omaggio a George Lucas, standing ovation… Momenti salienti della cerimonia di chiusura

omaggio a George Lucas, standing ovation… Momenti salienti della cerimonia di chiusura
omaggio a George Lucas, standing ovation… Momenti salienti della cerimonia di chiusura
-

Un inizio di cerimonia sulle note di “Star Wars”. L’attrice francese Camille Cottin ha aperto il suo discorso di chiusura del 77° Festival di Cannes sullo sfondo delle musiche della saga di George Lucas, paragonando la giuria a “otto Jedi e la loro amante Yoda”, o la regista Greta Gerwig, questo sabato 25 maggio. L’attrice ha parlato dei film in concorso come “22 Guerrieri dell’Alleanza Ribelle”in un altro cenno al blockbuster americano.

Una Palma d’Onore assegnata a George Lucas

Un nuovo riferimento ai celebri film non è di poco conto visto che il padre di “Star Wars” è stato insignito della Palma d’Onore da Francis Ford Coppola, tra gli applausi di pubblico e giuria. Il regista-produttore, monumento di Hollywood, 80 anni, commosso fino alle lacrime sul palco, era già stato acclamato al suo arrivo sul red carpet, prima della premiazione.

Un montaggio di estratti della saga con battute cult, ” Che la forza sia con te “, ” Sono tuo padre “, è stato proiettato nella stanza. Giorgio Lucas “ha sempre regalato al film di successo, alle sue lettere di nobiltà e agli spettatori di tutto il mondo, un piacere senza pari”aveva elogiato i funzionari di Cannes in un comunicato stampa prima del Festival.

Anche George Lucas lo è “un produttore eccezionale”come ci ricorda il Festival: oltre Star Wars, è “associato allo sviluppo di film leggendari di diversi registi, da “Kagemusha” di Akira Kurosawa alla saga di “Indiana Jones”, da lui immaginata (lanciata da Steven Spielberg dietro la macchina da presa, ndr)”.

L’emozione di Karla Sofía Gascón, prima attrice trans premiata

Le attrici del musical “Emilia Perez” di Jacques Audiard, tra cui l’attrice transgender Karla Sofía Gascón, Selena Gomez e Zoe Saldana, hanno ricevuto un premio congiunto per la performance femminile. Karla Sofía Gascón, 52 anni, che ha iniziato la sua transizione di genere a 46 anni, è la rivelazione di questo film in cui interpreta il ruolo principale, quello di una trafficante di droga che si sente profondamente femminile e cambia genere.

Karla Sofía Gascón ha dedicato il suo premio a “tutte le persone trans che soffrono”. “ Voglio che queste persone credano, come in ‘Emilia Perez’, che è sempre possibile migliorare.”ha detto sul palco.

Il suo premio per la performance, finora assegnato sempre ad attrici cisgender, è un segnale forte contro la discriminazione nei confronti delle persone transgender. La loro visibilità è stata più forte che mai durante questa 77esima edizione del Festival di Cannes, in particolare in questa straordinaria commedia musicale, girata in spagnolo.

Una standing ovation per Mohammad Rasoulof

Il regista iraniano Mohammad Rasoulof, 51 anni, ha ricevuto un premio speciale della giuria per il suo film “I semi del fico selvatico” dopo essere riuscito a fuggire clandestinamente dal regime dei mullah.

Il premio è un simbolo di sostegno agli artisti iraniani vittime della repressione e una consacrazione per un regista che ha sfidato la censura per decenni prima di risolversi nell’esilio. “Permettetemi di rivolgere un pensiero a tutti i membri del mio team che non sono con me per celebrare questo premio. Il mio direttore della fotografia, un certo numero di tecnici, che sono sotto pressione. Il mio cuore è soprattutto con loro”ha dichiarato Mohammad Rasoulof mentre riceveva il premio, accolto da una standing ovation dalla sala.

Standing ovation per il regista iraniano Mohammad Rasoulof. | PASCALE VERGEREAU / FRANCIA OCCIDENTALE
Visualizza a schermo intero
Standing ovation per il regista iraniano Mohammad Rasoulof. | PASCALE VERGEREAU / FRANCIA OCCIDENTALE

“Il mio popolo vive ogni giorno sotto un regime che lo ha preso in ostaggio”ha continuato il regista, augurandosi “Saluto tutte queste giovani donne il cui sconfinato coraggio ha reso possibile questo film”.

-

PREV Fougères Musicales mette sotto i riflettori la chiesa di Saint-Sulpice
NEXT Valady. Jean Couet-Guichot e Gaya Wisniewski, due artisti residenti nella regione