Come questa azienda normanna è diventata leader mondiale nei distributori di pizza

Come questa azienda normanna è diventata leader mondiale nei distributori di pizza
Come questa azienda normanna è diventata leader mondiale nei distributori di pizza
-

Fondata nel 2002, Adial si è rapidamente affermata come leader mondiale nei distributori automatici di pizza. Dopo la Francia, l’azienda con sede a Calvados tenta l’avventura all’estero e diversifica con nuove macchine per panini e tacos.

Sciamano su tutto il territorio. Con più di 4.000 punti vendita individuati ad oggi, la Francia è diventata in vent’anni il primo mercato per i distributori automatici di pizza. Affermate sia nelle città che nelle zone rurali, queste macchine, a lungo evitate da consumatori e ristoratori, sono oggi nel periodo di massimo splendore di Adial, una PMI normanna e leader mondiale nel settore.

Con sede a Lisieux (Calvados), questa azienda di 140 dipendenti ha prodotto più della metà dei distributori installati in Francia. Dal 2019, più di 300 macchine hanno lasciato le sue officine ogni anno, dieci volte di più rispetto a dieci anni fa.

Sostituire i distributori di DVD

storia di successo di Adial nasce nel 2002. All’epoca, il suo fondatore, Max Petit, era interessato agli spazi lasciati vacanti dai distributori di DVD che scomparivano uno dopo l’altro. Gli venne allora l’idea di sviluppare una macchina in grado di fornire pizze fresche precotte 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Ma gli inizi dell’azienda furono timidi. Nei primi 12 anni di attività furono prodotte solo 200 “PizzaDoors”.

«Eravamo ancora in un’epoca in cui comprare i pasti tramite una macchina era un sacrilegio. Anche gli artigiani trovavano difficile l’idea di mettere le loro pizze in una macchina», sottolinea Vincent Le Gouic, presidente di Adial dal 2015.

“Ma eravamo già leader mondiali, perché era un mercato di nicchia”, scherza l’ex manager dell’Arcelormittal.

Col passare del tempo, le mentalità cambiano: “Abbiamo iniziato ad interessare un certo numero di ristoratori che hanno capito che questi distributori erano un modo per sviluppare la loro attività senza dover aprire un altro locale”, ricorda Vincent Le Gouic. A metà degli anni 2010, le vendite sono aumentate e la crescita del fatturato di Adial ha raggiunto il 50% annuo.

Allo stesso tempo, i team di ingegneri e tecnici lavorano per perfezionare le loro macchine, accelerando in particolare la digitalizzazione (macchine 100% touch, pagamento senza contatto, possibilità di ordinare online, ecc.).

Soprattutto, l’azienda sta facendo di tutto per migliorare la qualità delle pizze in uscita dai distributori, integrando nuovi supporti di cottura e migliorando le prestazioni dei propri forni per attirare più clienti: “Abbiamo lavorato molto su questo sistema. Non funziona niente se il prodotto non è qualitativo”, indica Vincent Le Gouic.

Un successo nelle zone rurali

Gli anni passano e Adial continua a crescere. Nel 2020 l’azienda non soffre davvero di Covid. Al contrario, la PMI normanna fa esplodere i contatori con una crescita del 100% nel 2021 e nel 2022, alla fine della pandemia.

“Il Covid è stato un catalizzatore, c’è stato un effetto di accelerazione”, osserva Vincent Le Gouic.

Fu durante questo periodo che chi aveva esitato ad acquistare una “PizzaDoor” fece il grande passo, constatando il successo di chi ne gestiva già una.

E per una buona ragione, il patron di Adial assicura che il suo prodotto presenta molti vantaggi per i ristoratori: “Quando hai una pizzeria che va bene, o apri un altro ristorante, oppure ti trasferisci in un locale più grande”, spiega. Procedure gravose che rappresentano un costo molto superiore all’investimento in un distributore (circa 50.000 euro).

Adial è il leader mondiale nei distributori automatici di pizza – Adial

Senza contare che questa soluzione permette di raggiungere un’altra clientela nelle zone rurali dove spesso è difficile gestire un locale fisico: “Questa è la parte essenziale del successo: i ristoratori che hanno installato distributori in luoghi dove non ce n’è ” non esisteva un bacino di utenza per aprire un ristorante”, continua Vincent Le Gouic, affermando inoltre che l’installazione di una macchina per la pizza può migliorare “le condizioni di vita degli artigiani”, che sono più liberi di organizzare gli orari di apertura dei loro ristoranti a loro piacimento. in forma, pur continuando la loro attività.

