(Multimedia) Le tariffe dell’UE sui veicoli elettrici cinesi danneggiano i suoi obiettivi climatici (COMMENTO) – Xinhua

(Multimedia) Le tariffe dell’UE sui veicoli elettrici cinesi danneggiano i suoi obiettivi climatici (COMMENTO) – Xinhua
(Multimedia) Le tariffe dell’UE sui veicoli elettrici cinesi danneggiano i suoi obiettivi climatici (COMMENTO) – Xinhua
-
Le persone guardano un’auto elettrica Seres 5 durante l’anteprima mediatica del 100° Motor Show di Bruxelles a Bruxelles, Belgio, 13 gennaio 2023. (Foto: Zheng Huansong)

PECHINO, 14 giugno (Xinhua) – Il piano della Commissione europea di imporre tariffe aggiuntive sui veicoli elettrici cinesi (EV) è un esempio di protezionismo miope, che si prevede ostacolerà la crescita dell’energia pulita della Cina e andrà contro i suoi obiettivi climatici .

La scelta di imporre pesanti restrizioni sui prodotti energetici puliti è stata presa nonostante l’ambizioso impegno dell’Unione Europea (UE) di ridurre le emissioni di almeno il 55% entro il 2030 rispetto al livello del 1990, e di passare a uno standard a zero emissioni per tutte le nuove immatricolazioni. auto e furgoni entro il 2035.

A differenza degli Stati Uniti, che sono esportatori di petrolio, l’UE lotta con una dipendenza precaria dalle forniture di combustibili fossili e ha urgente bisogno di riformare il proprio settore energetico.

Un’analisi del 2022 condotta dall’Università di Leida ha evidenziato l’urgenza per l’UE di accelerare l’eliminazione graduale dei veicoli con motore a combustione interna e passare più rapidamente alla mobilità elettrica, al fine di raggiungere il suo obiettivo di emissioni di carbonio per il 2030.

L’UE sta inoltre lavorando a una nuova legislazione per raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050 e rispettare gli impegni di mitigazione dei cambiamenti climatici previsti dall’accordo di Parigi.

Tuttavia, il risultato diretto delle tariffe punitive è che i consumatori europei rischiano di vedere una diminuzione dell’offerta di veicoli a prezzi accessibili e ad energia pulita prodotti dalle case automobilistiche sia cinesi che europee.

Oggi, la maggior parte delle principali case automobilistiche europee si è collegata alla catena industriale cinese dei veicoli elettrici, ottenendo l’accesso a un’ampia gamma di componenti automobilistici convenienti, batterie di alta qualità e sistemi intelligenti all’avanguardia.

All’interno di questo ecosistema, Volkswagen ha continuato ad aumentare i propri investimenti nello stabilimento di Hefei per rafforzare le proprie capacità di ricerca e sviluppo, mentre BMW sta esportando il SUV completamente elettrico iX3, prodotto nella città di Shenyang, nel mercato europeo della Cina nordorientale.

La Cina promuove un ecosistema di energia pulita innovativo e dinamico che avvantaggia non solo i produttori cinesi di veicoli elettrici, ma anche le loro controparti europee. Le ricompense sono reciproche.

Le misure di incentivi industriali sono una pratica internazionale ampiamente accettata e sono consentite dall’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), a condizione che rispettino i principi di non discriminazione.

“È l’economia di mercato. Lasciamo che la concorrenza giochi”, ha affermato Ola Kallenius, presidente del consiglio di amministrazione del gruppo Mercedes-Benz. Le sue osservazioni hanno trovato eco nella posizione collettiva delle case automobilistiche europee secondo cui il protezionismo è una strategia miope che rischia di soffocare il dinamismo del mercato delle tecnologie pulite.

I successi di questi giganti automobilistici hanno dimostrato che la concorrenza è un potente catalizzatore per la continua innovazione tecnologica.

La concorrenza può anche favorire l’efficienza operativa, ridurre le spese e stimolare investimenti continui nelle infrastrutture, creando nuovi posti di lavoro e alimentando un più ampio potenziale di crescita.

Un mercato lento, ostacolato da politiche restrittive, scoraggerà a sua volta l’afflusso di capitali, l’innovazione e l’occupazione che un settore in forte espansione potrebbe altrimenti generare.

Chiaramente, tariffe più elevate, invece di creare condizioni di parità, distruggeranno questo panorama competitivo reciprocamente vantaggioso, rallentando realmente il progresso dell’UE verso un futuro più verde.

Le lezioni della storia non sono lontane. La decisione dell’UE di imporre misure antisovvenzioni contro pannelli solari, wafer e celle cinesi nel 2013 si è rivelata inefficace ed è stata abbandonata dal 2018.

Questa pratica di isolamento del mercato ha portato ad un declino delle installazioni di celle solari nel continente. Il fatturato dell’industria solare fotovoltaica all’interno dei membri dell’UE è sceso da quasi 21,3 miliardi di euro nel 2013 a soli 11,2 miliardi nel 2017, mostrano le statistiche.

La crescita dell’energia solare in Europa è stata “triste” nel corso degli anni, in parte a causa di questi diritti, ha affermato Stephan Singer del Climate Action Network International. Anche la Commissione europea ha ammesso che l’abrogazione era nel suo interesse. Lo scenario sarà simile per quanto riguarda le tasse sui veicoli elettrici.

La ricerca dell’energia sostenibile si è rivelata una potente forza trainante dietro la crescita delle relazioni commerciali tra Cina ed Europa negli ultimi anni.

Affidarsi a una catena di fornitura globale di veicoli elettrici serve meglio gli interessi dell’UE. L’intenzione della Commissione europea di erigere nuovi ostacoli rischia di invertire i progressi compiuti finora.

Un antico proverbio cinese dice: “Non lasciarti scappare l’anguria mentre cerchi di raccogliere un seme di sesamo”, mettendo in guardia contro la follia di aggrapparsi a piccoli guadagni trascurando benefici sostanziali e duraturi. Alcuni politici dell’UE sembrano seguire un percorso simile.

Nella loro ricerca di vantaggi politici immediati, questi politici hanno scelto di ignorare gli interessi a lungo termine degli europei.

Tuttavia, sono destinati a pagare per queste manovre miopi quando i cittadini europei conosceranno la verità di questi spettacoli politici e il danno causato ai loro interessi a lungo termine.

-

PREV Aminata Bamba, specialista del cacao: “Gli studi prevedono un calo dei volumi del 30% in Costa d’Avorio quest’anno”
NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori