Le tariffe proposte dalla Yara sul nitrato di ammonio brasiliano suscitano polemiche

Le tariffe proposte dalla Yara sul nitrato di ammonio brasiliano suscitano polemiche
Le tariffe proposte dalla Yara sul nitrato di ammonio brasiliano suscitano polemiche
-

Una proposta per imporre tariffe sulle importazioni di nitrato di ammonio ha contrapposto la lobby dell’industria chimica Abiquim ai miscelatori locali di fertilizzanti e ai potenti produttori alimentari che favoriscono le forniture straniere.

La richiesta di Abiquim, ancora all’esame del Ministero dello Sviluppo e del Commercio, evidenzia le implicazioni più ampie delle sanzioni occidentali contro la Russia, che secondo la lobby hanno finito per favorire gli esportatori asiatici attraverso l’accesso a basso costo al gas naturale utilizzato come materia prima e combustibile per produrre sostanze nutritive per le colture. .

I critici della tassa sul nitrato di ammonio, utilizzato anche negli esplosivi, affermano che le tariffe penalizzerebbero circa il 90% del consumo nazionale, con il Brasile che dipende principalmente dalle importazioni per il suo approvvigionamento.

L’anno scorso, secondo i dati commerciali, il Paese ha importato 1,1 milioni di tonnellate, l’84% delle quali proveniva dalla Russia. Quest’anno, fino a maggio, le importazioni sono ammontate a 629.497 tonnellate contro una produzione nazionale di 64.143 tonnellate, secondo il gruppo di fertilizzanti Siacesp, con sede a San Paolo.

L’azienda norvegese Yara, unico produttore del Brasile, ha difeso la proposta di Abiquim ammettendo che “non è la risposta a lungo termine”.

“È ovvio che la soluzione strutturante per il Paese è avere un gas naturale competitivo, anche se la tariffa è uno strumento importante per garantire l’uguaglianza del mercato e salvaguardare l’industria nazionale”, ha dichiarato in un comunicato stampa inviato a Reuters.

La capacità produttiva interna di Yara è di 416.000 tonnellate. L’azienda ha dichiarato di aver prodotto lo scorso anno circa 90.000 tonnellate di nitrato di ammonio per uso agricolo.

Il presidente di Abiquim, Andre Cordeiro, ha affermato in un’intervista che le tariffe temporanee fornirebbero condizioni di parità contro le importazioni in un momento in cui l’utilizzo della capacità dell’industria chimica nazionale ha raggiunto il livello più basso degli ultimi 30 anni, con una media del 64%.

Ha osservato che i prezzi del gas naturale possono essere fino a sette volte più alti in Brasile, aggiungendo che un diluvio di importazioni a basso costo può far fallire le aziende, inclusa l’unità Yara nello Stato di San Paolo.

Abiquim ha chiesto che l’imposta sul nitrato di ammonio venga aumentata dallo zero al 15%.

L’AMA, che rappresenta i miscelatori di fertilizzanti brasiliani, ha denunciato la proposta come protezionistica, accusando una multinazionale di controllare le forniture nazionali in un documento inviato al Ministero dello Sviluppo e del Commercio. AMA ha specificatamente menzionato che Yara può produrre più di 2 milioni di tonnellate all’anno nei suoi stabilimenti europei, mentre la produzione in Brasile è molto inferiore e non è interamente destinata alla produzione di fertilizzanti.

Altri gruppi che si oppongono fortemente alla tariffa includono le lobby brasiliane della soia, del mais, del cotone, del caffè, della carne bovina e della canna da zucchero. Durante una consultazione pubblica hanno sostenuto che i dazi doganali potrebbero aumentare i costi di produzione del cibo locale.

“Con il prezzo del gas naturale in Brasile e altri fattori esterni, la produzione di fertilizzanti azotati nel paese è diventata un’attività economicamente non redditizia”, ha affermato Yara. (Segnalazione di Ana Mano; Scrittura di Josie Kao)

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori