Un progetto di oratorio presentato dagli studenti delle scuole medie agli ospiti della casa di cura Fioretti di Bourges

Un progetto di oratorio presentato dagli studenti delle scuole medie agli ospiti della casa di cura Fioretti di Bourges
Un progetto di oratorio presentato dagli studenti delle scuole medie agli ospiti della casa di cura Fioretti di Bourges
-

Gli studenti del terzo anno del collegio Jules-Verne hanno presentato ai residenti di una casa di cura di Bourges i testi elaborati durante un progetto di eloquenza solidale.

Una classe del terzo anno del collegio Jules-Verne si è recata ieri alla casa di cura Fioretti di Bourges. Sono andati a incontrare una decina di residenti per leggere loro scritti, poesie e testi da loro scritti, nell’ambito di un progetto di oratorio. “Questo progetto, finanziato dalle Città Educative, realizzato con una classe del collegio Victor-Hugo, ha dato luogo ad una sorta di concorso di eloquenza, il 19 aprile, all’IUT di Bourges”, presenta Marie Favre, professoressa di francese all’Università Collegio Jules Verne.

premio I disturbi mentali sono diventati, nel 2022, la principale voce di spesa dell’Assicurazione Sanitaria

Il tema di questo concorso era l’adolescenza. Sollecitata da una facilitatrice della casa di cura, Lilian Courtois, ex direttrice del collegio, la professoressa ha quindi lavorato con i suoi studenti delle scuole medie, affinché potessero venire a leggere una selezione dei loro testi. “Ai residenti piace vedere i giovani e parlare con loro”, dice il facilitatore, che coinvolge anche i giovani nel centro ricreativo. Al termine di ogni lettura i giovani erano ricoperti di applausi.

Questa lettura fa parte della giornata di solidarietà che il collegio Jules-Verne organizza ogni anno. Gli studenti hanno anche consegnato l’attestato agli esami orali, sostenuti questa settimana, su temi “meno divertenti”, le guerre del secolo scorso, che fanno parte del programma del terzo anno.

Un esercizio che fa bene a tutti

Arthur Rimbaud, Paul Éluard… i sedici futuri liceali continuavano, testo dopo testo, a portare la loro voce al meglio delle loro possibilità, e ad incarnarli uno per uno.

Ad una delle residenti, particolarmente coinvolta negli esercizi di questi giovani, anche in conversazione con alcuni, la professoressa Marie Favre ha promesso che sarebbe tornata.

Questo scambio intergenerazionale avrà portato benefici ai giovani del college e ai loro anziani nella casa di cura.

Tristan-Sacha Bruchet

-

PREV Pronostico gratuito del GRAND PRIX DU LION D’ANGERS
NEXT Novità da Kendji Girac: infortunio, indagini e ritorno in scena