Lavelanet. Quentin Dupieux eccelle con “Il secondo atto”

Lavelanet. Quentin Dupieux eccelle con “Il secondo atto”
Lavelanet. Quentin Dupieux eccelle con “Il secondo atto”
-

Il team del Casinò si è innamorato del film “Il secondo atto” che ha aperto il 77° Festival di Cannes.

Maestro nell’arte dell’imprevedibile e della scrittura che colpisce nel segno, Quentin Dupieux dimostra ancora una volta il suo talento con “Il secondo atto”, un grande successo che riunisce icone francesi come Vincent Lindon, Léa Seydoux, Louis Garrel e astri nascenti Raffaello Quenard. Partendo da una storia apparentemente banale, un padre che incontra per la prima volta il fidanzato di sua figlia in un ristorante situato in mezzo al nulla, Quentin Dupieux trascina lo spettatore con sé in strati narrativi clamorosi. Se la sorpresa permanente è intimamente associata allo stile di questo cineasta che sa cogliere il materiale cinematografico come nessun altro, “Il secondo atto” è definito un’opera saldamente ancorata alle principali considerazioni del suo tempo. Dopo lo stupefacente “Yannick” (2023), Quentin Dupieux mette ancora una volta l’assurdo al servizio di una riflessione generale sull’aggressività del mondo e sulle sue conseguenze. Sequenza dopo sequenza, l’autore si interroga sul destino e l’utilità della settima arte, sull’egocentrismo delle star, sulla nozione di identità, sul posto della tecnologia e dell’intelligenza artificiale nelle nostre vite. Con umorismo, Quentin Dupieux soppesa il peso delle parole e delle azioni, si sforza di offuscare le nostre certezze, rappresenta la compenetrazione tra realtà e finzione e come le bugie diventano verità. Una vera impresa.

“Il Secondo Atto” va in onda oggi alle 18, giovedì alle 19, venerdì alle 21, sabato alle 18, domenica alle 19 e martedì alle 18.

-

PREV Émilie Dequenne e suo marito più innamorati che mai alla première di “Survivre”
NEXT Nina Tika Festival, il luogo d’incontro tra arte e yoga a Saint-Pierre-de-Clairac