È stato a Wissembourg che il Raggruppamento Nazionale ha ottenuto il suo punteggio più alto in Alsazia: lo presumevano gli elettori

È stato a Wissembourg che il Raggruppamento Nazionale ha ottenuto il suo punteggio più alto in Alsazia: lo presumevano gli elettori
È stato a Wissembourg che il Raggruppamento Nazionale ha ottenuto il suo punteggio più alto in Alsazia: lo presumevano gli elettori
-

Situazione politica senza precedenti in Alsazia dopo il primo turno delle elezioni legislative. I candidati del Raduno Nazionale risultano vincitori in undici dei quindici collegi elettorali. In quattro di essi i candidati superano il 40%. È il caso dell’ottava circoscrizione elettorale del Basso Reno. Il candidato di estrema destra Théo Bernhardt ha ottenuto il 44,16% dei voti contro il 23,51% di Stéphanie Kochert, candidata macronista.

“Curioso di vedere un Bardella premier”

A Wissembourg, nel cuore del collegio elettorale vinto nel 2022 da un candidato macronista, sono Il 31,7% ha votato per il partito di Jordan Bardella. Nicolas, 25 anni, non aveva mai votato per la RN. “Sono troppo curioso per vedere”, Egli ha detto. Sedotto dagli argomenti e dall’eloquenza di Gabriel Attal durante la campagna elettorale, il giovane ammette di aver esitato prima di scegliere il bollettino di estrema destra. Ma oggi accetta la sua scelta. “Non è perché votiamo RN e ci sono bandiere francesi tra il pubblico che i ragazzi vogliono mettere le persone nei gulag”.

Potere d’acquisto e immigrazione

Versare Amelie, aiuto domestico, la scelta era ovvia. Questa mia madre vota per il Raduno Nazionale da quando aveva 18 anni. Spera che questa volta Jordan Bardella sia il primo ministro. “Dopo tutto, perché non loro?”, si chiede. L’alsaziano ce l’ha “Stufo” di non essere ascoltato dall’attuale governo. “Ho l’impressione che alla RN si pensi un po’ di più al potere d’acquisto rispetto agli altri. Sto lottando come molti e voglio che le cose cambino”.

Amélie aderisce pienamente al programma RN, compreso proposte in materia di immigrazione. “Ho sempre lavorato in Francia e non ricevo aiuto a differenza degli immigrati” lei si giustifica. Un argomento avanzato anche da Pascal: “Dovremmo chiudere un po’ le porte. Se la Francia non ci piace, dobbiamo tornare nel nostro Paese”.

L’8a circoscrizione elettorale del Basso Reno potrebbe quindi cadere nell’ovile della RN. Due anni fa, alle elezioni legislative del 2022, Stéphanie Kochert (Insieme!) ottenne il 66,62% dei voti, contro il 33,37% di Ludwig Knoepffler (RN).

-

PREV Deltalys, un’avventura industriale a tutto gas
NEXT Per abbassare i prezzi dell’elettricità, il prossimo governo dovrà cambiare le regole