Europei 2024: cosa dice la composizione della lista del Raduno Nazionale

Europei 2024: cosa dice la composizione della lista del Raduno Nazionale
Descriptive text here
-

Il Raduno Nazionale ha presentato questo 1ehm Possa l’avvio delle liste per le elezioni europee, in una delle sue roccaforti, a Perpignan. Comprende le prime 35 persone investite. Un buon numero di loro si trova in una posizione idonea. Come indicano diversi recenti sondaggi d’opinione, la lista di Jordan Bardella potrebbe essere in grado di inviare dai 28 ai 30 eletti al Parlamento europeo, se le intenzioni di voto saranno confermate domenica 9 giugno.

Sempre in testa per intenzioni di voto, la lista di Jordan Bardella non si limita agli eurodeputati o ai funzionari locali dei partiti, ma comprende anche alcune personalità esterne alla vita politica. “La RN ha cercato di pescare al di fuori delle proprie acque per occupare lo spazio in vista”, osserva Jean-Yves Camus, politologo specializzato nell’estrema destra. Tra i principali protagonisti: Malika Sorel, ex membro dell’Alto Consiglio per l’Integrazione (2009-2012) e saggista sostenitrice di François Fillon, è al secondo posto, seguita da Fabrice Leggeri, ex direttore esecutivo di Frontex, l’agenzia europea responsabile della controllo delle frontiere esterne. L’ingresso di questo alto funzionario è stato annunciato a febbraio (rileggi il nostro articolo). È oggetto di due denunce, presentate da ONG che lo accusano di aver facilitato i respingimenti illegali delle imbarcazioni dei migranti.

“Una lista piuttosto improntata alla sicurezza”

In settima posizione arriva in supporto una figura mediatica, quella di Matthieu Valet. Ex commissario e portavoce del sindacato indipendente dei commissari di polizia, il candidato è un assiduo frequentatore del canale CNews. A novembre, Le Canard Enchaîné rivelò che l’ex agente di polizia aveva ricevuto un rimprovero dai suoi superiori per aver sottratto voucher SNCF appartenenti a colleghi. Pascale Piera occupa la decima posizione. Questo magistrato, giudice istruttore, era un ex consigliere comunale del sindaco rinascimentale di Senlis (Oise). Su Tiktok ha denunciato “l’assenza di una politica penale a fronte di una ferocia diffusa”.

Tra gli altri candidati della società civile ci sono profili diversi: un insegnante, un commerciante, un agricoltore di 20 anni.e inserire nell’elenco un’infermiera in pensione, un avvocato o anche il direttore di una piccola impresa nella Charente-Maritime. “Per raggiungere una standardizzazione completa, manca un certo numero di profili. Manca la categoria dei grandi boss, ma anche un intellettuale rinomato. Finora non abbiamo conosciuto nessuno nel panorama che abbia deciso di attraversare il Rubicone», elenca Jean-Yves Camus studiando la lista. “È abbastanza artificioso, non abbiamo un ufficiale di alto rango nell’esercito, esentato dal suo obbligo di riserva”, osserva altrove. Questa carenza risulta ancora più evidente dal confronto. La lista di François-Xavier Bellamy (LR) accoglie in terza posizione il generale Christophe Gomart, ex capo dell’intelligence militare.

Relegato a una posizione più riservata, a 25 annie, Pierre Pimpie, vicedirettore dell’Istituto pubblico di sicurezza ferroviaria (EPSF), finisce di dare un certo colore alla squadra di Jordan Bardella. “Abbiamo ancora una lista piuttosto segnata dalla sicurezza. Non è anormale, se guardiamo alle preoccupazioni dei francesi, vedere la RN trarne vantaggio”, riassume Jean-Yves Camus.

Personaggi locali o dirigenti affezionati “promossi”

Numerosi dirigenti occupano anche un posto importante nell’architettura della lista e beneficiano di un vento di “promozione”, secondo Jean-Yves Camus. Ingranaggio essenziale del partito, il direttore generale Gilles Pennelle ottiene un bel 15e posto. Come lui, si sono aggiunti alla lista altri tre presidenti dei gruppi RN nei consigli regionali, come Julien Sanchez, sindaco di Baucaire (Gard).

Un numero significativo di persone vicine a Marine Le Pen sono state integrate nella squadra. Anche se piazzato a un lontano 33e Christophe Bay, invece, ex direttore della campagna del candidato alla presidenza, ex prefetto della Dordogna dal 2014 al 2016, additato dalla stampa per il suo stile di vita, rientra comunque in questa prima salva di nomi.

