“Niente da perdere”: macchina rovinata a causa del motore PureTech, vogliono farla pagare a Stellantis

“Niente da perdere”: macchina rovinata a causa del motore PureTech, vogliono farla pagare a Stellantis
“Niente da perdere”: macchina rovinata a causa del motore PureTech, vogliono farla pagare a Stellantis
-

Di

Giada Lacroix

pubblicato su

17 giugno 2024 alle 18:41

Vedi le mie notizie
Segui le notizie

Presto a azione legale contro Stellantis ? IL 4.800 automobilisti riuniti in a Azione collettiva decideranno questo martedì, 18 giugno 2024, il seguito da dare al loro movimento.

Tutti hanno avuto problemi con il proprio veicolo Peugeot, Citroën, DS o anche Opeldotato di un motore dalla pessima fama: il 1.2 PureTech.

Contattato da actu.frl’avvocato del ricorrente, Maître Christophe Lèguevaques, assicura che non vi sarà alcuna nessun compenso automobilisti in seguito ai colloqui con il produttore. Per i ricorrenti questo è solo l’inizio del percorso a ostacoli per ottenere il risarcimento.

Malfunzionamenti

Deterioramento della cinghia, intasamento della testata, consumo eccessivo di olio, ecc. 500.000 veicoli risentirebbero di queste disfunzioni. Tuttavia, questo motore a tre cilindri rappresentava una novità quando fu lanciato nel 2012. Fu addirittura eletto miglior motore quattro anni consecutivi.

Il motore è stato creato per soddisfare i requisiti di riduzione dei costi e per conformarsi agli standard europei.

Le cinghie in gomma, elemento flessibile che permette la trasmissione del movimento, sono dette “bagnate”, cioè sono bagnate nell’olio motore.

Video: attualmente su Actu

Ma l’usura della cinghia, che si disintegra nel tempo, lo farà inquinare l’olio motore, interrompendone la lubrificazione. Questo è ciò che è all’origine dei malfunzionamenti del 1.2 PureTech.

Diverse campagne di richiamo

Nel 2020, Stellantis, fusione tra PSA e Fiat Chrysler, dovrà affrontare un prima campagna di richiamo ufficiale. 220.000 modelli prodotte tra il 2013 e il 2017 sono interessate. UN nuovo richiamo annunciato nel 2022. Questa volta vengono presi di mira i veicoli prodotti dopo il 2017.

E dalla fine del 2020, il termine per la sostituzione della cinghia è stato ridotto a sei anni o 100.000 km, rispetto ai 10 anni e 175.000 km precedenti.

“Non ho più niente da perdere”

Nel 2019, Pierre ha acquistato una Peugeot 208 dotata di motore PureTech. “Conoscevo questo motore perché era stato votato motore dell’anno”, ricorda il 32enne di Rennes. Quattro anni dopo, durante una gita in centro, il motore della sua 208 è in avaria. “Fortunatamente sono riuscito ad arrivare al lato della strada. Sono andato vicino al disastro. »

Dopo una visita al garage, il verdetto: la cinghia di distribuzione si è rotta, danneggiando il motore. Pierre contatta il servizio clienti che gli consiglia di recarsi presso un’officina autorizzata. Il conto è salato: 8.000 euro per cambiare il motore.

Chiedendo informazioni è venuto a conoscenza del guasto del 1.2 PureTech e lo ha segnalato al servizio clienti.

Mi assicurano che si tratta di un problema di lubrificazione perché non ho effettuato l’ultima manutenzione e per questo motivo non posso essere rimborsato. Alla fine mi dicono che la mia richiesta è stata elaborata e che non possono fare nulla.

RocciaEx proprietario di una Peugeot 208

Indigente, fa ricerche su Internet e si imbatte nell’azione collettiva. Colui che ha venduto la sua macchina 12.000 euro in meno rispetto al prezzo di acquisto, vuole essere risarcito.

“Se non vogliono risarcirmi, sono favorevole ad intraprendere azioni legali. Non ho più niente da perdere. » Resta da vedere il parere degli altri denuncianti. Questo martedì 18 giugno 2024 dovranno sottomettersi tutti un questionario per decidere la loro prossima linea di condotta.

4.800 querelanti riuniti in un’azione collettiva

L’azione collettiva inizia nel Ottobre 2023 sulla piattaforma online MyLeo. L’obiettivo di riunire 1.000 querelanti è stato ampiamente superato alla chiusura delle iscrizioni nel gennaio 2024. Essi sono rappresentati da tre avvocati degli avvocati di Parigi e Tolosa, tra cui Christophe Lèguevaques. È il protagonista di note azioni collettive, come quella di clordecone e Levothyrox.

Oltre a questa azione collettiva, un gruppo Facebook chiamato PSA 1.2 Puretech Problems: Belt, Overconsumption of Oil, HS Engine riunisce 32.000 membri.

Etichetta, estensione garanzia: proposte insufficienti

Alla fine di febbraio il produttore si è dichiarato disponibile al dialogo. Gli avvocati iniziarono quindi i colloqui, che sarebbero durati fino al 30 giugno. L’obiettivo è quello di ottenere un risarcimento secondo una scala immaginata dai ricorrenti.

Stellantis offre un risarcimento solo ai proprietari di veicoli con motori rotti, caso per caso estensione della garanzia fino a due anni. Per certificare la durabilità dei veicoli in caso di rivendita e garantirne il valore, il gruppo guidato da Carlos Tavares vuole istituire un ” etichetta “. .

Il produttore era già in subbuglio con il suo Airbag Takata accusato di esserlo potenzialmente esplosivo e pericoloso. Più di 8 milioni di veicoli Citroën e DS lo erano richiamato in Europail che lo rende la più grande campagna di richiamo nella storia automobilistica.

Contattata, Stellantis non ha risposto alle nostre richieste.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori