Cinque fattori che determineranno la serie Rangers-Hurricanes

-

I New York Rangers avevano il miglior record della stagione regolare della NHL. I Carolina Hurricanes sono finiti direttamente nello specchietto retrovisore, tre punti indietro – e gli oggetti nello specchio sono più vicini di quanto sembri.

“I Rangers erano la squadra migliore e siamo stati loro alle calcagna tutto l’anno”, ha detto l’allenatore della Carolina Rod Brind’Amour. “Devi ottenere il meglio ad un certo punto, quindi tanto vale farlo adesso.”

Si incontrarono nel secondo turno dei playoff della Stanley Cup, dopo che i Rangers avevano travolto i Washington Capitals e gli Hurricanes avevano eliminato i New York Islanders in cinque partite. La prima partita della loro serie è domenica (16:00 ET, ABC/ESPN+).

L’ultima volta che queste squadre si sono scontrate è stato nel secondo turno dei playoff del 2022, una serie vinta dai Rangers in sette partite. Il centro Vincent Trocheck faceva parte della squadra degli Hurricanes, segnando tre gol nella serie. Ora è un attaccante chiave dei Rangers.

“È stata una battaglia. Ma ora sono due squadre completamente diverse. Ci sono molti ragazzi nuovi da quando sono lì,” ha detto. “Ma sempre lo stesso stile di hockey [in Carolina].”

Una costante è Brind’Amour dietro la panchina degli Hurricanes. Lui e l’allenatore dei Rangers Peter Laviolette hanno una storia unica: nel 2006, Laviolette ha allenato gli Hurricanes alla Stanley Cup… e Brind’Amour era il suo capitano.

Le somiglianze tra questi titani dell’Oriente non finiscono qui. Ecco cinque cose che potrebbero far oscillare questa serie incredibilmente serrata in entrambe le direzioni.

Riusciranno i Rangers a prosperare nel 5 contro 5?

Ormai, le vulnerabilità dei Rangers nel gioco 5 contro 5 sono canoniche. Ne abbiamo scritto a dicembre. Ne abbiamo scritto di nuovo in aprile.

Hanno fatto poco per dissipare queste preoccupazioni contro i Capitals, con una percentuale di gol previsti del 38,8% in 5 contro 5 nel loro turno. Ma gli effetti del punteggio sono stati una parte importante di quella disparità, soprattutto in attacco: i Rangers sono rimasti in parità per soli 13 minuti e 50 secondi nella serie e sono rimasti in svantaggio per soli 17 secondi in 5 contro 5.

New York è considerata una perdente da molti in questa serie, un’idea che si basa su quanto sia mediocre quando non fa parte di squadre speciali, combinato con quanto dominanti sono stati gli Hurricanes nel 5 contro 5. Carolina ha ottenuto il 59,5% dei tentativi di tiro nella stagione regolare, la migliore del campionato. Erano secondi per percentuale di gol previsti (56,9%), mentre i Rangers erano 22esimi in totale (49%). Questo è stato un segno distintivo delle squadre di Brind’Amour.

Va notato che i Rangers sono migliorati nel 5 contro 5 (51,8% di percentuale di gol previsti) da quando hanno aggiunto Jack Roslovic e Alex Wennberg alla formazione alla scadenza del contratto.

Naturalmente, gli Hurricanes stavano ancora ottenendo una percentuale di goal previsti del 59,3% dopo la scadenza stessa.

“Quando si tratta di come si gestisce l’attacco, bisogna guardare a come una squadra difende”, ha detto Laviolette. “Per me cambia leggermente in base a ciò che fa la copertura della zona D.”

Sotto Laviolette, i Rangers hanno giocato un gioco duro e semplificato che prevede movimenti rapidi del disco. Ciò li ha aiutati a ottenere risultati migliori rispetto alla scorsa stagione, quando furono sopraffatti dalla velocità di una squadra come i New Jersey Devils, che li eliminò al primo turno.

Anche Carolina muove il disco velocemente, ma muove i suoi pattini più velocemente.

