Recuperati i corpi di tre ostaggi, tra cui un francese, la Corte internazionale di giustizia chiede una tregua a Rafah

Recuperati i corpi di tre ostaggi, tra cui un francese, la Corte internazionale di giustizia chiede una tregua a Rafah
Recuperati i corpi di tre ostaggi, tra cui un francese, la Corte internazionale di giustizia chiede una tregua a Rafah
-

► L’Egitto lascerà passare gli aiuti dell’ONU attraverso Kerem Shalom

Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sissi si è impegnato, in uno scambio telefonico con Joe Biden, a farlo “consentire il passaggio dell’assistenza umanitaria fornita dalle Nazioni Unite attraverso il valico di Kerem Shalom”nel sud della Striscia di Gaza, ha annunciato la Casa Bianca venerdì 24 maggio.

Guerra a Gaza: bombardamenti mortali, domani la decisione della CIG sul cessate il fuoco… I risultati della 230a giornata

“Questo aiuterà a salvare vite umane”si legge in un comunicato stampa, il quale indica che il presidente americano è dalla sua parte “pienamente impegnato” lavorare per la riapertura di un altro valico strategico, quello di Rafah, al confine tra Egitto e territorio palestinese.

► I corpi di tre ostaggi recuperati dall’esercito israeliano

L’esercito israeliano ha annunciato venerdì 24 maggio di aver recuperato i corpi di tre ostaggi, tra cui quello del franco-messicano Orion Hernandez-Radoux, trattenuti nella Striscia di Gaza dopo l’attacco di Hamas sul suolo israeliano il 7 ottobre.

“I corpi degli ostaggi, (Chanan) Yablonka (Israele, ndr), Michel Nisenbaum (Israele-brasiliano, ndr) E Orion Hernandez (franco-messicano, ndr) sono stati recuperati nella notte nel corso di un’operazione congiunta » esercito e servizi segreti a Jabalia, nel nord di Gaza, ha affermato l’esercito in una nota.

All’annuncio del ritrovamento del corpo di Orion Hernandez-Radoux, Emmanuel Macron ha espresso la sua “tristezza tremenda”. Ha assicurato che la Francia è rimasta “più che mai impegnato per la liberazione di tutti gli ostaggi”.

In viaggio a Valencia, Gabriel Attal ha espresso la sua ” pensieri “ e la sua solidarietà alla famiglia e ai cari dell’ostaggio trovato morto. “È una tragedia che ci ricorda innanzitutto la portata del massacro e dell’attacco terroristico commesso da Hamas. È una tragedia che ci ricorda che abbiamo ancora due ostaggi francesi detenuti nella Striscia di Gaza.ha aggiunto il Primo Ministro, affermandolo “La nostra priorità assoluta è ovviamente ottenere il loro rilascio in modo che possano ricongiungersi con i loro cari in sicurezza”.

► La Corte Internazionale di Giustizia ordina a Israele di fermare l’offensiva di Rafah

La Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) ha ordinato a Israele di fermarsi ” subito ” la sua offensiva militare su Rafah e di mantenere aperto il valico di Rafah per gli aiuti umanitari “senza restrizioni”. Questa decisione rischia di aumentare la pressione internazionale a favore di una tregua.

Israele deve farlo “fermare immediatamente l’offensiva militare e qualsiasi altra azione condotta nel governatorato di Rafah, che potrebbe infliggere al gruppo di palestinesi di Gaza condizioni di vita tali da portare alla sua distruzione fisica o parziale”ha dichiarato la Corte internazionale di giustizia (ICJ).

Guerra a Gaza: i leader cattolici francesi chiedono un cessate il fuoco

Anche il tribunale dell’Aia ha chiesto il “Liberazione immediata e incondizionata” ostaggi tenuti a Gaza. L’ICJ “considera profondamente preoccupante che molti di questi ostaggi restino prigionieri e ribadisce la sua richiesta per il loro rilascio immediato e incondizionato”ha dichiarato durante l’udienza.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato che riunirà diversi ministri del suo governo sulla decisione della Corte internazionale di giustizia, accolta con favore da Pretoria.

