Nella metropolitana di Rennes, un mercato pubblico che interroga

Nella metropolitana di Rennes, un mercato pubblico che interroga
Nella metropolitana di Rennes, un mercato pubblico che interroga
-

Non ci sono solo brutte notizie per la linea B della metropolitana di Rennes. Ovviamente non è ancora stato riavviato. Il lato positivo è che, in mancanza di treni operativi, sostituirà le sue lampade con LED nuovi di zecca, secondo le informazioni del Mensuel de Rennes.

All’inizio di aprile, Rennes Métropole ha esaminato le offerte di un mercato pubblico lanciato per il “rinnovamento degli apparecchi di illuminazione in otto stazioni della metropolitana della linea B”. Ma perché realizzare questo cambio di direzione a meno di due anni dall’avvio della metropolitana?

La risposta di Metropolis

Interrogato, Rennes Métropole ricorda che le lampade attuali sono state installate nel 2018, durante i lavori sulla linea, in seguito ad appalti aggiudicati nel 2016. E che quelle nuove non saranno installate fino al 2025. La sostituzione avverrà quindi sette anni dopo. “Si tratta di un ciclo di vita normale per gli apparecchi di illuminazione molto utilizzati nelle stazioni (22 ore al giorno, 7 giorni alla settimana). » Queste apparecchiature non verranno quindi sostituite ogni anno, ma «caso per caso in funzione dei vincoli normativi, di sicurezza e tecnici».

Verrà modificata solo una piccola parte delle fonti luminose: «Circa il 10% delle 9mila presenti sulla linea B. Il restante 90% verrà gradualmente rinnovato negli anni a venire. »

Non siate gelosi: verranno sostituite anche le lampade del parco Henri-Fréville e della corsa e della linea A. I nuovi led dovrebbero “migliorare la qualità dell’atmosfera” ma soprattutto consentire un risparmio energetico. “Va notato che Rennes Métropole ha proceduto allo stesso modo sulla linea A rinnovando gradualmente – tra il 2016 e il 2022 – le 3.000 fonti luminose nelle stazioni e nei parcheggi. In questa occasione è stata adottata la tecnologia LED. A fronte di un investimento di 490.000 € tasse escluse, si è generato un risparmio annuo di 428.000 KWh. »

Presto un ritorno

Intanto proseguono i lavori di riparazione della Linea B. È iniziato il rimontaggio dei treni. Questo passaggio doveva essere utilizzato per mettere a punto la procedura. Il 3 gennaio un danno a un treno ha causato l’arresto della linea, probabilmente a causa di un “dado di rotazione” situato all’altezza del “bogie”, il carrello articolato che permette ai treni di avanzare. La circolazione è stata sospesa fino a nuovo avviso, a scopo precauzionale. Rennes Métropole ha deciso che le parti interessate dei 100 carrelli dei 25 treni della metropolitana saranno riportate alla “configurazione di fabbrica”. I carrelli furono rimossi e inviati a Limoges, a un subappaltatore di Siemens Mobility, il progettista del materiale rotabile.

Una volta modificata la parte interessata, i carrelli vengono rispediti a Rennes per essere rimontati sui treni. Il Rennes Métropole sostiene un possibile ritorno in servizio per la primavera… Almeno se lo Stato ritiene che le condizioni di sicurezza siano soddisfatte. Un’incognita che nemmeno i LED nuovissimi riescono a dissipare.

-

PREV LONGi stabilisce un nuovo record mondiale per l’efficienza delle celle solari in silicio, lanciando moduli di contatto posteriore ultra efficienti di seconda generazione
NEXT Una donna svizzera si ritrova tra lenzuola sporche, macchiate di sperma