Telelavoro: equilibri e carriere in pericolo?

Telelavoro: equilibri e carriere in pericolo?
Telelavoro: equilibri e carriere in pericolo?
-

Il ricorso al telelavoro è esploso in tutto il mondo durante il periodo di confinamento e un ritorno alla situazione ex ante sembra impossibile. Quasi tre quarti dei giovani si dicono pronti a lasciare il lavoro se sono costretti a recarsi in ufficio a tempo pieno! Per mantenere questa flessibilità, alcuni accetterebbero addirittura di essere pagati di meno. La Francia partecipa al movimento. Dopo la pandemia di Covid-19, la percentuale di dipendenti che telelavorano è aumentata della metà in Francia: erano poco più del 20%, e oggi un terzo lavora tutto o in parte da casa.

Tuttavia, secondo un sondaggio condotto dal Boston Consulting Group (BCG) nel 2021, i dipendenti francesi si distinguono. Meno del 10% di coloro che possono usufruire del telelavoro afferma di essere favorevole al telelavoro a tempo pieno, rispetto al 25% dei dipendenti a livello internazionale.

Le specificità del management francese, in media più gerarchico e controllante che altrove, spiegano in gran parte questo significativo divario. Anche la scarsa accettazione dell’incertezza gioca un ruolo. I manager francesi, più di altri, vogliono tenere d’occhio i dipendenti e considerano la loro separazione come un rischio che hanno difficoltà ad affrontare. “Nel telelavoro c’è la televisione”, scherza ad esempio uno di loro, turbato dall’idea di non avere le sue “truppe” nel suo campo visivo.

I dipendenti, dal canto loro, sono abituati a un controllo rigoroso e temono di sentirsi messi da parte se non si recano regolarmente in ufficio. Lo testimoniano le interviste che abbiamo condotto ai dipendenti di grandi aziende francesi che lavorano da remoto. L’isolamento è un problema ricorrente.

“Solo poter incontrare un collega che chiede notizie, in realtà, è prezioso”, “Tutto solo a casa, a volte mi sento un fantasma”, “A volte torno al computer fuori dall’orario di lavoro, semplicemente per sentirsi in contatto con gli altri”,…

Molti hanno anche sottolineato la mancanza di informazioni che deriva da questo isolamento. “Sono meno preoccupato ma sento che mi sto perdendo molti scambi. I colleghi che sono in ufficio certe cose si tengono per sé”, osserva una dirigente donna, ammettendo di sentirsi “fuori dal cerchio”.

Quando non tutti i dipendenti sono sulla stessa barca, chi non viene mai, o quasi mai, sul posto corre il rischio di ritrovarsi emarginato. “Quando sei lontano è come se perdessi parte della tua visibilità. Si creano meno legami, si è meno valorizzati, meno ascoltati”, ha spiegato uno dei nostri interlocutori. “Ho pochi contatti con persone esterne al mio dipartimento. Il giorno in cui voglio progredire professionalmente, rischio di pagarlo”, ha analizzato un altro.

Donne svantaggiate

Le piattaforme di comunicazione digitale predisposte dalla maggior parte delle organizzazioni non possono sostituire completamente le comunicazioni informali che di solito avvengono attorno alla macchinetta del caffè o nei corridoi. Naturalmente è possibile, attraverso queste piattaforme, porre domande “alla comunità” per ottenere informazioni. Ma non tutti hanno la stessa capacità di ammettere la propria ignoranza e chiedere aiuto. Le donne, ad esempio, preferiscono parlare con persone che conoscono bene. Sono quindi svantaggiati da questi sistemi apparentemente neutrali. Vengono penalizzate anche le persone appartenenti a minoranze, o con particolari vulnerabilità.

Anche la questione della regolamentazione dell’orario di lavoro è stata sollevata più volte durante le nostre interviste. “Ho la libertà di gestire il mio tempo, ma in realtà faccio più di prima per dimostrare che sono sul ponte”, “Sento diffidenza da parte del mio superiore, quindi cerco sempre di dimostrare il mio coinvolgimento”, “A volte capita diventa assurdo, accetto di essere sempre a disposizione”,…

Infatti, l’esistenza di un certo eccesso di lavoro è oggi dimostrata. Uno studio di Microsoft ha stimato che le persone lavoravano in media 46 minuti in più al giorno quando lavoravano da remoto. Ciò si spiega con la mancanza di confini chiari tra compiti professionali e sfera privata, ma gli strumenti tecnologici creano anche maggiori aspettative di reattività.

La politica aziendale gioca un ruolo importante.

La presenza in ufficio oggi resta percepita dalla maggioranza dei manager come un indicatore di coinvolgimento e quindi incide sulle valutazioni. Il telelavoro riduce anche le opportunità per i dipendenti di essere guidati da manager esperti e di mettere in risalto il proprio know-how e i propri risultati. Riduce anche la loro partecipazione al processo decisionale.

Un impatto sulle carriere

Senza un sostegno proattivo da parte dell’azienda ai telelavoratori, la ricerca mostra quindi un impatto del telelavoro sulle carriere.

Il divario non è tra chi telelavora e gli altri, ma dipende dal tempo trascorso in telelavoro. Maggiore è il tempo impiegato, maggiori saranno gli effetti negativi sulla carriera, soprattutto se gli altri dipendenti dell’organizzazione raramente lavorano in telelavoro.

Con questi dati in mente, tutti devono prendersi il tempo per valutare i pro e i contro prima di chiedere di lavorare da casa.

Quando l’anzianità è un plus

Alcune posizioni si prestano meglio di altre a questa formula. È più facile fare telelavoro quando si hanno compiti perfettamente definiti, con risultati personali facili da valutare e non troppa interdipendenza nei compiti.

Anche l’anzianità nell’organizzazione è un criterio. Un nuovo arrivato ha bisogno di fare rete e conoscere altri dipendenti. Qualcuno con più esperienza, con connessioni sociali e potere decisionale già consolidati, avrà molto meno da perdere.

Il networking remoto è molto più difficile che di persona. Esiste un’organizzazione adeguata per facilitare i collegamenti? Ad esempio, riunioni regolari e informali del team, senza obiettivi specifici, ma che consentano legami più stretti, anche a distanza? Sappiamo che i colloqui individuali regolari con i dirigenti riducono gli effetti dannosi del telelavoro sugli incrementi individuali.

Sono previsti incontri di questo tipo dal vivo? Ovviamente va tenuto conto anche del modo in cui parliamo delle persone che lavorano completamente in telelavoro. Vengono criticati dietro le quinte? Al contrario, vengono sistematicamente inclusi durante i grandi eventi? Di quali risorse specifiche dispongono?

Il telelavoro è una sfida per la carriera e per l’equilibrio personale, ma se ne siamo consapevoli e se l’azienda si mobilita, questa sfida può essere vinta.

-

PREV STM: il numero di passeggeri non è tornato ai livelli pre-pandemia
NEXT Secondo uno studio della McGill | Sono necessari maggiori investimenti nella rete di autobus per riconquistare il numero di passeggeri pre-pandemia