

L’ex presidente del Brasile, Jair Bolsonaro

Foto: KEYSTONE/AP/Bruna Prado

L’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha annunciato domenica di essere stato ricoverato in un ospedale nella città settentrionale di Manaus per curare un’infezione alla pelle.

‘Sono ricoverato all’ospedale Santa Julia di Manaus. Ho l’erisipela, non è prevista una data di dimissione dall’ospedale”, ha detto il leader dell’estrema destra brasiliana, 69 anni, alla rete X.

L’erisipela è un’infezione batterica caratterizzata da infiammazione della pelle. Una dolorosa chiazza rossa appare molto spesso sulle gambe e talvolta sul viso, accompagnata da febbre.

Il signor Bolsonaro “è stato ricoverato (…) ieri (sabato) mattina a causa di disidratazione e un’infezione della pelle”, ha dichiarato domenica l’ospedale Santa Julia in un comunicato. “Resta ricoverato in ospedale per terapia antibiotica endovenosa e reidratazione”, si aggiunge.

L’ex presidente (2019-2022) è arrivato venerdì a Manaus, capitale dell’Amazzonia brasiliana, per sostenere il deputato Alberto Neto, candidato sindaco di Manaus, nello stato di Amazonas.

Domenica, il signor Neto ha pubblicato sui suoi social media una foto di se stesso accanto al signor Bolsonaro, sorridente, sdraiato in una stanza d’ospedale. Con l’avvicinarsi delle elezioni municipali di ottobre, l’ex presidente sta viaggiando per il Paese per sostenere i candidati del suo partito.

Negli ultimi anni Bolsonaro è stato sottoposto a diversi interventi chirurgici, l’ultimo dei quali nel settembre 2023 a San Paolo, per complicazioni legate alla coltellata ricevuta nel 2018 nella regione addominale durante la campagna elettorale.

/ATS

-

PREV Anche in porto, i sottomarini russi sembrano rimanere sott’acqua di fronte agli attacchi ucraini
NEXT “L’Occidente sta reimparando l’uso del linguaggio nucleare”