“È normale che gli studenti si mobilitino per la pace”

-

Articolo premium,
Riservato agli abbonati

Hubert Launois (19 anni) è diventato, un po’ per caso, il portavoce del movimento nei media. Insultato e minacciato, ora aspira a trovare la pace, lontano dai televisori.

Angers, agosto 2023. Hubert Launois è apparso per la prima volta sulle colonne del Courrier de l’Ouest dopo aver completato uno stage presso il centro della pace di Osnabrück. | JOSSELIN CLAIR


Visualizza a schermo intero


chiudere

  • Angers, agosto 2023. Hubert Launois è apparso per la prima volta sulle colonne del Courrier de l’Ouest dopo aver completato uno stage presso il centro della pace di Osnabrück. | JOSSELIN CLAIR

È normale che gli studenti si mobilitino per la pace. Ed è scioccante che l’unica risposta del governo sia una risposta repressiva e di sicurezza . Così è intervenuto Hubert Launois a RFI (Radio France Internationale) sabato 4 maggio. Promosso portavoce degli studenti di Sciences Po Parigi, il 19enne Angevin è improvvisamente passato dall’ombra alla luce da quando la scuola di rue Saint-Guillaume è diventata l’epicentro rumoroso e pubblicizzato della mobilitazione studentesca contro il massacro dei civili a Gaza .

Lo studente che segue un doppio corso (Scienze Po e facoltà di Filosofia alla Sorbona) è superato sei o sette volte su BFMTV, prima sulle colonne di La Croix e su alcuni media riservati di sinistra, poi sull’etere di RFI. Ma ora cerca di frenare le richieste. Sono impegnato in questa lotta, è vero. Sono la figura che abbiamo scelto ma non sono la più impegnata, non sono membro del comitato Palestina Egli ha detto. Tanto meglio se essere esposti ti permette di trasmettere…

-

PREV cosa sappiamo della seconda stagione
NEXT ecco i prodotti i cui prezzi sono aumentati sugli scaffali