Michel-Édouard Leclerc denuncia finalmente i veri colpevoli dell’esplosione dei prezzi al supermercato – Tuxboard

-

Deciso a svelare tutto sul motivo dell’aumento dei prezzi nei supermercati, Michel-Édouard Leclerc ha rivelato la sua dolorosa verità!

Dall’inizio della crisi le famiglie francesi soffrono. L’inflazione ha infatti fatto lievitare i prezzi della vita quotidiana. Qualcosa che si poteva evitare secondo Michel-Édouard Leclerc.

Inflazione ancora presente nel 2024

È un dato di fatto, la vita diventa sempre più costosa con il passare degli anni. Oggi fare la spesa al supermercato provoca un vero e proprio buco nel bilancio di alcune famiglie.

Con l’inflazione, il prezzo del cibo è infatti aumentato in modo significativo. Proprio come quello delle bollette della luce, della benzina o dell’affitto.

Di fronte a questa crisi duratura, i grandi marchi del commercio al dettaglio hanno deciso di stare al gioco, molti hanno imposto panieri anti-inflazione per consentire a tutti di riconquistare il potere d’acquisto.

È soprattutto il caso di Leclerc, il cui presidente, Michel-Édouard Leclerc, lo ha annunciato il prezzo scende all’inizio di aprile 2024. Ma non è ancora vinto nulla. E ha voluto tuttavia ricordare le difficoltà che ogni giorno incontrano gli agricoltori.

Consapevole della crisi in atto nel mondo agricolo, il capo dei centri Leclerc ha voluto rassicurare su questo tema. Questi soldi intendono, per così dire, risparmiare entrambe le parti pensando ai produttori, ma anche ai consumatori.

Dobbiamo aumentare il reddito degli agricoltori a livello di produzione. Senza avere un impatto duraturo sul consumatore”gli è piaciuto al microfono di BFMTV Politique.

Se il patron della marca Leclerc si schiera volentieri con i produttori francesi, è però meno tenero con gli industriali.

Michel-Édouard Leclerc insorge contro gli industriali

Intervistato da RMC-BFMTV questo lunedì 29 aprile, Michel-Édouard Leclerc ha condiviso i suoi pensieri taglienti nei confronti dei suoi partner economici.

Per lui, gli industriali hanno consapevolmente approfittato della crisi causato dal Covid-19 e dalla guerra in Ucraina per l’aumento dei prezzi. “L’industria agroalimentare ha beneficiato di questa inflazione”ha criticato il capo dell’azienda rivale Lidl.

Secondo lui l’aumento dei prezzi, subito soprattutto nel settore alimentare, è dovuto a questo una mancanza di trasparenza da parte dei produttori. “Se ci avessero detto la verità non ci sarebbe stata questa inflazione”ha affermato il presidente del comitato strategico di Leclerc.

Michel-Edouard Leclerc, però, non si è fermato qui. Quest’ultimo ha continuato le sue spiegazioni, anche se questo significava arrabbiarsi con i suoi interlocutori.

“Durante la crisi, tutte le grandi aziende agroalimentari hanno ottenuto margini fino al 15 o 20%. E mentre i consumatori hanno dovuto pagare gli aumenti della pasta. Oppure aumento degli articoli dal 30 al 40%. Se i produttori ci avessero detto la veritàavremmo negoziato più duramente il margine industriale”ha detto quest’ultimo.

Il presidente dei centri Leclerc spiega di aver “ha accettato gli aumenti di prezzo” perché lui “pensato di non toccare il margine agricolo”. Ma in realtà dice che anche lui si è lasciato ingannare.

L’inflazione ha alimentato principalmente i margini dell’agroindustria. Non i contadini”, si è rammaricato dell’ospite di RMC-BFMTV. Per sostenere le sue osservazioni, il capo di Leclerc ha affermato di basarsi sull’ultimo rapporto della BCE. Questo è quello che dice!

avatar

GV

Redattore a lungo termine per Tuxboard.com, scrivo anche articoli per diversi media. Appassionato di cultura, musica e cinema, mi piace scrivere su vari argomenti. Le mie aree preferite sono notizie, stile di vita e media.

-

PREV muore una postina, investita dal suo scooter
NEXT Una donna svizzera si ritrova tra lenzuola sporche, macchiate di sperma