Il governo tedesco considera le deportazioni in Afghanistan attraverso l’Uzbekistan – Spiegel

Il governo tedesco considera le deportazioni in Afghanistan attraverso l’Uzbekistan – Spiegel
Il governo tedesco considera le deportazioni in Afghanistan attraverso l’Uzbekistan – Spiegel
-

FRANCOFORTE, 16 giugno (Reuters) – Il governo tedesco e l’Uzbekistan stanno discutendo per consentire la deportazione dei migranti dalla Germania verso l’Afghanistan, senza tenere consultazioni dirette con i talebani, ha riferito domenica la rivista tedesca Der Spiegel.

A questo scopo, alla fine di maggio, il Ministero degli Interni tedesco ha inviato una delegazione a Tashkent, la capitale dell’Uzbekistan, ha riferito la rivista senza rivelare le sue fonti.

La delegazione tedesca ha proposto al governo uzbeko di inviare i candidati afgani alla deportazione a Tashkent, da dove poi potrebbero essere trasportati in aereo a Kabul, scrive Der Spiegel.

Il ministero dell’Interno tedesco non ha commentato immediatamente.

Il ministro dell’Interno Nancy Faeser ha dichiarato all’inizio di questo mese che la Germania stava valutando la possibilità di deportare i migranti dall’Afghanistan che rappresentavano una minaccia alla sicurezza.

Una mossa del genere sarebbe tuttavia controversa, poiché la Germania non deporta le persone in paesi in cui le loro vite sono minacciate. Berlino ha fermato le deportazioni in Afghanistan dopo che i talebani hanno preso il potere nel 2021.

Tashkent vorrebbe tuttavia firmare un accordo definitivo con Berlino volto a regolamentare l’ingresso di lavoratori qualificati uzbeki in Germania prima di siglare un patto sulla questione delle deportazioni, secondo Der Spiegel.

Il delegato speciale del governo federale tedesco per gli accordi sulla migrazione si recherà la prossima settimana in Uzbekistan per discutere dell’accordo sui lavoratori uzbeki, riferisce Der Spiegel.

(Emma-Victoria Farr; versione francese Camille Raynaud)

-

PREV Canon Inc. sta reclutando per questa posizione (14 luglio 2024)
NEXT Bruno Le Maire annuncia 5 miliardi di euro di risparmi aggiuntivi nel 2024