I dipendenti vogliono l’intelligenza artificiale al lavoro e non aspettano che le aziende si mettano al passo, perché per loro l’intelligenza artificiale alza l’asticella e infrange il tetto della loro carriera Secondo Microsoft

-

Nel suo rapporto Work Trend Index 2024, Microsoft ha collaborato con LinkedIn per fornire una panoramica dell’impatto dell’intelligenza artificiale (AI) sul mondo del lavoro. Il rapporto evidenzia il ruolo crescente dell’intelligenza artificiale nelle imprese e la sua influenza sui dipendenti, sulle imprese e sul mercato del lavoro nel suo insieme.

L’intelligenza artificiale (AI), nel suo senso più ampio, è l’intelligenza esibita dalle macchine, in particolare dai sistemi informatici. È un campo di ricerca dell’informatica che sviluppa e studia metodi e software che consentono alle macchine di percepire il loro ambiente e utilizzare l’apprendimento e l’intelligenza per intraprendere azioni che massimizzano le loro possibilità di raggiungere obiettivi definiti. Queste macchine possono essere chiamate AI.

Un anno fa, l’intelligenza artificiale generativa ha fatto irruzione sulla scena e, per la prima volta dai tempi degli smartphone, le persone hanno iniziato a cambiare il modo in cui interagiscono con la tecnologia. Le persone stanno sfruttando l’intelligenza artificiale su una scala inaspettata e la grande domanda ora è come ciò avvenga.

Man mano che l’intelligenza artificiale diventa onnipresente sul posto di lavoro, i dipendenti e le imprese sono sottoposti a pressioni estreme. Il ritmo e l’intensità del lavoro, accelerati durante la pandemia, non sono diminuiti, quindi i dipendenti stanno portando la propria intelligenza artificiale al lavoro. I dirigenti riconoscono che l’intelligenza artificiale è un imperativo aziendale – e sentono la pressione di mostrare un ROI immediato – ma molti non hanno un piano o una visione per passare dall’impatto individuale all’applicazione dell’intelligenza artificiale per migliorare i risultati.

Allo stesso tempo, il mercato del lavoro è destinato ad evolversi e sta prendendo forma una nuova economia basata sull’intelligenza artificiale. Mentre alcuni professionisti temono che l’intelligenza artificiale sostituirà il loro lavoro, i dati raccontano una storia più articolata: una carenza nascosta di talenti, un numero maggiore di dipendenti che valutano un cambiamento di carriera e un’enorme opportunità per coloro che sono pronti a migliorare le proprie competenze.

“L’intelligenza artificiale sta democratizzando le competenze nella forza lavoro”, ha affermato Satya Nadella, presidente e amministratore delegato di Microsoft. La nostra ultima ricerca evidenzia l’opportunità per ogni organizzazione di applicare questa tecnologia per migliorare il processo decisionale, la collaborazione e, in definitiva, i risultati aziendali.

Per il suo quarto Work Trend Index annuale, pubblicato l’8 maggio 2024, Microsoft ha collaborato per la prima volta con LinkedIn su un rapporto congiunto per fornire una visione completa di come l’intelligenza artificiale non solo sta rimodellando il lavoro, ma anche il mercato del lavoro più in generale. Microsoft e LinkedIn hanno intervistato 31.000 persone in 31 paesi, identificato tendenze lavorative e di assunzione, analizzato trilioni di segnali di produttività provenienti da Microsoft 365 e condotto ricerche con clienti Fortune 500. I dati evidenziano ciò che tutti i leader e i professionisti devono sapere e quali azioni intraprendere può assumere – per quanto riguarda le implicazioni dell’intelligenza artificiale per il lavoro.

1. I lavoratori vogliono l’intelligenza artificiale al lavoro e non aspetteranno che le aziende si mettano al passo.

Oggi tre lavoratori della conoscenza su quattro (75%) utilizzano l’intelligenza artificiale al lavoro. I dipendenti sopraffatti e sotto pressione affermano che l’intelligenza artificiale fa risparmiare loro tempo, aumenta la loro creatività e consente loro di concentrarsi sul lavoro più importante.