A beneficiarne sono anche i consumatori, soprattutto nei villaggi dove i negozi locali sono pochi e “dove non esistono servizi di consegna”, ricorda il manager. Ma il successo si riscontra anche nelle aree urbane, in particolare nei parcheggi dei supermercati.

Avventura internazionale

L’80% dei clienti di Adial oggi sono pizzerie. Gli altri sono ristoratori, panettieri o anche persone in riqualificazione che vogliono costruire una flotta di “PizzaDoor”. L’azienda, che sostiene che la sua macchina più efficiente sia in grado di generare un fatturato di 500.000 euro, interviene in caso di guasto ma i casi sono rari:

“Disponiamo di macchine estremamente durevoli, la manutenzione è relativamente ridotta. Abbiamo una macchina che ha 18 anni e che funziona ancora”, testimonia Vincent Le Gouic.

Ciascuno dei distributori è costituito da una zona refrigerata nella quale vengono conservate le pizze, preventivamente preparate e precotte. Quando il consumatore effettua un ordine, la pizza scelta viene raccolta dalla macchina prima di essere messa in forno per due-tre minuti e applicando i parametri di cottura che corrispondono al tipo di pizza selezionata. A meno che il cliente non scelga di ritirare la pizza fredda se desidera mangiarla più tardi a casa.

Grazie a questo know-how Adial fattura oggi più di 40 milioni di euro. Le sue macchine vengono oggi esportate in tutto il mondo: Spagna, Belgio, Repubblica Ceca, Finlandia, Regno Unito, Australia, Mongolia, ma anche in Nord America dove la PMI ha siglato accordi di distribuzione e assemblaggio allestendo uno stabilimento a Toronto , anche se questa espansione è ancora solo allo stadio “embrionale” con circa 300 distributori stabiliti in una trentina di paesi, secondo il suo presidente.

Un caso a parte è la Germania, dove l’Adial ha deciso di gestire direttamente le proprie macchine: lì “non ci sono quasi pizzerie e quelle che esistono sono spesso gestite da italiani che non comprano le macchine, ecco perché ci siamo andati noi stessi” , spiega Vincent Le Gouic.

“I mercati sono diversi” da un Paese all’altro, aggiunge. A volte per ragioni culturali. Impossibile, ad esempio, immaginare di insediarsi oltralpe, nel paese della pizza. Per quanto riguarda gli altri mercati in cui Adial esporta, il successo dei distributori non è ancora così brillante come in Francia.

“Uno degli errori è considerare che altrove sarebbe così. Ma il mercato della pizza in Francia è unico al mondo. La differenza principale è che in Francia l’80% delle pizze sono fatte da artigiani. I paesi anglosassoni, L’80% delle pizze arriva dalle catene”, analizza il patron di Adial, giudicando che “quando non ci sono gli artigiani bisogna cambiare approccio”.

Distributori automatici di panini e taco

Le catene, che da tempo consideravano la gestione di una flotta di distributori non compatibile con il loro modello di business, sembrano opporre sempre meno resistenza. Anche in Francia, dove Domino’s Pizza si è rivolta ad Adial dopo aver annunciato l’anno scorso l’apertura di un centinaio di distributori per raggiungere i clienti fuori dalle sue zone di consegna.

Altri marchi potrebbero bussare alla porta di Adial mentre l’azienda cerca di diversificare la propria attività offrendo dal 2022 distributori automatici di panini e taco. “In un gruppo c’è sempre qualcuno che non vuole mangiare la pizza. Abbiamo testato il concetto: quando metti un macchina per panini accanto a una macchina per pizza, ovviamente ci sono vendite di panini ma aumenta anche le vendite di pizze”, sottolinea Vincent Le Gouic.

Adial ha sviluppato un distributore di panini e tacos: Adial

L’azienda normanna ha appena sviluppato anche armadietti asciutti e refrigerati riforniti di prodotti freschi locali destinati ai residenti delle zone più remote: “Nelle zone rurali non ci sono negozi locali. Se vuoi mangiare locale, devi percorrere chilometri da una fattoria all’altro Poiché i piccoli mercati rurali sono quasi scomparsi, ci siamo detti che avremmo installato dei “mercati automatici””, spiega il presidente di Adial. dice di voler “prendersi cura dei dimenticati”.

I più letti

-

PREV Nel 2024 gli europei preferiranno le auto ibride alle auto elettriche
NEXT il Consiglio della concorrenza si compiace dei progressi compiuti