Yannick Ferrera dopo la sconfitta della RWDM: ‘Non abbiamo più il nostro destino nelle nostre mani, spero che non ce ne pentiremo’

Yannick Ferrera dopo la sconfitta della RWDM: ‘Non abbiamo più il nostro destino nelle nostre mani, spero che non ce ne pentiremo’
Yannick Ferrera dopo la sconfitta della RWDM: ‘Non abbiamo più il nostro destino nelle nostre mani, spero che non ce ne pentiremo’
-

La RWDM non ha più il suo destino nelle mani dopo la sconfitta contro lo Charleroi questo sabato. Una partita alla quale è tornato il T1 Yannick Ferrera. Il tecnico parla anche dell’ultima partita della prossima settimana.

0-3 all’intervallo. La RWDM è affondata contro lo Charleroi questo sabato. “Abbiamo preso gol troppo facilmente e non siamo riusciti a creare pericolo. Abbiamo perso anche due giocatori per infortuni che sembravano gravi. Non eravamo al nostro livello e non siamo entrati bene in partita come la settimana scorsa. Stiamo pagando a caro prezzo questo brutto primo tempo. Ci svegliamo per secondi, ma era troppo tardi“, spiegare Yannick Ferrera al nostro microfono.

Anche il T1 è tornato al livello preoccupante. E per lui non è colpa della mentalità del gruppo: “Sinceramente ho l’impressione che non sia un problema di mentalità, ma di pressione. Otteniamo risultati positivi anche nella formazione. Non sento questa pressione e avverto un buon rilassamento, ma iniziamo la partita con la paura nello stomaco. Dobbiamo trovare velocemente insieme la soluzione, perché la prossima settimana avremo la partita decisiva. E dovremo mostrare un volto diverso rispetto a oggi.

Con questa sconfitta la RWDM non ha più il suo destino nelle sue mani. Dovremo contare sullo scarso risultato del Kortrijk. “Nel calcio tutto può cambiare velocemente. Soprattutto quando vediamo la differenza tra il primo e il secondo tempo. Che sia oggi o la settimana scorsa. Tutti vedono il Kortrijk vincere, ma dobbiamo ancora giocare la partita. Ma se il Kortrijk dovesse vincere domani, dovrà comunque battere lo Charleroi e noi dovremo battere anche l’Eupen. Non abbiamo più il nostro destino nelle nostre mani, sì, e spero che non ce ne pentiremo la prossima settimana. La prossima settimana non sarà tattica, ma mentale, sperando di permetterci di vincere a Eupen la prossima settimana“, conclude Yannick Ferrera.

-

PREV STVV e OH Leuven delen de punten na due prachtgoals
NEXT incontro con una pastorella impegnata