Celebrazione del Mese dell’Europa: lancio ufficiale delle attività a Brazzaville

-

Ogni anno e da molto tempo, la celebrazione del Mese dell’Europa si apre tradizionalmente con un’attività culturale. “ La cultura ha il suo posto nel partenariato tra Unione Europea e Congo, e se ne parlerà molto durante questo mese di celebrazione dell’Europa. La scena di un film, il colore sorprendente di un dipinto, i gesti di una coreografia, il fraseggio di un testo, la musicalità di un bicchiere hanno, ad esempio, questa capacità di unirci nell’emozione, per quanto dissimili siamo gli uni dagli altri . La cultura può riannodare il legame che si è spezzato, riparare ciò che è stato danneggiato, ricostruire ciò che ci sembra rotto. ”, ha affermato nel suo intervento l’Ambasciatore Giacomo Durrazo.

Per l’apertura di questo 64e edizione, sono previste due attività tra cui l’inaugurazione di una mostra fotografica che materializza il tema di questa edizione. “ Se abbiamo deciso di incontrarvi prima in sala è perché il tema di questa celebrazione del Mese dell’Europa è agire con i giovani per trasformare il mondo. E quando diciamo mondo, intendiamo il mondo nella sua normalità, ma anche la sua quotidianità qui in Congo. Abbiamo quindi voluto mettere in evidenza, attraverso questa mostra, i ritratti di un certo numero di giovani con i quali collabora la delegazione UE-Congo o l’IFC. Alcuni da anni, altri più recentemente, in tutti i settori”, ha spiegato Azaad Monte, responsabile della comunicazione della delegazione UE-Congo.

Tra questi giovani in vetrina citiamo le cantanti Nestelia Forest e Jessy B; gli sbattitori Mariusca Moukengue e Mwassi Moyindo; lo scrittore di sbandati Fann Attiki; i fotografi Lebon Zed, Armel Mboumba, Baudoin Mouanda, Mirna Kintombo e Ralff Therance; il comico Semplicemente Perfetto; le scienziate Line e Naomie; le sentinelle ambientali Paule Sarah Nguie, Andy Bongo e Divine Ibinda; il falegname Shadi Kaya; l’agroecologa Leaticia Owoa; eccetera.

“Batiment 5” lancia il festival del cinema europeo e africano

Dopo aver visitato la mostra, i funzionari composti, tra gli altri, dagli ambasciatori dell’UE, Francia, Italia, India, Brasile… e altri ospiti si sono diretti verso la sala Savorgnan per seguire la proiezione del film in onore della serata inaugurale di questa 64e celebrazione del Mese dell’Europa: “Edificio 5” detto anche “Les Undesirables”. Lungometraggio drammatico di circa 1 ora e 40 minuti diretto da Ladj Ly, “Bâtiment 5” racconta la storia di Haby, una giovane donna di colore molto coinvolta nella vita del suo comune in Francia, che scoprirà il nuovo piano di riqualificazione del quartiere di con cui è cresciuta. Infatti, l’edificio dove è cresciuta verrà presto demolito. Con la sua famiglia si lancia in una situazione di stallo contro il comune che sta realizzando questo progetto, per evitare la distruzione dell’edificio 5….

Con questo film, Ladj Ly, regista-sceneggiatore francese di origine maliana, traccia un bilancio catastrofico di queste città parigine che erano tuttavia l’espressione di un’utopia negli anni ’60. Un affresco urbano che immerge lo spettatore nella Francia-Africa. L'”Edificio 5″, insalubre, mette a confronto due realtà, due mondi che non si capiscono più: da un lato, gli abitanti che vivono di poco conto, dall’altro, una casta politica sconnessa, bloccata nelle strategie elettorali .

Con il cast di Anta Diaw, Alexis Manenti, Aristote Luyindula…, questo film ha permesso, tra gli altri, al pubblico congolese di liberarsi da un certo idealismo dell’Europa ma soprattutto ha permesso a tutti di prendere coscienza che la violenza e l’ingiustizia non fanno altro che alimentare la violenza. e ribellione. “ Il film si conclude con una nota di speranza. Trovo che tutti ci rimettono e questo alla fine, sia attivando politiche poco favorevoli alle persone in difficoltà sociale, ma anche creando questo clima di violenza. Questo dovrebbe farci riflettere su come affrontare questo tipo di problema. ”, ha confidato il capo della delegazione UE-Congo.

Celebrazione del Mese dell’Europa: un programma ricco e variegato

Quest’anno, la celebrazione del Mese dell’Europa esce dai tradizionali confini del mese di maggio per estendersi fino alla fine di giugno attorno a una serie di attività, ovvero il festival cinematografico che unisce film europei e africani che porterà gli organizzatori nei distretti di Brazzaville per incontrare il pubblico, ma anche a Pointe-Noire e Owando, per proiezioni e scambi sotto forma di cineforum.

Inoltre, questa celebrazione vibrerà al ritmo di una settimana della moda in collaborazione con l’IFC; un festival fotografico “Kokutan’art” in collaborazione con Mbongui art photo; incontri dei giovani cittadini; formazione nella produzione di documentari.

Sul piano politico, questo mese dell’Europa sarà naturalmente incentrato sulle elezioni europee che si svolgeranno dal 6 al 9 giugno e vedranno rinnovarsi i principali organi dell’Ue per i prossimi cinque anni.

-

PREV “Il peggior evento di sempre”: l’ospite del matrimonio di Meghan e Harry distrugge la coppia
NEXT Festival di Cannes – Mohammad Rasoulof al JDD: “In due ore ho deciso di lasciare il mio Paese”