La serie della settimana | In una galassia vicino a te: 25 anni di missione: nostalgici in orbita

-

Nel 1999, In una galassia vicino a te è atterrato sulle onde radio del defunto Canal Famille. Un’intera generazione è cresciuta – e ha riso molto – seguendo l’equipaggio del Romano Fafard che cercava un pianeta “per spostare sei miliardi di tata”. Perché la serie ha avuto così tanto successo? Il conduttore, comico e fan dello show Matthieu Pepper esamina la questione nel documentario in tre episodi In una galassia vicino a te: 25 anni di missione. Panoramica.


Inserito alle 1:09

Aggiornato alle 9:00

Indietro nel passato






Per iniziare la sua ricerca, Matthieu Pepper si reca “dove tutto ha avuto inizio”, all’Università del Quebec a Montreal (UQAM), in compagnia dei creatori della serie Pierre-Yves Bernard e Claude Legault. Negli anni ’80 fu qui che i due amici si incontrarono per scrivere, anche se non studiavano lì. Nel 1991 hanno presentato il loro progetto a diverse società di produzione. “Non funzionerebbe mai in Quebec”, si dice, rivela Pierre-Yves Bernard. Un colpo di fortuna, la tenacia e il sostegno di diversi attori del settore, tra cui Monic Lessard, vicepresidente di Canal Famille dal 1994 al 2000, hanno permesso il decollo del Romano Fafard, si apprende, attraverso le interviste presentate nel documentario. E questo nonostante un catastrofico episodio pilota girato in “francese internazionale”, che è stato accolto male dai partecipanti ad un gruppo di discussione (gruppo di discussione).

Grande cameratismo

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO PAUL DUCHARME, FORNITA DA CRAVE

Stéphane Crête, Guy Jodoin, Sylvie Moreau e Réal Bossé

Sospettavamo che esistesse, ma il documentario lo conferma: un bellissimo cameratismo unisce tutti gli attori In una galassia vicino a te. “Siamo davvero come fratelli e sorelle”, dice Guy Jodoin, durante un segmento in cui tutti gli artisti sono riuniti attorno a un grande tavolo. Questa complicità è visibile nelle interviste realizzate per il documentario, ma soprattutto nei numerosi video d’archivio che riporteranno i fan nei loro ricordi. Assaporiamo il diverso paperecome questo momento in cui Stéphane Crête non riesce a non ridere, mentre Guy Jodoin e Didier Lucien sono davanti a lui vestiti con camicie cropped con maniche a sbuffo e colorate.

Equipaggio originale

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO DI ARCHIVIO FORNITA DA VRAK

La squadra della prima stagione di In una galassia vicino a te

Per i nostalgici, il documentario è anche l’occasione per rivedere tre attori della prima stagione: Pascale Montpetit (la dottoressa Mirabella), Paul Ahmarani (il mercenario Falbo) e Isabelle Brossard (la psicologa Valence, ruolo poi assunto da Sylvie Moreau). ). Sono stati soprattutto i problemi di programmazione a spingerli a ritirarsi In una galassia vicino a te. “Non avevo scelta, ma mi pento della mia scelta”, confida Pascale Montpetit con gli occhi umidi.

Rivelazioni sorprendenti

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO FORNITA DA CRAVE

Claude Legault

Il documentario include alcune rivelazioni sorprendenti. Perché gli autori hanno integrato nella serie il concetto di rigenerazione, questi periodi in cui un personaggio è assente dallo schermo perché sta ricostituendo le sue energie? Perché Claude Legault non ha potuto girare i primi sei episodi della serie poiché aveva un contratto pubblicitario con la società Labatt. Apprendiamo anche che l’attore e autore avrebbe voluto scrivere una quinta stagione, ma che il suo complice Pierre-Yves Bernard ha preferito voltare pagina.

Messaggio ancora rilevante

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO ANDRÉ PICHETTE, ARCHIVIO LA PRESSE

La marcia per il clima nelle strade di Montreal, nel 2019

Nel 2019, durante la marcia per il clima a Montreal con Greta Thunberg, molti manifestanti portavano cartelli che facevano riferimento In una galassia vicino a te, sottolinea il documentario. “È stato allora che ho capito la portata di questa serie”, afferma Guy Jodoin. Anche se era uno spettacolo dall’umorismo assurdo, ha sensibilizzato molti giovani (e meno giovani) sulla causa ambientale. Claude Legault è tuttavia rattristato dal fatto che il punto di partenza della serie secondo cui “la Terra sta morendo sotto i raggi del sole” sembra diventare a poco a poco una profezia. “È pazzesco che se ne parlasse in uno show televisivo negli anni ’90 e che 25 anni dopo il messaggio sia lo stesso”, sottolinea l’ingegnere aerospaziale Farah Alibay nel documentario.

Impatto su una generazione

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO PATRICK SANFAÇON, ARCHIVIO LA PRESSE

Réal Bossé saluta i fan sul tappeto rosso del primo film, nel 2004.

Come lei, molti trentenni, adolescenti all’epoca delle prime trasmissioni, sono stati segnati In una galassia vicino a te. Matthieu Pepper ammette di essersi “innamorato dell’umorismo” grazie allo spettacolo. Anche a distanza di anni dalla messa in onda della serie (dal 1999 al 2002) e dall’uscita dei due film (2004 e 2008), i fan restano numerosi e l’entusiasmo intorno In una galassia vicino a te persiste. “La gente me ne parla quasi ogni giorno”, dice Guy Jodoin. E sicuramente continueremo a parlarne, perché è in preparazione un terzo film.

La serie di documentari In una galassia vicino a te: 25 anni di missione è disponibile su Crave. È anche possibile rivedere le quattro stagioni dello show sul sito di TV5 Unis.

-

PREV Cultura – Tempo libero – A Zonza: il fascino culturale di Zonz’art! per celebrare la Resistenza
NEXT È morto il presentatore e scrittore Bernard Pivot