Mentre il 79% dei dirigenti riconosce che l’adozione dell’intelligenza artificiale è essenziale per rimanere competitivi, il 59% di loro è preoccupato di quantificare i guadagni di produttività dell’intelligenza artificiale e il 60% teme che la propria azienda non abbia una visione e un piano per implementarla.

Mentre i leader si sentono obbligati a trasformare i guadagni di produttività individuale in un impatto organizzativo, i dipendenti non aspettano di raccogliere i frutti: il 78% degli utenti di intelligenza artificiale porta i propri strumenti di intelligenza artificiale al lavoro. L’opportunità per ogni manager è quella di incanalare questo slancio verso un ritorno sull’investimento.

2. Per i dipendenti, l’intelligenza artificiale alza l’asticella e supera i limiti della carriera.

Microsoft rileva inoltre che l’intelligenza artificiale sta iniziando ad avere un impatto sul mercato del lavoro. Anche se per alcuni l’intelligenza artificiale e la perdita del posto di lavoro sono una priorità, i dati mostrano che sempre più persone stanno prendendo in considerazione un cambiamento di carriera, ci sono posti di lavoro disponibili e i dipendenti con competenze di intelligenza artificiale saranno i primi ad essere assunti. La maggior parte dei dirigenti (55%) afferma di essere preoccupata di non avere abbastanza talento per ricoprire le posizioni aperte quest’anno, con i dirigenti nei settori della sicurezza informatica, dell’ingegneria e del design creativo più colpiti.

E i professionisti sono all’erta. Il 46% delle persone intervistate a livello globale prevede di dimettersi nel prossimo anno – un massimo storico dal grande cambiamento del 2021 – e uno studio separato di LinkedIn ha rilevato che i numeri negli Stati Uniti erano ancora più alti, con l’85% di loro che considerava un cambiamento di carriera. Sebbene due terzi dei dirigenti non assumerebbero qualcuno senza competenze in materia di intelligenza artificiale, solo il 39% degli utenti ha ricevuto una formazione sull’intelligenza artificiale dalla propria azienda. I professionisti quindi migliorano da soli.

Dalla fine dello scorso anno, Microsoft e LinkedIn hanno registrato un aumento di 142 volte del numero di membri di LinkedIn che hanno aggiunto competenze di intelligenza artificiale come Copilot e ChatGPT ai loro profili, nonché un aumento del 160% di professionisti non professionisti che utilizzano tecniche di LinkedIn corsi di apprendimento per sviluppare le proprie capacità di intelligenza artificiale.

In un mondo in cui i riferimenti all’intelligenza artificiale nelle offerte di lavoro su LinkedIn portano a un aumento del 17% delle candidature, si tratta di una strada a doppio senso: le organizzazioni che forniscono ai propri dipendenti strumenti e corsi di formazione sull’intelligenza artificiale attireranno i migliori talenti e i professionisti con competenze di miglioramento avranno il vantaggio.

3. L’aumento degli utenti dell’intelligenza artificiale e cosa rivelano sul futuro.

Lo studio ha evidenziato quattro tipologie di utenti dell’IA, che vanno dagli scettici che usano raramente l’IA agli utenti esperti che ne fanno ampio uso. Rispetto agli scettici, gli utenti esperti dell’intelligenza artificiale hanno riproposto le loro giornate lavorative in modi fondamentali, reinventando i processi aziendali e risparmiando più di 30 minuti al giorno. Oltre il 90% degli utenti esperti afferma che l’intelligenza artificiale rende il loro enorme carico di lavoro più gestibile e il loro lavoro più piacevole, ma non lo fanno da soli.

Gli utenti esperti lavorano per un diverso tipo di attività. Hanno il 61% di probabilità in più di aver sentito il proprio CEO parlare dell’importanza dell’uso dell’intelligenza artificiale generativa sul lavoro, il 53% di probabilità in più di essere incoraggiati dal management a pensare a come l’intelligenza artificiale può trasformare il loro ruolo e il 35% di probabilità in più di ricevere una formazione sull’intelligenza artificiale su misura. al loro specifico ruolo o funzione.