“È solo hockey veloce. A volte sciamano. Possono andare avanti, e tu devi semplicemente mantenere la calma nella tua zona, tirare fuori il disco e vivere per combattere un altro giorno. Arrivano a ondate “, ha detto il difensore dei Rangers Jacob Trouba.

Brind’Amour sentiva che la battaglia 5 contro 5 sarebbe stata serrata sul piano difensivo. “Non ti danno spazio perché sono una buona squadra”, ha detto.

Una wild card per i Rangers: il centro Filip Chytil, che si sta allenando con la squadra ma non gioca dal 2 novembre a causa di una sospetta commozione cerebrale. Ha segnato quattro gol in sette partite contro Carolina nel 2022, tutti 5 contro 5.


Questa serie presenta due portieri titolari che hanno fatto passi da gigante al momento giusto.

Anche se i Rangers accumulavano vittorie, Shesterkin è stato incoerente all’inizio della stagione, portando il backup di Jonathan Quick a ottenere 26 partenze. Ma Shesterkin ha avuto una percentuale di parate di 0,918 e 5,9 goal parati sopra la media nelle sue 14 partite dalla scadenza del contratto NHL.

Dopo un inizio 4-1-0, i medici hanno scoperto che Andersen aveva un problema di coagulazione del sangue. Ha saltato 49 partite in un arco di quattro mesi. Dopo il suo ritorno in formazione, Andersen ha registrato un record di 9-1-0, 1,30 gol contro la media, percentuale di parate di 0,951 e tre interruzioni. Ha guidato la NHL con 11,6 gol parati sopra la media in quell’arco di tempo, secondo Natural Stat Trick.

Andersen è stato nominato finalista per il Masterton Trophy assegnato “al giocatore che meglio esemplifica le qualità di perseveranza, sportività e dedizione all’hockey”.

Shesterkin ha avuto numeri migliori al primo turno con una percentuale di parate di 0,931 e 1,75 gol contro la media. Andersen aveva una percentuale di salvataggio di 0,912 con un GAA di 2,25. Shesterkin ha dovuto affrontare più tentativi di tiro ad alto pericolo ogni 60 minuti (7,47) rispetto ad Andersen (6,6), ma entrambi i netminders hanno visto le loro squadre tenersi alla larga da loro alla pari.

Andersen ha perso la sua unica partita da titolare contro i Rangers in questa stagione, ma ha fermato 24 tiri su 26. Shesterkin era 2-1 contro gli Hurricanes con una percentuale di salvataggio di 0,915 e un arresto.

Naturalmente, quando si parla degli Hurricanes, non si parla mai solo di un portiere. Il debuttante Pyotr Kochetkov ha giocato da titolare 40 partite con i Canes nella stagione regolare, registrando una percentuale di parate di 0,911. Ha affrontato i Rangers due volte in quella serie del 2022.

“Ci sarà un momento in cui faremo affidamento su tutti in questa squadra e lui ne farà parte”, ha detto Andersen.


Un reato rinnovato della Carolina metterà fine?

Brind’Amour allena gli Hurricanes dalla stagione 2018-19. Da allora hanno raggiunto le finali della Conference due volte, inclusa la scorsa stagione, quando furono travolti dai Florida Panthers in quattro partite consecutive con un gol.

Ciò racchiudeva un frequente problema post-stagionale per gli Hurricanes: nonostante tutti i loro possedimenti di dischi e tentativi di tiro, spesso non sono stati in grado di evocare un goal in un momento critico per far oscillare una partita o una serie. È stata una delle differenze più evidenti tra i Rangers e gli Hurricanes: nonostante il gioco medio di New York sia 5 contro 5, completa le occasioni che crea in modo più efficiente di Carolina.

