FATTO DELLA SERA Un Capo d’Oro per prendere il volo

-

La novillada de la Cape d’Or de la peña Antonio Ordoñez si svolgerà domenica 19 maggio alle 11:30 nelle arene di Nîmes e riunirà i novillos di Piedras Rojas per Lalo de Maria, Manuel Roman e Samuel Navalon.

Il trofeo consegnato da la peña Antonio Ordoñez per il suo 63° Capo d’Oro (Foto Anthony Maurin)

Perchè venire ad una novillada? Perché è qui che è in gioco il futuro. Il futuro della corrida e il futuro dei suoi protagonisti. Una novillada è una corrida per apprendisti toreri. Apprendisti quasi qualificati, apprendisti i cui denti digrignano la sabbia della pista. In toto Fiera di Pentecosteil futuro sta precipitando in pista.

È il 63° e tuttavia sia il contenuto che la forma rimangono eccezionalmente ben conservati. La storia della novillada del Capo d’Oro è raccontata da Max Vedel, lui stesso membro del gruppo creativo.

Foto illustrativa nell’arena con Juan “Calero” durante una novillada del Capo d’oro nel 1969 (Foto Archivio Comunale di Nîmes Fondns Hervé Collignon).

La storia inizia il 7 agosto 1960 con il rinvio di una corrida di Pentecoste. Una corrida di Juan Pedro Domecq che ha riunito Antonio Ordoñez e padre Chamaco. Ordoñez era stato straordinario e alla fine dell’arena, come sempre, gli amici si incontravano per bere qualcosa in Borsa. Fu allora che uno di loro suggerì di istituire un Antonio Ordónez che è stato creato il 1 gennaio 1961 perché Ordoñez era il numero 1! »

Dopo aver scritto una lettera al torero per ottenere la sua autorizzazione, il club della corrida si lanciò nella battaglia e fu nel 1963, durante un’assemblea generale, che emerse l’idea di fondare una novillada. “ Questa corsa apriva la stagione di Nîmes e aveva lo scopo di far emergere i giovani. Antonio Ordoñez è venuto a rimettere il premio in pista, che allora era un condote de paseo. » Il trofeo, grazie alle famiglie Miletto per il marmo e Minguet per l’incisione, divenne una targa marmorea poi il trofeo che conosciamo oggi.

Peña Antonio Ordoñez 63° Capo d'Oro (Foto Anthony Maurin)

Michel Dayre e Gérard Quettelard (Foto Anthony Maurin)

Per il presidente della peña, Gérard Quittard: “ Il Capo d’Oro viene da lontano ma non si consuma. Conta e per esserne sicuri vi bastava vedere la mostra del 60° anniversario della manifestazione nella quale si potevano vedere diversi personaggi. Il cartello di questo 63° Capo d’Oro è promettente, anche nella scelta del ganadero. Quest’anno sentiamo davvero questa novillada! »

Presidente della giuria 2024, Michel Dayre ringrazia l’azienda Simon Casas per la qualità del cartello proposto per l’evento. “ È difficile fare di meglio! Saremo lieti di accogliere nuovamente i novillos di Patrick Laugier e tre novilleros già confermati o in fase di confermazione. Lalo de Maria ha 21 anni e gareggerà per la terza volta e ha vinto l’anno scorso. Nel 2023 ha strappato ovunque e porterà la sua alternativa alla prossima Feria des Vendanges. E’ un ragazzo pronto, ha raggiunto la maturità, è garanzia di qualità ma gli standard saranno alti. »

Lalo de Maria (Archivio fotografico Anthony Maurin).

Per Marco Roman di Cordoba, secondo in pista, è ancora un’altra cosa. “ Ha 18 anni e l’anno scorso ha fatto un assolo nelle sue arene. Con 19 paseo e un indulto, ha fatto una grande stagione e l’11 maggio sarà alla corrida di Cordoba. »

Samuel Navalon, visto ad Arles nei panni di Manuel Roman, sarà scoperto dall’aficion di Nîmes. “ Ha 20 anni e viene dalla scuola di corrida di Albacete. Ha fatto un debutto fragoroso nel 2023 e sarà il 14 maggio a Las Ventas. È un ragazzo promettente che ha già dimostrato tante cose. »

Novillada mano a mano di Nuñez del Cuvillo, Gallon e Santiago Domecq per Manuel Roman e Marco Perez (Foto Anthony Maurin)

Pecho di Manuel Roman guardando i tendidos di Arles durante l’ultima feria di Pasqua 2024 (Archivio fotografico Anthony Maurin)

Come ogni premio, per assegnare un premio serve una giuria. Quello della peña è commovente e si rinnova ogni anno. Nel 2024, Michèle Carteyrade e Josiane Rouche daranno il tocco femminile ai membri della peña. A loro si uniranno due giovani: Norman Dumon e Victor Jalaguier. Il trofeo sarà consegnato in pista dal presidente Quittard alla presenza della giuria e del sindaco di Nîmes.

Paseo El Nimeño, Marismeño, Calero per la novillada del Capo d’or 1969 (Foto Collignon)

La scelta sarà senza dubbio difficile, ma una scelta dovrà essere fatta. Rispetteremo i canoni della corrida. È anche l’arte della controversia! Le polemiche prima del paseo, durante la gara e dopo. Quest’anno organizziamo una tertulia alla cantina Costières, sull’Esplanade, subito dopo la cerimonia di premiazione sulla pista. In ogni caso, siamo molto contenti della collocazione di questa novillada domenica mattina come richiedono le specifiche della delegazione del servizio pubblico. », concludono Michel Dayre e Gérard Quittard.

Affinché il trofeo abbia peso, è importante il modo in cui viene assegnato. Ecco le regole. Il novillero sarà giudicato per tutta la sua prestazione, dal momento in cui lascia il novillo fino alla morte.

Peña Antonio Ordoñez 63° Capo d'Oro (Foto Anthony Maurin)

Max Vedel, Michel Dayre e Gérard Quettelard de la Peña Antonio Ordoñez (Foto Anthony Maurin).

Il novillero deve essere lidiador durante tutta la sua azione, più precisamente durante il tercio di picche per evidenziare il coraggio del novillo facendogli prendere almeno due picche, se possibile di più, nello stesso campo.

La taena sarà giudicata secondo le capacità fisiche e morali del novillo. Il suo criterio di valore non sarà valutato sulla sua durata o sul numero di passaggi concessi, ma sull’adattamento del novillero per evidenziare le qualità del novillo o correggerne i difetti.

Solalito con la bandana della peña Antonio Ordoñez ma senza il Mantello d’Oro che l’accompagna… (Foto Anthony Maurin).

Bisogna rispettare tre parametri essenziali: trovare la posizione, incrociare i percorsi e caricare il sentiero. L’uccisione sarà giudicata più sulla sincerità dell’impegno del novillero nel sferrare il colpo che sul suo risultato finale.

Ma saranno penalizzati bajonazos, golletazos e atravesadas. L’assegnazione del trofeo non dipenderà esclusivamente dai premi assegnati dal palco e il primo parere non sarà lesivo della qualità della faena servita.

Émile Jourdan, sindaco di Nîmes, parla, Calero con il trofeo della novillada del Capo d’Oro del 1969 tra le mani e dietro, la mano sinistra che tocca il tavolo, segno di una certa timidezza, El Nimeño (Foto Collignon)

-

PREV Brutte notizie per la concorrenza, Cdiscount ha appena tagliato il prezzo di questo TV-Box Android
NEXT Il Rio Grande do Sul affronta il più grande disastro meteorologico della sua storia: Libération