Il dollaro resta forte, l’incertezza politica indebolisce l’euro

Il dollaro resta forte, l’incertezza politica indebolisce l’euro
Il dollaro resta forte, l’incertezza politica indebolisce l’euro
-

Lunedì il dollaro è rimasto stabile, mentre l’euro è stato scambiato attorno ai livelli più bassi da più di un mese. I disordini politici in Europa hanno aumentato il livello di incertezza tra i trader, mentre gli investitori attendono ulteriori dati per valutare la forza dell’economia statunitense.

Gli investitori hanno valutato il rischio di una crisi fiscale nel cuore dell’eurozona, mentre i partiti di estrema destra e di sinistra guadagnano terreno in vista delle elezioni legislative anticipate in Francia, mettendo pressione sull’amministrazione centrista del presidente Emmanuel Macron.

Anche dopo il forte crollo dei mercati finanziari francesi alla fine della scorsa settimana, i politici della Banca Centrale Europea non hanno intenzione di discutere acquisti di emergenza di obbligazioni francesi, hanno detto a Reuters cinque fonti.

L’euro è rimasto stabile a 1,0713 dollari, dopo essere sceso venerdì al livello più basso dal 1 maggio, a 1,06678 dollari. La scorsa settimana ha anche registrato il calo settimanale più grande da aprile, pari allo 0,88%.

“Gli operatori vogliono certezze, ma queste potrebbero non concretizzarsi prima del secondo turno di votazioni (7 luglio), quindi la prospettiva di un ulteriore calo sui mercati francese ed europeo è reale”, ha affermato Chris Weston, responsabile della ricerca di Pepperstone.

L’indice del dollaro, che confronta la valuta statunitense con un paniere di altre sei valute, è rimasto invariato a 105,54, il livello più alto dal 2 maggio, principalmente a causa della debolezza dell’euro.

La moneta unica europea “rappresenta circa il 57% del peso dell’indice del dollaro americano, la caduta dell’euro ha indirettamente avvantaggiato il dollaro”, ha affermato Matt Simpson, analista di mercato senior del City Index.

Il presidente della Federal Reserve di Minneapolis Neel Kashkari ha detto domenica che è “ragionevole anticipare” che la banca centrale americana taglierà i tassi di interesse una volta quest’anno e aspetterà fino a dicembre per farlo.

La scorsa settimana, la Fed ha pubblicato proiezioni aggiornate che mostravano che la previsione mediana di 19 banchieri centrali statunitensi era per un solo taglio dei tassi di interesse quest’anno.

SETTIMANA LUCE PER I DATI

Questa settimana è a corto di importanti dati economici statunitensi per aiutare a chiarire le prospettive della Fed, anche se le vendite al dettaglio statunitensi di martedì e i PMI flash di venerdì possono fornire alcune indicazioni sui consumi e sulla forza dell’economia.

“I dati dovrebbero essere significativamente inferiori alle stime per ravvivare le scommesse su ulteriori tagli della Fed, con la riunione del FOMC ancora molto nelle menti degli investitori”, ha affermato Simpson del City Index.

La sterlina britannica è scesa dello 0,1% a 1,2671 dollari. Le pressioni inflazionistiche britanniche sembrano ancora troppo forti perché la Banca d’Inghilterra possa tagliare i tassi nella riunione del 20 giugno, con la maggior parte degli economisti intervistati da Reuters che prevedono che il primo taglio non arriverà prima del 1° agosto.

Separatamente, lo yen è rimasto vicino al minimo di 34 anni contro il dollaro dopo che la Banca del Giappone venerdì ha rinviato la riduzione degli acquisti di obbligazioni e i dettagli del suo piano di riduzione fino alla riunione di luglio.

Il governatore Kazuo Ueda ha detto che non escluderà un aumento dei tassi di interesse a luglio poiché lo yen debole fa salire i costi di importazione, anche se questa dichiarazione non era così ottimistica come alcuni hanno fatto credere, ha detto Hiroyuki Machida, direttore delle vendite di valute estere e materie prime in Giappone presso il gruppo bancario Australia e Nuova Zelanda.

“La sensazione era che l’aumento dei tassi e l’allentamento della politica monetaria fossero due cose separate che la Banca del Giappone avrebbe deciso se fare o meno sulla base di criteri diversi”, ha detto.

Lo yen si è leggermente indebolito, attestandosi a 157,765, dopo essere scivolato a 158,26 dopo la decisione di venerdì, il livello più basso dal 29 aprile.

Il crollo dello yen a 160,245 per dollaro alla fine di aprile ha innescato diverse tornate di interventi ufficiali giapponesi per un totale di 9,79 trilioni di yen. Per quanto riguarda le criptovalute, secondo i dati LSEG, il bitcoin è sceso dell’1% a 65.794 dollari, mentre l’ether è sceso del 2% a 3.524 dollari.

-

PREV LIVE – “Ho sentito subito il proiettile lacerarmi la pelle”, Donald Trump racconta il suo tentativo di omicidio
NEXT Emmanuel Macron augura a Donald Trump “una pronta guarigione”