► Il capo della Cia atteso a Parigi per il rilancio dei colloqui

Il capo della CIA, William Burns, è atteso a Parigi venerdì o sabato per cercare di rilanciare i colloqui con Israele su una tregua a Gaza, ha appreso l’AFP da una fonte occidentale vicina alla questione.

Riconoscimento dello Stato di Palestina, un piccolo pezzo del grande puzzle per la pace

Giovedì Israele ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi detenuti a Gaza, mentre le discussioni su una tregua con il movimento islamico palestinese Hamas sono impantanate da mesi. Questa fonte occidentale ha quindi parzialmente confermato le informazioni pubblicate in precedenza dai media americani.

Secondo il sito americano Axiosil capo della CIA deve arrendersi “nei prossimi giorni” in Europa per incontrare il capo del Mossad, uno dei servizi segreti israeliani, e il primo ministro del Qatar, nel tentativo di riavviare i colloqui.

► Josep Borrell chiede a Israele di non “intimidire” o “minacciare” la Corte penale internazionale

Venerdì il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha invitato Israele a non farlo “intimidire” O ” minacciare “ i giudici della Corte penale internazionale (CPI), il cui procuratore generale ha richiesto mandati di arresto contro il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa.

Mandati di arresto della CPI: una sequenza giudiziaria che isola ancora di più Israele

“Chiedo a tutti, a cominciare dal governo di Israele, ma anche ad alcuni governi europei, di non intimidire i giudici, di non minacciarli, di non cercare di influenzare la loro decisione”ha affermato Josep Borrell in un’intervista alla televisione pubblica spagnola TVE, chiedendo “rispetto per la Corte penale internazionale”.

Il procuratore generale della Corte penale internazionale (CPI), Karim Khan, ha annunciato lunedì di aver richiesto alla Corte mandati di arresto contro Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant, nonché contro tre leader del movimento palestinese Hamas, per presunti crimini commessi nella Striscia di Gaza e in Israele.

► Il funzionamento degli ospedali è in pericolo a causa della mancanza di carburante

Gli attacchi israeliani continuano nella Striscia di Gaza, con fonti ospedaliere che riferiscono di diversi feriti negli attacchi a Deir al-Balah (al centro).

“È in corso una guerra contro gli ospedali nella Striscia di Gaza”ha affermato il dottor Khalil Al-Darkan, portavoce dell’Ospedale dei Martiri di Al-Aqsa a Deir al-Balah, avvertendo che le attività della struttura potrebbero essere interrotte a causa della carenza di carburante.

Guerra Israele-Hamas: “Dove possiamo andare?” », l’angoscia degli abitanti di Gaza intrappolati a Rafah

Dopo l’offensiva di terra israeliana all’inizio di maggio su una parte della città di Rafah e la presa del controllo del lato palestinese dell’omonimo valico di frontiera, l’ONU afferma di aver constatato una paralisi delle forniture di carburante, che sono tuttavia essenziali per alimentare i generatori di energia. gli ospedali.

La protezione civile di Gaza City (nord) ha riferito giovedì che due attacchi aerei avevano ucciso 26 persone, tra cui quindici bambini. Sedici persone sono state uccise in uno sciopero che ha colpito la loro casa, le altre dieci in un bombardamento di una moschea e di una scuola.

► Israele taglia il collegamento tra il consolato spagnolo a Gerusalemme e i palestinesi

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha annunciato di averlo fatto “ho deciso di interrompere il collegamento” tra il consolato spagnolo a Gerusalemme e i palestinesi, ” in risposta “ al recente riconoscimento da parte di Madrid dello Stato di Palestina e ad a “appello antisemita” di un ministro spagnolo.

Riconoscimento dello Stato di Palestina, un piccolo pezzo del grande puzzle per la pace

“Ho deciso di interrompere il legame tra la rappresentanza (diplomatica) spagnola in Israele e i palestinesi e di vietare al consolato spagnolo a Gerusalemme di fornire servizi ai palestinesi in Cisgiordania”scrive il capo della diplomazia sul social network

Interrogato sulle modalità pratiche di tale decisione, il Ministero degli Esteri israeliano non ha risposto immediatamente.

-

PREV “Bridgerton”: chi è Michaela Stirling, al centro di una potenziale storia d’amore queer nella quarta stagione?
NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India