Gli Hurricanes tradizionalmente non hanno inseguito affitti offensivi di alto profilo alla scadenza commerciale della NHL. La situazione è cambiata in questa stagione quando hanno vinto il derby per i Pittsburgh Penguins in attesa dell’ala free agent Jake Guentzel. È un talento d’élite di alto livello che guida il gioco e realizza le occasioni. È stato anche uno dei giocatori più efficaci nei playoff della NHL nelle ultime stagioni, con 62 punti in 63 partite, inclusi quattro punti in cinque partite contro gli Islanders.

Carolina ha anche aggiunto l’ex centro dei Capitals Evgeny Kuznetsov alla scadenza. Dopo aver registrato sette punti in 20 partite della stagione regolare, ha ottenuto quattro punti in cinque partite al primo turno.

Guentzel è stato inserito nella prima linea degli Hurricanes con Sebastian Aho e Andrei Svechnikov.

Chiedi in giro alla squadra e il fatto che Svechnikov sia in questa serie potrebbe essere più importante di qualsiasi scadenza commerciale. Ha segnato cinque punti in cinque partite contro gli Islanders dopo aver saltato la postseason nel 2023 a causa di uno strappo al legamento crociato anteriore. È un creatore di differenza.


La linea Panarin potrà salire di livello?

Artemi Panarin si è incolpato per l’uscita dei Rangers al primo turno la scorsa stagione, totalizzando solo due assist in sette partite e pattinando con un punteggio di -2. Si è rifocalizzato in offseason, rasandosi simbolicamente la testa, ed è tornato ad avere un anno di carriera: 120 punti in 82 partite, di cui 49 gol.

Al ritorno ai playoff Panarin è stato solido: due gol e un assist in quattro partite. I Rangers avevano un tale vantaggio contro i Capitals sopraffatti che non avevano davvero bisogno di Panarin per portarli. Ciò probabilmente cambia contro gli Hurricanes, dato quanto verrà giocata questa serie.

Ma questo non è giusto nei confronti di Panarin. La sua linea con Trocheck e Alexis Lafreniere ha avuto tante occasioni da gol nel 5 contro 5 quante si sono arrese in quattro partite contro i Capitals (20). Erano leggermente al di sotto della percentuale di goal attesi (49%). I Rangers hanno bisogno che questa linea sia migliore di quella che scambia occasioni con gli avversari.


Lo stallo delle squadre speciali?

I Rangers sfruttano il loro gioco di potere, che si è classificato terzo nella stagione regolare (26,4%). L’hanno usato per chiudere tre delle quattro vittorie contro i Capitals, andando 6 su 16 nel turno di apertura. A non essere da meno è stata la loro uccisione di rigore, che si è classificata al terzo posto nella stagione regolare (84,5%) e non ha consentito un gol di power-play dei Capitals in tre delle quattro partite. In effetti, hanno segnato tanti gol short-handed quanti sono stati i gol in power-play (2) dei Capitals.

New York avrebbe un vantaggio speciale per la squadra rispetto a chiunque nei playoff.

Beh, quasi chiunque.

Gli Hurricanes hanno ottenuto il miglior rigore ucciso (86,4%) e il secondo miglior power play (26,9%) nella stagione regolare. Nel primo turno contro gli Islanders, i Canes sono andati 5 su 15 con il vantaggio maschile, anche se hanno concesso tre gol in power-play su 11 opportunità agli Islanders.

“Man mano che si approfondiscono i playoff, diventa sempre più importante”, ha detto Trouba. “Tutte le squadre a questo punto hanno buoni giochi di potere e buoni rigori”.

Nella serie del 2022, il gioco di potere dei Rangers ha fatto la differenza, con sette gol contro solo due conteggi per gli Hurricanes. Ma quel gioco di potere della Carolina non era così buono come questo, con Guentzel (11 punti di potere in 22 partite con gli Hurricanes) ora in prima unità.

Questo potrebbe essere l’incontro più equilibrato della serie – almeno sulla carta – quindi avere una svolta in entrambe le direzioni potrebbe dare una svolta anche alla serie.

-

PREV Marcatori di Benteke e Cuypers in MLS
NEXT Swiss Music Awards: vincitori Baschi, Joya Marleen e EAZ