Francia – Mondo – Il premio globale dell’UNESCO per la libertà di stampa ai giornalisti palestinesi di Gaza

Francia – Mondo – Il premio globale dell’UNESCO per la libertà di stampa ai giornalisti palestinesi di Gaza
Francia – Mondo – Il premio globale dell’UNESCO per la libertà di stampa ai giornalisti palestinesi di Gaza
-

L’UNESCO ha assegnato giovedì 2 maggio il Premio Mondiale per la Libertà di Stampa a tutti i giornalisti palestinesi che coprono Gaza, decimata per più di sei mesi dall’offensiva israeliana su questo territorio in seguito all’attacco di Hamas nel sud di Israele.

In questi tempi di oscurità e disordine, desideriamo inviare un forte messaggio di solidarietà e riconoscimento ai giornalisti palestinesi che stanno coprendo questa crisi in circostanze drammatiche.“, ha commentato Mauricio Weibel, presidente della giuria internazionale dei professionisti dei media.

L’umanità ha loro un debito immenso per il loro coraggio e il loro impegno a favore della libertà di espressione.“, ha continuato in un comunicato stampa.

Audrey Azoulay, direttrice generale dell’UNESCO, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, dal canto suo ha sottolineato:l’importanza della mobilitazione collettiva affinché i giornalisti, ovunque, possano continuare a svolgere il loro essenziale lavoro di informazione e indagine“.

97 giornalisti e operatori dei media uccisi dal 7 ottobre

Secondo il Committee to Protect Journalists (CPJ), associazione con sede a New York, dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas, il 7 ottobre, sono stati uccisi almeno 97 giornalisti e operatori dei media, di cui 92 palestinesi. Altri sedici sono rimasti feriti.

La guerra è scoppiata il 7 ottobre, quando commando del movimento islamico palestinese Hamas infiltrati dalla Striscia di Gaza hanno effettuato un attacco senza precedenti nel sud di Israele, provocando la morte di 1.170 persone, per lo più civili, secondo un bilancio stabilito dall’AFP dati ufficiali israeliani.

Secondo funzionari israeliani, più di 250 persone sono state rapite e 129 rimangono detenute a Gaza, di cui 34 sono morte.

Per ritorsione, Israele ha promesso di annientare Hamas, che considera un’organizzazione terroristica insieme agli Stati Uniti e all’Unione Europea. Il suo esercito ha lanciato un’offensiva che finora ha causato la morte di 34.596 persone a Gaza, per lo più civili, secondo il ministero della Sanità di Hamas.

-

PREV Programma artistico speciale “Diên Bien Phu – pietra miliare d’oro della storia vietnamita”
NEXT RUSPE INDIANA – La rupia dovrebbe beneficiare del sostegno della banca centrale a 83,50-83,55/USD