Consigliere speciale di Marine Le Pen, l’eurodeputato Philippe Olivier è il numero 11e posto, e non lontano, alle ore 14e, Catherine Griset, ex capo di gabinetto di Marine Le Pen. Ora seduta a Strasburgo, è stata incriminata per la vicenda dei posti di lavoro fittizi di assistenti parlamentari del Fronte nazionale. Jordan Bardella ha collocato anche alcuni amici intimi, come due ex presidenti dell’RNJ, l’organizzazione giovanile del partito, Aleksandar Nikolic (19e) e Gaëtan Dussausaye (29e). E ovviamente Pierre-Romain Thionnet in 23e posizione, ex assistente a Strasburgo di Jordan Bardella, e ora suo principale consigliere, su una linea identitaria.

Non più di un deputato RN su due dovrebbe riconquistare il proprio posto

Il partito non ha investito tutti i suoi 18 eurodeputati uscenti. Tra i nomi presentati mercoledì ci sono solo dieci nomi dell’attuale delegazione del Raduno Nazionale. E in questa selezione, solo otto hanno buone probabilità di ritornare ai loro posti a giugno. Più incerto per France Jamet e André Rougé, rispettivamente a quota 30e e 31e posto nella lista.

L’ex vicepresidente del FN, Jean-François Jalkh, alle prese con problemi di salute ma anche con un processo per “provocazione alla discriminazione” assieme ad altri imputati nell’affare “Petit guide de l’” rappresentante municipale del Fronte Nazionale”, non appaiono nell’elenco. La sua assenza non è quindi una sorpresa. Quella di Gilles Lebreton solleva degli interrogativi. Descritto come uno degli eurodeputati della RN più diligenti, questo funzionario del diritto pubblico sembra pagare il prezzo della sua partecipazione ai compromessi politici su alcuni testi chiave del Parlamento europeo.

Il RN indica che il capolista ha dovuto fare delle scelte. “Jordan aveva detto che ci sarebbero stati un terzo di nuove assunzioni, un terzo di promozioni e un terzo di rinnovi”, ricorda Jean-Lin Lacapelle. Il portavoce del partito lascia anche le Camere di Strasburgo e Bruxelles, e punta infine a un mandato da deputato a Palazzo Borbone. “Lascio l’Europa per tornare a livello nazionale. Occupo una posizione dirigenziale nell’apparato e contribuisco a preparare il movimento per i prossimi eventi”, spiega questa cara amica di Marine Le Pen.

Lungi dall’essere esfiltrato, Thierry Mariani si è mantenuto in buona posizione nella lista

Tra gli altri eurodeputati rimasti nella lista: Jean-Paul Garraud, capo della delegazione RN al Parlamento europeo (in 5e posizione), Virginie Joron (16e), figura del movimento anti-vaccini, o anche Mathilde Androuët (4e) sostenitrice di una “vera ecologia”, in opposizione all’“ecologia punitiva” di cui, a suo avviso, sono vittime agricoltori e automobilisti. Senza dimenticare Thierry Mariani. Attaccato regolarmente dai suoi avversari per le sue simpatie verso la Russia, ha sostituito Jordan Bardella nel primo dibattito televisivo europeo organizzato al Senato Pubblico. Dopo diverse settimane di incertezza – si diceva fosse in via di espulsione – l’ex ministro di Nicolas Sarkozy è stato salvato nella lista, a un rango più che onorevole, in 9e posizione.

“È Marine Le Pen che mantiene il controllo. Jordan Bardella è riuscita certamente a ottenere un certo numero di arbitrati, ma è lei a decidere», analizza Jean-Yves Camus. Anche questo deve occupare il penultimo posto della lista, 80e. “È un simbolo, non è solo la lista di Jordan Bardella, è la lista di Jordan Bardella con Marine Le Pen. » Nel complesso, lo specialista non “vede grandi sconvolgimenti in questa lista”.

Altri nomi simbolici oltre ai primi 35 rivelati questo mercoledì potrebbero seguire. Questa prima metà della lista potrà pesare sull’elettorato? Molti osservatori ne dubitano. “Questo gioca in modo estremamente marginale. Gli elettori guardano i dettagli delle liste? Non abbiamo segnali in questa direzione”, ricorda Jean-Daniel Lévy, vicedirettore dell’Harris Interactive Institute. Jean-Yves Camus ritiene inoltre che il fatto che la numero 2 della lista, Malika Sorel, si sia rivolta a Emmanuel Macron per entrare nel governo, non peserà sugli elettori. “La prova che non incide: questa classifica partiva al 30%, è ancora al 30, è un vero evento. In genere le liste che partono da molto in alto non si sbrogliano ma perdono punti strada facendo. »

Nel pieno delle intenzioni di voto, il partito ha però evitato un errore di casting. Alla fine di aprile, il partito ha deciso di rimuovere Mahorais Saidali Boina Hamissi dalla lista, dopo la scoperta di diverse pubblicazioni razziste e cospirazioniste.

-

PREV Dollaro, rendimenti obbligazionari rimbalzano su dati contrastanti, parla la Fed
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez