“Il job sharing può essere adatto a molte persone”

“Il job sharing può essere adatto a molte persone”
“Il job sharing può essere adatto a molte persone”
-

Frapp: La tua candidatura si basa sul concetto di job sharing, un metodo di lavoro che consiste nel condividere la stessa posizione tra due persone diverse. Come funziona?

Clara Hayoz: L’applicazione elenca tutti gli annunci di aziende che offrono job sharing in Svizzera. Da lì, l’utente può filtrare la propria ricerca per regione, lingua o parole chiave. Poi, se un annuncio gli interessa, ci clicca sopra e da lì può vedere altri profili interessati alla stessa posizione. Tutto quello che deve fare è scorrere a destra sulle persone con cui desidera collaborare e se queste lo fanno anche dalla loro parte, allora si verifica un “match” e può iniziare una conversazione. Questo è lo stesso principio di un’app di appuntamenti, ma la base dell’interesse è il lavoro.

Quindi non esiste alcuna postulazione in senso stretto?

No, almeno non tramite l’app. Ciò avviene successivamente, in totale libertà, tra le persone e il datore di lavoro. JobForTwo mette semplicemente in contatto gli utenti interessati alla stessa posizione. L’idea principale è permettere a tutti di trovare la persona giusta con cui condividere la propria posizione. Per sviluppare la tua ricerca, all’interno dell’applicazione è disponibile un forum di discussione.

Senti il ​​bisogno della popolazione di accedere a questa forma di lavoro?

Assolutamente. Penso che il job sharing possa essere adatto a molte persone. Possono essere giovani genitori che desiderano dedicare tempo ai propri figli accedendo a posizioni interessanti, due persone di generazioni diverse che si completano tra il dinamismo dell’uno e la conoscenza dell’altro o il rientro graduale al lavoro dopo una malattia. Inoltre, sempre più persone vogliono prendersi del tempo per sé senza dover lavorare al 100%.

Ci sono professioni che mostrano particolare interesse per il job sharing?

Assolutamente. Innanzitutto intervengono molto spesso la Confederazione e la Segreteria di Stato dell’economia (SECO). Anche la Posta e le FFS apprezzano questa forma di impiego. Ma una grande azienda come le FFS dispone già di un proprio sistema interno. Incoraggio i datori di lavoro a istituire il job sharing, perché non è molto difficile da fare.

La richiesta contiene particolarità per il Canton Friburgo?

No, non particolarmente. Essendo friburghese, ho capito l’importanza del bilinguismo e dello scambio con i cantoni intorno a noi, in particolare Berna. Per questo il servizio è esteso in tutta la Svizzera.

Qual è il prossimo passo in concreto?

Per ora sto rendendo nota l’applicazione e, in una seconda fase, la svilupperò ulteriormente. Concentrerò principalmente le mie energie nel contattare i datori di lavoro presso le agenzie di collocamento, per vedere cosa si può fare. In questo periodo di lancio, sento che tutte le porte sono aperte e lo trovo fantastico. Adesso tocca a me fissare degli obiettivi e distinguermi.

L’applicazione JobForTwo è disponibile per il download dal sito web del progetto.

-

PREV Sostanze chimiche nocive negli indumenti: Shein ritira dalla vendita uno dei suoi prodotti
NEXT INFORMAZIONI LA ​​DEPECHE. Furto d’identità, fatturazione dubbia: le losche pratiche commerciali di un gigante dei parabrezza