Queste le forti convinzioni che hanno spinto Gregory Peck a girare nel western Les Bravados

Queste le forti convinzioni che hanno spinto Gregory Peck a girare nel western Les Bravados
Queste le forti convinzioni che hanno spinto Gregory Peck a girare nel western Les Bravados
-

Nel 1958, Henry King a cui era dovuto L’amato brigante (1939) E Le nevi del Kilimangiaro (1952), è al timone del western I Bravados. Trasmesso domenica 5 maggio 2024 alle 21:05 su Arte, il film racconta la storia di Jim Douglass (Gregory Peck), un uomo in lutto che insegue quattro delinquenti. E per una buona ragione è assolutamente convinto che siano loro gli assassini di sua moglie. Durante la sua caccia, incontra Josefa Velarde (Joan Collins), il suo ex amore. Nonostante le grida d’innocenza dei fuggitivi, l’uomo persiste. Un modo di criticare, secondo l’attore, il maccartismo al quale si oppose molto durante la sua vita.

Perché Gregory Peck ha accettato di suonare nei Bravados?

Arte, che trasmette il film, descrive questo ruolo come “impegnato”nella carriera di colui che ha brillato in film come Duello al sole (1946), Moby Dick (1956), o anche Silenzio e ombre (1962).
“Quinta e penultima collaborazione tra il cineasta e Gregory Peck, questo western in Cinemascope, attraversato da sublimi cavalcate notturne dai toni bluastri, rompe con la visione manichea delle produzioni dell’epoca iniettando un’innegabile complessità psicologica nei suoi personaggi, eroi come fuorileggepossiamo leggere. “Gregory Peck ha assunto questo ruolo ambiguo per denunciare il maccartismo e le devastazioni di una giustizia rapida”. Credere I nuovi Obin un articolo pubblicato il 12 aprile 2016, gli anni ’60 hanno segnato una svolta nelle convinzioni politiche dell’attore. “Da star polivalente, divenne una delle grandi voci della sinistra americana. L’odio di McCarthy lo aveva fatto conoscere: la guerra del Vietnam – dove combatté uno dei suoi figli – gli diede l’opportunità di ribaltare l’ago della bilancia”.

Il resto sotto questo annuncio

Questi gli impegni di Gregory Peck sullo schermo

Gregory Peck porterà le sue convinzioni nella sua arte. In I Bravadosma non solo. “Ha prodotto un film sulla rivolta, The Nine of Catonsville, adattamento dell’opera teatrale di un ‘anarchico cristiano’, Daniel Berrigan”, scrivi ai nostri colleghi. La storia riguardava il processo contro un gruppo che protestò contro la guerra del Vietnam bruciando documenti. Questo impegno lo porterà ad essere considerato sulla scena politica. “Gli fu chiesto di candidarsi come governatore della California (rifiutò), poi ambasciatore in Irlanda (rifiutò). Per un certo periodo è stato sulla lista degli amici del presidente Johnson e sulla lista dei nemici di Nixon. “L’equilibrio così raggiunto , Gregory Peck non è entrato in politica, preferendo rimanere sposato con il cinema”, i nostri colleghi si divertono. Resta quello sulle riprese di Bravati, se l’attore ha prosperato grazie al soggetto, il contatto con la sua co-protagonista non è stato dei più facili. In un’intervista rilasciata a Voga nel 2022, l’attrice Joan Collins lo ha rivelato sul set “era molto più vecchio [qu’elle] e non c’era chimica” fra loro.

Il resto sotto questo annuncio

-

PREV qual è la produzione di petrolio nell’Île-de France?
NEXT La tecnica perfetta per far rinfrescare le tue bottiglie in massimo 10 minuti