Il Regno Unito mantiene le tariffe

Il Regno Unito mantiene le tariffe
Il Regno Unito mantiene le tariffe
-

Uccidi la bestia » che l’inflazione incarna: questo è ciò che il FMI ha chiesto alle banche europee alla fine di aprile 2023 ed è ciò che ha cercato di fare la Banca d’Inghilterra (BoE) seguendolo incessantemente. L’11 maggio 2023 la BoE ha sferrato un nuovo colpo alzando i tassi per la 12esima volta consecutiva. L’aumento è stato di 0,25 punti percentuali, portando il tasso di riferimento al 4,5%, un picco dal 2008 e dall’inizio della crisi finanziaria.

La Banca d’Inghilterra alza i tassi per la dodicesima volta per arginare l’inflazione record

Un anno e due giorni dopo, giovedì la banca centrale britannica ha annunciato che avrebbe mantenuto il tasso di riferimento al 5,25%, ma ha affermato: ottimista » su un calo dell’inflazione nei prossimi mesi, che potrebbe aprire la strada a un allentamento monetario.

“Abbiamo avuto notizie incoraggianti sul fronte dell’inflazione e crediamo che nei prossimi mesi scenderà vicino al nostro obiettivo del 2%”, ha commentato il governatore dell’istituto, Andrew Bailey, aggiungendo comunque vogliamo vedere “ più prove ” in questo senso.

Non è certo una sorpresa

Ciò non sorprende: già lo scorso settembre, la BoE aveva scelto di interrompere un ciclo di 14 giri di vite consecutivi, lasciando invariato il tasso di riferimento al 5,25%, il livello più alto dall’inizio del 2008 e dalla crisi economica e finanziaria .

E per una buona ragione: sulla scia di questa decisione presa il 3 agosto 2023, giovedì la sterlina britannica ha mantenuto le sue perdite rispetto al dollaro e all’euro. Intorno alle 13:30, ora di Parigi, la moneta ha perso lo 0,43% contro il biglietto verde, a 1,26 dollari per sterlina, e lo 0,37% contro la moneta unica, portandosi a 1,16 euro per sterlina.

La Banca d’Inghilterra alza i tassi di 0,25 punti in mezzo a “persistenti pressioni inflazionistiche”

Due membri del Comitato di politica monetaria (MPC) della Banca d’Inghilterra hanno votato oggi per un taglio del tasso di un quarto di punto, rispetto a un solo voto nell’ultima riunione di marzo, rimanendo a favore del mantenimento del tasso di riferimento al 5,25%.

Leggero calo dell’inflazione a marzo

Gli economisti non si aspettavano un cambiamento nella decisione di maggio e prevedono che l’istituzione inizierà il suo ciclo di allentamento monetario quest’estate, puntando in gran parte sul mese di agosto. Alle 13:25, ora di Parigi, la sterlina ha accentuato il suo calo rispetto al dollaro poco dopo la decisione, perdendo lo 0,28% a 1,2463 dollari.

Il mese scorso, il signor Andrew Bailey ha stimato che i dati per aprile, attesi per questo mese, ” dovrebbe registrare un forte calo ” inflazione verso il “bersaglio” dell’autorità monetaria, ossia il 2%.

Se l’inflazione ha segnato un leggero calo nel Regno Unito a marzo, al 3,2% su un anno, rispetto al 3,4% di febbraio, la crescita dei salari ha raggiunto il 6% (esclusi i bonus) per i tre mesi terminati a fine febbraio, segnalando a mercato del lavoro ancora teso.

La crescita si è rafforzata dall’inizio dell’anno

I rischi inflazionistici persistono soprattutto perché “ i rischi geopolitici si sono intensificati a seguito degli eventi in Medio Oriente, anche se finora ciò ha avuto un impatto limitato sul commercio e sui prezzi del petrolio », rileva ulteriormente la BoE.

La banca centrale britannica prevede che l’inflazione, “ aumenta leggermente nella seconda metà dell’anno, attorno a 2,5%” e stima di ritornare al suo obiettivo in modo più sostenibile nel 2026.

Sul fronte delle attività, “ La crescita del PIL britannico si è rafforzata dall’inizio dell’anno », specifica la BoE, invertendo la tendenza della seconda metà del 2023, durante la quale il Regno Unito è caduto in recessione tecnica.

La crescita più debole nei paesi ricchi del G7

L’istituto monetario britannico stima che il Pil sia cresciuto dello 0,4% nel primo trimestre, e ha alzato le previsioni di crescita allo 0,5% per l’intero 2024 e all’1% nel 2025 nel Regno Unito. Venerdì saranno pubblicati i dati ufficiali sul PIL del Regno Unito per il primo trimestre del 2024.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), dal canto suo, prevede che il prossimo anno il Regno Unito registrerà la crescita più debole tra i paesi ricchi del G7, proprio a causa, tra l’altro, dei tassi di interesse ancora elevati e dell’inflazione persistente .

(con AFP)

-

PREV E se i buchi neri non fossero ciò che pensiamo? Questo studio rimette tutto in discussione
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez