la DGI cambia marcia per una migliore gestione fiscale

la DGI cambia marcia per una migliore gestione fiscale
la DGI cambia marcia per una migliore gestione fiscale
-

La Direzione Generale delle Imposte (DGI) ha appena lanciato un bando di gara per l’implementazione di un sistema di fatturazione elettronica.

A tal fine, l’amministrazione fiscale ha indetto un bando di gara per l’istituzione di un sistema di fatturazione elettronica per la DGI.

Per fattura elettronica si intende la versione digitale di una fattura tradizionale, che viene generata, trasmessa e archiviata in formato elettronico. A differenza delle fatture cartacee, le fatture elettroniche vengono solitamente create utilizzando software specifici o sistemi di gestione integrati e poi inviate ai destinatari attraverso canali elettronici come posta elettronica, piattaforme online o reti di posta elettronica protette.

Questo sistema di fatturazione elettronica apporta numerosi vantaggi, tra cui la riduzione delle frodi fiscali poiché consente una maggiore tracciabilità delle transazioni commerciali, rendendo più difficile per le aziende nascondere i redditi o manipolare i dati fiscali.

Il sistema aiuta inoltre a migliorare la conformità fiscale automatizzando il processo di fatturazione e facilitando la comunicazione tra le aziende e la DGI.

Un altro vantaggio di questo sistema è il guadagno in efficienza amministrativa, nella misura in cui il passaggio alla fatturazione elettronica consente anche di ridurre gli oneri amministrativi, sia per le imprese che per la DGI. Semplifica i processi di rendicontazione e pagamento delle imposte, riducendo così i costi e i ritardi associati alla riscossione delle imposte. Questo sistema consente anche una migliore analisi dei dati fiscali: i dati generati dalla fatturazione elettronica possono essere analizzati più facilmente dalla DGI, consentendole di individuare tendenze e potenziali modelli di frode e adattare di conseguenza la propria strategia di riscossione delle imposte.

Si ricorda che il Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva datato 1 giugno 2020 la circolare n. 59/20/DEPP al fine di avviare progressivamente il sistema di archiviazione elettronica delle fatture fornitori degli Enti Pubblici e delle Imprese (EEP).

In questo contesto, il Ministero ha integrato nella piattaforma AJAL un nuovo modulo di invio delle fatture elettroniche per gli EEP che scelgono questa piattaforma.

Inoltre, i fornitori EEP che hanno scelto di utilizzare questa piattaforma, erano tenuti a presentare le fatture relative a ordini superiori a 5 milioni di dirham dal 9 giugno 2021, fatture relative a ordini superiori a 1 milione di dirham dal 1 gennaio 2022 e fatture relative a ordini superiori a 0,2 MDH dal 1 giugno 2022.

-

PREV I mutui immobiliari in essere superano i 244 miliardi di dirham alla fine di marzo (DEPF)
NEXT Elon Musk vuole creare un supercomputer per supportare la sua start-up sull’intelligenza artificiale