30% dell’elettricità globale prodotta da fonti rinnovabili nel 2023 (EMBER)

30% dell’elettricità globale prodotta da fonti rinnovabili nel 2023 (EMBER)
30% dell’elettricità globale prodotta da fonti rinnovabili nel 2023 (EMBER)
-

(Agence Ecofin) – L’energia solare sta guidando la rivoluzione energetica, essendo la fonte di produzione di elettricità in più rapida crescita negli ultimi due decenni e superando l’energia eolica per diventare la principale fonte di nuova elettricità.

Nel 2023, le energie rinnovabili genereranno una quota record del 30% dell’elettricità globale, grazie in particolare alla crescita dell’energia solare ed eolica. È quanto rivela un rapporto pubblicato l’8 maggio dal Think Tank specializzato in energia, EMBER.

Il rapporto indica che questo aumento è principalmente il risultato delle prestazioni del solare e dell’eolico, la cui produzione è aumentata dallo 0,2% nel 2000 al livello record del 13,4% nel 2023.

Se a queste due energie rinnovabili aggiungiamo il nucleare, nel 2023 il mondo avrà prodotto quasi il 40% della sua elettricità da fonti a basse emissioni di carbonio, secondo il rapporto, che evidenzia che ciò ha portato a una diminuzione dell’intensità di CO22 della produzione elettrica mondiale con un nuovo livello inferiore del 12% rispetto al picco raggiunto nel 2007.

In termini di performance per regione, la Cina rimane il maggiore contribuente nel 2023, con il 51% della produzione solare globale aggiuntiva e il 60% della nuova produzione eolica globale.

L’Africa, dal canto suo, ottiene risultati mediocri rispetto ad altre regioni, attirando solo una quota molto piccola dei finanziamenti energetici globali, circa il 3%. Inoltre, i paesi del continente rappresentano solo il 3% della domanda globale di elettricità, pur ospitando il 18% della popolazione mondiale.

Abdullah Diop

Leggi anche:

25/04/2024 – Aumento del 50% della capacità eolica totale installata nel mondo entro il 2023 (REPORT)

-

PREV Francia: il morale delle famiglie è stabile a maggio, secondo l’INSEE
NEXT Notevole eccesso di sottoscrizione per il gruppo d’investimento abitativo Avadis Immobilier Suisse