La Giornata degli insegnanti e l’ombra della rivolta iraniana del 2022 – Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana

-

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Il 2 maggio in Iran è la Giornata degli insegnanti. La celebrazione annuale onora apparentemente coloro che lavorano nel settore dell’istruzione del paese, ma poiché gli insegnanti iraniani sono sistematicamente privati ​​di salari dignitosi e di un adeguato sostegno istituzionale e devono affrontare le persistenti interferenze del regime dei mullah, il 2 maggio è spesso un’opportunità per la protesta pubblica, in gran parte organizzata da una rete di sindacati degli insegnanti a cui non è consentita legalmente l’esistenza.

Mercoledì 1 maggio, almeno 17 membri di uno di questi sindacati sono stati convocati dalle forze di sicurezza nella sola città di Sanandaj, come parte di uno sforzo molto più ampio per scoraggiare e criminalizzare l’organizzazione delle manifestazioni. Ciononostante, le proteste hanno avuto luogo in almeno dieci città iraniane e hanno espresso diverse richieste chiave, tra cui il libero accesso all’istruzione pubblica, la fine delle tendenze di privatizzazione in corso e migliori garanzie di sicurezza nei campus per studenti e insegnanti.

Il 2 maggio, anche funzionari statali hanno inviato messaggi di congratulazioni e Ali Khamenei, il leader supremo del regime, ha incontrato un gruppo selezionato di individui descritti come educatori. Ha sottolineato loro l’importanza di promuovere ed educare la nuova generazione secondo le aspettative del suo regime. Nelle sue osservazioni, Khamenei ha espresso apertamente la sua principale preoccupazione riguardo alla sensibilizzazione dei giovani e ha messo in guardia i funzionari che sono lontani dal potere e che a volte possono denunciare parzialmente le atrocità del suo regime.

Khamenei ha avvertito: “Coloro che deludono incautamente i giovani con il sistema, il governo o altri individui stanno effettivamente danneggiando il futuro del Paese. »

Le preoccupazioni di Khamenei sono fondate, poiché vede nei giovani infuriati, suscitati dall’accesso alla libera informazione, una significativa minaccia alla sicurezza. Ciò fu evidente durante la rivolta nazionale che durò più di sei mesi consecutivi, scuotendo il suo regime.

Nel frattempo, gli insegnanti in protesta in tutto il paese hanno spinto per il rilascio dei loro colleghi che erano stati imprigionati a causa della loro partecipazione a precedenti manifestazioni e attività di organizzazione, e per la riduzione delle tendenze repressive sotto minacce di fondo che includono non solo arresti ma anche ordini di fucilazione. come sorveglianza online e molestie.

Questa tendenza è stata osservata a tutti i livelli di istruzione, comprese le scuole secondarie e le università, in particolare dopo la rivolta antigovernativa nazionale iniziata nel settembre 2022. I vari sconvolgimenti universitari che ne sono derivati ​​hanno incluso il licenziamento di insegnanti e amministratori che avevano espresso sostegno per la protesta studentesca. che sono emersi come parte di questa rivolta o che semplicemente li hanno tollerati.

Secondo un articolo pubblicato il 12 ottobre 2023 sul quotidiano ufficiale “Etemad”, Mehdi Tehranchi, presidente dell’Università Azad, ha deciso di licenziare e sostituire 32.000 professori associati in tutto l’Iran. Questa decisione è arrivata in un momento in cui il regime dei mullah aveva già licenziato centinaia di professori e docenti delle università di tutto il Paese. Questi individui erano considerati simpatizzanti delle proteste e studenti coinvolti nella rivolta nazionale del 2022.

Allo stesso tempo, sono state adottate misure disciplinari contro gli studenti che hanno partecipato a queste proteste, sia da parte di amministratori relativamente fedeli al regime sia da parte di coloro che hanno ceduto alle pressioni dirette delle autorità.

Inoltre, l’impatto ancora emergente di questa rivolta rende ancora più significativo il fatto che gli organizzatori delle attuali proteste per la Giornata degli insegnanti abbiano cercato di attirare specificamente l’attenzione sul problema dei pregiudizi di genere nei programmi scolastici imposti dallo Stato. In realtà, queste proteste sono iniziate quando l’Iran era già nel mezzo di una crescente repressione dei diritti delle donne e di una pubblica violazione delle leggi del regime sul velo obbligatorio.

Il 13 aprile, le forze di polizia di diverse città hanno annunciato l’avvio di un’operazione denominata “Noor” o “Luce”, che ha visto un aumento delle cosiddette pattuglie della moralità, come quelle che scatenarono la rivolta del 2022 quando causarono la morte di un uomo. una giovane donna curda, Mahsa Amini, perché considerata troppo ampia nel suo hijab. Il capo della polizia nazionale iraniana ha confermato la scorsa settimana che la campagna Noor era ancora in corso e che 32 istituzioni separate erano coinvolte nell’applicazione del codice di abbigliamento del regime e di altri standard imposti di comportamento pubblico.

La campagna ha prodotto numerose immagini e video di donne molestate e arrestate, spesso violentemente, per le strade di varie città, e alcuni di questi video sono diventati rapidamente virali sui social media, contribuendo ad alimentare la reazione pubblica.

Mentre i funzionari statali stanno ora schivando le responsabilità e continuando il tipico gioco di colpe per deviare la responsabilità della nuova repressione, la nuova generazione iraniana e i suoi educatori persistono nell’organizzarsi e prepararsi per un’altra inevitabile occasione in cui la scintilla scoccherà nel pagliaio.

-

PREV I liutai vi invitano a condividere il loro know-how a Villefavard sabato 25 maggio
NEXT In Canada l’inflazione annua è scesa al 2,7% ad aprile