“L’intelligenza artificiale sta ridefinendo il lavoro ed è chiaro che abbiamo bisogno di nuovi playbook”, ha affermato Ryan Roslansky, CEO di LinkedIn. Sono i leader che puntano all’agilità invece che alla stabilità e che investono nello sviluppo interno di competenze che daranno alla loro organizzazione un vantaggio competitivo e creeranno team più efficaci, più coinvolti e più equi.

La finestra del prompt è la nuova pagina vuota

Un commento ricorrente da parte dei clienti Microsoft è che parlare di intelligenza artificiale è più difficile di quanto sembri. Abbiamo tutti imparato a utilizzare un motore di ricerca, individuando le poche parole che ottengono i migliori risultati. L’intelligenza artificiale richiede più contesto, proprio come quando deleghi il lavoro a un collega o a un manager diretto. Ma per molti, guardare questa finestra di dialogo vuota è come trovarsi di fronte a una pagina bianca: da dove cominciare?

Oggi Microsoft annuncia innovazioni in Copilot per Microsoft 365 per aiutare i clienti a rispondere a questa domanda.

Se hai l’inizio di un prompt, Copilot ti offrirà di completarlo automaticamente per un risultato migliore, suggerendo qualcosa di più dettagliato per assicurarti di ottenere ciò che stai cercando. Questo non solo accelera le cose, ma ti dà anche nuove idee su come sfruttare la potenza di Copilot.

Altre volte sai esattamente cosa vuoi, ma non sai come chiederlo. Con la sua nuova funzionalità di riscrittura, Copilot trasforma un prompt di base in un prompt ricco con un solo clic, trasformando tutti in ingegneri di prompt.

aa94917cc9.jpg

Catch Up, una nuova interfaccia di chat che mostra informazioni personali in base alla tua attività recente, fornisce consigli reattivi, come ad esempio Hai un incontro con il vicepresidente delle vendite giovedì. Ti prepareremo: fai clic qui per note dettagliate.

Microsoft sa anche che ogni ruolo, ogni team e ogni funzione ha le proprie esigenze e modalità di lavoro. Per aiutarti a creare ospiti che corrispondano esattamente al tuo lavoro, presto sarai in grado di creare, pubblicare e gestire ospiti in Copilot Lab specificatamente adattati ai tuoi team più vicini.

9905cbb8b1.jpg

Queste funzionalità saranno disponibili nei prossimi mesi e, in futuro, Microsoft si spingerà ancora oltre: Copilot ti farà domande per permetterti di lavorare al meglio delle tue capacità.

LinkedIn ha inoltre realizzato più di 50 corsi di formazione gratuiti per aiutare i professionisti di tutti i livelli a migliorare le proprie competenze in materia di intelligenza artificiale.

Visita WorkLab per il rapporto completo sull’indice delle tendenze del lavoro e LinkedIn per ascoltare l’economista capo di LinkedIn Karin Kimbrough su come l’intelligenza artificiale sta rimodellando il mercato del lavoro.

Fonte : Microsoft

E lei ?

Qual è la tua opinione sull’argomento?

Ritieni che le conclusioni di questo studio di Microsoft siano credibili o rilevanti?

Vedi anche:

Google chiede agli Stati Uniti di modificare le regole sull’immigrazione per attirare più talenti nell’intelligenza artificiale, la carenza di competenze nell’intelligenza artificiale è una delle sfide più importanti per il mercato di oggi

Il rapporto mostra quali lavori saranno più richiesti nei prossimi 5 anni, i lavori legati all’intelligenza artificiale dovrebbero crescere del 40% entro il 2027

-

PREV Cannes 2024: chi è Arnaud Assoumani, l’atleta paralimpico che porta la fiamma sul red carpet?
NEXT l’esercito israeliano annuncia di aver recuperato i corpi di tre ostaggi, tra cui un franco-messicano