Femminista, Quebec unito? | Il dovere

Femminista, Quebec unito? | Il dovere
Femminista, Quebec unito? | Il dovere
-

Dopo soli cinque mesi di mandato, Émilise Lessard-Therrien ha rinunciato la settimana scorsa al ruolo di co-portavoce del Québec solidaire. L’ex membro di Rouyn-Noranda–Témiscamingue si era tuttavia impegnato molto per ottenere il sostegno dei membri e diventare così il primo co-portavoce del Québec solidaire a rappresentare con orgoglio la ruralità. E nemmeno sostituire la grande Manon Massé, diciamocelo, è stato un compito facile.

Nel frattempo, la Commissione nazionale per le donne del Québec Solidaire ha denunciato martedì l’imbavagliamento delle donne e “la crescente influenza delle persone non elette democraticamente” all’interno del partito.

Sfortunatamente, sembra esserci effettivamente una “piccola squadra affiatata” attorno al co-portavoce maschile, Gabriel Nadeau-Dubois. Per un partito che si definisce femminista, questa tendenza sembra molto strana.

Come nella maggior parte dei partiti politici, in Québec solidaire sembra esistere, o essersi recentemente affermata, una mentalità da “maschio alfa”. In qualsiasi società, formazione sportiva o politica, il maschio alfa è un uomo dominante, insediato al vertice di un gruppo, che si distingue chiaramente per il suo ascendente sugli altri membri, il che gli conferisce numerosi vantaggi, tra cui l’accesso privilegiato alle risorse (umane, mediatiche) spazio, potere decisionale e il resto).

È chiaro che Gabriel Nadeau-Dubois è un formidabile politico e un formidabile oratore. Ma sorge seriamente una domanda: c’è davvero spazio per una co-portavoce donna all’interno dell’Orange Party?

Lo spazio occupato dal co-portavoce uomo, Gabriel Nadeau-Dubois, va infatti a scapito del posto riservato alla co-portavoce donna? Ancora più importante, questa donna, questa co-portavoce di Québec solidaire, accede davvero alla posizione e condivide davvero il potere con l’uomo nella situazione in questione? Oppure tutto questo non è stato, per diversi anni, solo una semplice illusione, una facciata di comunicazione?

Secondo la stessa Émilise Lessard-Therrien – che sembra una donna tenace, diciamocelo – ha avuto “difficoltà a trovare [s]spaziamo” all’interno della squadra. Ma non è proprio compito della direzione del Québec solidaire assisterlo, dargli il posto che merita, e non il contrario? Com’è possibile che una donna debitamente eletta dai membri di un cosiddetto partito politico femminista debba lottare così tanto ed esaurirsi così rapidamente per essere ascoltata e avere accesso al posto che le spetta?

Nel 2019, del resto, Québec solidaire si è opposto all’adozione della legge 21 relativa alla laicità necessaria dello Stato, “in particolare per l’inclusione della disposizione di deroga, che ha permesso di sottrarla alla Carta canadese dei diritti e delle libertà , nonché alla Carta dei diritti dell’uomo e delle libertà del Quebec”.

E nel luglio 2022, Gabriel Nadeau-Dubois ha aggiunto uno strato al multiculturalismo sessista trudeauista, dichiarando niente di meno che “che un governo unito “permetterebbe di indossare simboli religiosi in modo che tutti possano lavorare in Quebec, indipendentemente da “importare le proprie convinzioni”. , ma la piattaforma [de Québec solidaire] ancora una volta schivò la domanda. “Non dobbiamo irritare deliberatamente la maggioranza francofona, che è ampiamente favorevole alla legge”.

Mentre le donne di tutto il mondo vedono violati i loro diritti più fondamentali, essendo costrette a indossare il velo o il burqa in Iran o Afghanistan, ad esempio, sotto pena di tortura e arresto, qui in Quebec abbiamo scelto, come società, la laicità . La laicità necessaria per vivere in una società egualitaria, dove la religione è nettamente separata dallo Stato.

Ma il Québec solidaire ha invece scelto di ignorare questa forte maggioranza francofona, largamente favorevole alla legge sulla laicità dello Stato. Come il Partito Liberale del Quebec, il Québec solidaire preferisce ancora celebrare la “diversità” e il multiculturalismo a tutti i costi, ignorando il semplice fatto che il velo islamico è sessista. E cerchiamo di essere chiari qui: tutte le religioni sono intrinsecamente sessiste.

Québec solidaire si definisce un partito politico femminista e indipendentista. E purtroppo ci abbiamo creduto a lungo. Tuttavia oggi sappiamo che queste due etichette hanno essenzialmente un carattere decorativo. E dopo aver accarezzato la speranza di rappresentare finalmente le regioni e la ruralità, il Québec solidaire potrebbe benissimo ridiventare quello che, in fondo, è sempre stato fin dall’inizio, cioè il partito della linea arancione.

Da vedere in video

-

PREV Étienne Daho ad Art Rock: “Questa giornata è dedicata a Frank Darcel”
NEXT Badiane: un colosso, ma non solo…