Cannes 2024. Palma d’Oro per “Anora”, una pazzesca storia di spogliarelliste

Cannes 2024. Palma d’Oro per “Anora”, una pazzesca storia di spogliarelliste
Cannes 2024. Palma d’Oro per “Anora”, una pazzesca storia di spogliarelliste
-

Lo sospettavamo già dal fine settimana, c’era da scommetterci sul montepremi di questo 77e edizione di Cannes premia le donne o le storie di donne. Questo è il caso della stragrande maggioranza dei premi, a cominciare dalla Palma d’Oro assegnata a Anora di Sean Baker. Questo film, che a tratti assomiglia ad una commedia folle, racconta la storia di una spogliarellista della malavita newyorkese (ottimo Mikey Madison) che incontra il giovane figlio di un oligarca russo perfettamente immaturo. La porta a Las Vegas per sposarla. Lei vuole crederci e uscire dalla sua condizione ma i genitori stanno per arrivare con un jet privato dalla Russia per far annullare il matrimonio. Questo sabato, 25 maggio, Sean Baker ha dedicato la sua Palma “tutte le lavoratrici del sesso”.

“Tutti possiamo cambiare”

Ebbene, dobbiamo ammetterlo, ci sarebbe piaciuto Emilia Perez di Jacques Audiard vince la Palma. Questa commedia musicale su un trafficante di droga messicano che si trasforma in una donna e fa del bene a chi la circonda è stata molto popolare.

Jacques Audiard (Palma d’Oro nel 2015 per Dheepan) ha comunque vinto il Premio della Giuria e il suo team di attrici Karla Sofía Gascón, Zoe Saldaña, Selena Gomez e Adriana Paz il Premio della Performance femminile. Karla Sofía Gascón, attrice transgender, in lacrime, ha dedicato il suo premio “a tutte le persone trans che soffrono”. E gridare: “ Tutti abbiamo l’opportunità di cambiare per diventare migliori. »

È stata anche una lotta femminile che ha ricevuto il Gran Premio: Tutto ciò che immaginiamo come luce del regista indiano Payal Kapadia racconta la storia di sorellanza e solidarietà tra tre donne che si sostengono a vicenda in un mondo patriarcale. “Dobbiamo invitare più registi indiani”, suggerì il giovane regista. Si tratta infatti del primo film del suo Paese in concorso da trent’anni.

La sala si è alzata due volte questo sabato per due lunghe standing ovation, una per George Lucas che ha ricevuto una Palma d’Oro onoraria per tutto il suo lavoro, presentata dal suo amico di sempre Francis Ford Coppola, e la seconda per il regista iraniano Mohammad Rasoulof. Il suo film molto bello Semi di fico selvatico ha ricevuto un premio speciale della giuria. Condannato a otto anni di carcere e alla fustigazione da parte della Repubblica Islamica, ha dovuto fuggire clandestinamente dal suo Paese.

Condanna a morte

Questo sabato il suo pensiero è andato a tutti i suoi amici artisti imprigionati, addirittura condannati a morte. La mattina stessa, durante la conferenza stampa, dichiarò: ““Non dobbiamo più temere la censura, ora tocca a chi detiene il potere avere paura di noi. Dobbiamo lottare per avere una vita dignitosa! » Il suo film racconta la storia dell’emancipazione delle figlie di un giudice rivoluzionario al tempo delle rivolte di Teheran. “Saluto tutte le donne che hanno osato sfidare il potere togliendosi il velo. »

La sostanza, della regista francese Coralie Fargeat, ha ricevuto il Premio della Sceneggiatura. Questo film horror femminista, molto spazzatura Di Barbie, denuncia il culto del corpo e della giovinezza nei canali televisivi. Grazie ad una strana sostanza, un’anziana attrice, interpretata da Demi Moore, riesce a creare la sua sosia più giovane. Poi le cose andranno male… anzi male.

Assente sabato sera, l’attore americano 36enne Jesse Plemons ha ricevuto il Premio dell’Interpretazione per i suoi diversi ruoli in Tipi di gentilezza di Yorgos Lanthimos. Anche se il film non è all’altezza dei precedenti del regista greco, la sua interpretazione è notevole. Era già terrorizzato Guerra civile di Alex Garland.

A conclusione di questa grande celebrazione del cinema mondiale, citiamo il vincitore dell’oro Sean Baker: “I film sono fatti per essere visti al cinema e non sul cellulare. »

L’elenco completo:

Palma d’Oro: Anora di Sean Baker.

Gran Premio: Tutto ciò che immaginiamo come luce di Payal Kapadia.

Premio della giuria: Emilia Perez di Jacques Audiard

Premio per la miglior regia: Miguel Gomez per Gran Tour.

Premio speciale della giuria: Mohammad Rasoulof per I semi del fico selvatico.

Premio come miglior attore: Jesse Plemons Tipi di gentilezza.

Premio Miglior Attrice: Karla Sofía Gascón, Zoe Saldaña, Selena Gomez e Adriana Paz per Emilia Perez di Jacques Audiard.

Premio per la sceneggiatura: La sostanza di Coralie Fargeat.

Palma d’Oro per il cortometraggio L’uomo che non sapeva restare in silenzio di Nebojsa Slijepcevic.

-

PREV Questi sono i segnali che dimostrano che l’economia bretone sta rallentando
NEXT I panettieri dicono di osservare il “No Comment”