Il Long May Bridge è davvero un incubo per l’attività economica?

Il Long May Bridge è davvero un incubo per l’attività economica?
Il Long May Bridge è davvero un incubo per l’attività economica?
-

La crescita economica è a mezz’asta quest’anno, e ora l’attività è quasi ferma questa settimana con il lungo ponte di maggio. Ciò potrebbe peggiorare la situazione? Te lo spiegheremo.

Leggi anche : Grande afflusso turistico previsto con il ritorno del sole e dei ponti a maggio

Questo mese di maggio è speciale

VERO

Non capita spesso che il giorno festivo dell’8 maggio (la Vittoria del 1945) e quello dell’Ascensione si succedano da un giorno all’altro nel calendario. Questo è il caso di quest’anno. Se aggiungiamo l’assenza di scuola il venerdì, otteniamo un lungo ponte, a patto di installare un RTT.

Insomma, i più fortunati hanno davanti a sé una bella pausa. Ma questa pausa fa bene all’economia, sapendo che quest’anno la crescita è a mezz’asta (appena l’1% secondo lo Stato, o addirittura lo 0,5% secondo l’OFCE, centro di ricerca di Sciences Po)?

Una giornata lavorativa non lavorativa non ha alcun effetto sull’attività

Impostore

Questo mese di maggio ha, come l’anno scorso, quattro giorni “lavorativi” (tra lunedì e venerdì) liberi. “Ciascuno rappresenta una perdita di circa 0,06 punti di PIL (prodotto interno lordo), secondo l’INSEE”, indica Mathieu Plane, economista dell’UFCE. Ovvero sette miliardi di euro su un totale di circa 2.930 miliardi di ricchezza prodotta. “L’effetto esiste ma è molto debole”, conferma Sylvain Bersinger, economista di Asterès. Per non parlare delle disparità.

“È un periodo intenso per il settore alberghiero, della ristorazione, dei trasporti, nota Mathieu Plane. È più complicato per l’industria o l’edilizia, che devono gestire il numero del personale per mantenere l’attività. Non c’è però alcun effetto sorpresa. Non è come un evento esterno, ad esempio uno sciopero, che bloccherebbe l’attività. »

Dal lato delle risorse umane, “ci sono tre parole chiave: anticipazione, adattamento ed equità, aggiunge Catherine Daneyrole, consulente della società di consulenza HR Topics. Possiamo sempre rifiutare le RTT, ma dobbiamo farlo in modo equo. L’importante è saperlo in anticipo. »

I boss sono contro i ponti

Impostore

“Non sento alcun fastidio per questo, dichiara Eric Chevée, della Confederazione delle PMI. Perché è un po’ tradizionale. Anche se questo è molto concentrato sull’inizio del mese. Questo ci regala i primi quindici giorni in blocco, seguiti da una seconda parte più stabile. Con undici giorni festivi siamo nella media europea. »

Da parte sua il Medef, che non ha risposto alle nostre richieste, si è battuto in passato per l’eliminazione di due giorni festivi. Ma sono passati due anni dall’ultima volta che è tornato all’attacco.

I ponti di maggio ostacoleranno la crescita

Impostore

La crescita da un anno all’altro dipende in particolare dal numero di giorni lavorativi. E contrariamente alle apparenze, nel 2024 ce ne saranno più che nel 2023.

“A seconda dell’anno, il numero dei giorni lavorativi oscilla tra 251 e 254, dice Mathieu Plane. Nel 2024 siamo a 252, contro i 251 dello scorso anno. » In altre parole, il calendario non avrà effetti negativi sulla produzione di ricchezza. La crescita è lenta per altri motivi.

-

PREV Il Fondo è molto riservato riguardo ai suoi miliardi nei paradisi fiscali
NEXT Utilizzo degli strumenti di marketing digitale