“È un passo avanti, ma un piccolo passo”: Jean-Luc Romero-Michel ritiene che la legge sul fine vita non sia sufficientemente ampia

“È un passo avanti, ma un piccolo passo”: Jean-Luc Romero-Michel ritiene che la legge sul fine vita non sia sufficientemente ampia
“È un passo avanti, ma un piccolo passo”: Jean-Luc Romero-Michel ritiene che la legge sul fine vita non sia sufficientemente ampia
-

La morte. Come vogliamo, quando vogliamo, quando la sofferenza fisica e psicologica diventa disumana. Jean-Luc Romero-Michel lo difende con molta… vita! Lo ha dimostrato ancora una volta.

Innanzitutto durante una riunione dell’équipe del centro LGBTQIA+ Côte d’Azur, poiché questo vicesindaco di Parigi, responsabile in particolare dei diritti umani, presidente e fondatore degli Eletti Locali contro l’AIDS, si impegna da tempo contro la discriminazione, la sierofobia e per la promozione dei diritti LGBT.

Poi alla libreria Jean-Jaurès a Nizza, durante un incontro di autografi attorno alla sua ultima opera Il giuramento di Berna: dalla morte solitaria alla morte unita.

Perché Jean-Luc Romero-Michel è anche presidente onorario dell’Associazione per il Diritto a Morire con Dignità (ADMD). E in questo senso, secondo lui, c’è ancora molta strada da fare mentre l’Assemblea nazionale esamina in commissione un testo sulla fine della vita. Da qui questo libro edito da L’Archipel, con la prefazione di Line Renaud e venduto a 19 euro. Colloquio…

Quale messaggio emerge dal tuo libro?

Questo libro è basato sulla storia di Alain Cocq, un attivista dell’ADMD che ha chiesto al Presidente della Repubblica il diritto di morire. Diritto che gli è stato negato. L’ho accompagnato a Berna, in Svizzera, per un suicidio assistito. Ma è anormale dover andare in esilio in questo modo per morire con dignità e senza sofferenza. Inoltre, pagando tra 10 e 15.000 euro! Cito anche altri casi che l’ADMD ha seguito. Questo diritto a morire con dignità è una nuova libertà. La mia morte mi appartiene!

Perché secondo lei la legge Leonetti sul fine vita è inefficace?

Innanzitutto non esiste una, ma tre leggi Leonetti. Che partono tutti da un presupposto sbagliato: è il medico che decide. E può durare settimane e queste leggi non rispettano la volontà della persona che sta morendo. Questa non è una questione medica, ma civica.

Cosa pensa della legge sul fine vita discussa dal 27 maggio all’Assemblea nazionale?

Dobbiamo riconoscere, infine, che stiamo passando dal “lasciare morire” al “far morire”. È un passo avanti, ma un piccolo passo. Questo testo, infatti, sarà utile alle persone la cui prognosi vitale è compromessa nel breve e medio termine, come i malati terminali di cancro. Ma altri, come le persone affette dalla malattia di Charcot, dovranno aspettare anni mentre sono già prigionieri del proprio corpo.

Ci sono altre lamentele che incidono su questa futura legge?

SÌ. Non riconosce le direttive anticipate della persona. Ora, tu devi poter dire: se mi trovo in questa o quella situazione, voglio morire. Poi questa legge non dà la scelta tra eutanasia e suicidio assistito. Queste due modalità devono coesistere. Ultima cosa: riguardo all’accesso alle cure palliative dobbiamo prenderci cura del malato e di chi gli sta accanto, ma quest’ultimo punto è essenziale, ma non ne parliamo. Una legge sul fine vita deve essere esaustiva. Spero che i parlamentari cambino certe disposizioni altrimenti resteranno limitate e bisognerà sempre andare in Svizzera, pagare per morire.

Lei consiglia il modello belga. Perché?

Perché funziona bene anche se ha più di 20 anni. In Belgio, tutte le persone che soffrono di malattie incurabili o di dolori che non possono essere calmati possono beneficiare della morte. Questo approccio viene controllato e validato da due medici e viene ricontrollato a posteriori.

-

PREV Bouffioulx: la onlus “La Grande aux Potiers” riceve il premio Sambria dal collettivo delle aziende sponsor
NEXT Il processo Trump entra nella fase finale, le testimonianze sono ancora in sospeso