Russia accusata dagli Stati Uniti di usare armi chimiche in Ucraina: cosa sappiamo

Russia accusata dagli Stati Uniti di usare armi chimiche in Ucraina: cosa sappiamo
Russia accusata dagli Stati Uniti di usare armi chimiche in Ucraina: cosa sappiamo
-

La Russia ha violato i trattati internazionali? Lo spiega il Dipartimento di Stato americano, in un comunicato stampa pubblicato mercoledì 1ehm poter avere “determinato” che la Russia avrebbe utilizzato armi chimiche contro le truppe ucraine, nonostante i divieti delle convenzioni internazionali.

Gas della Prima Guerra Mondiale

Gli Stati Uniti accusano soprattutto la Russia di utilizzare la cloropicrina. Questo pesticida fu utilizzato soprattutto dai tedeschi durante la prima guerra mondiale come gas soffocante. In Francia questo prodotto è stato autorizzato fino al 1989. I guardiacaccia lo utilizzavano per uccidere i parassiti.

Leggi anche: Guerra in Ucraina. Feriti a Odessa, attacchi russi… Aggiornamento nella notte.

È un gas soffocante, simile al gas lacrimogeno. Secondo il Dipartimento di Stato americano, sarebbe abituato “allontanare le forze ucraine dalle posizioni fortificate e ottenere vantaggi tattici sul campo di battaglia”.

Vietato dai trattati internazionali

La Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche (CIWC) vieta lo sviluppo, la fabbricazione, lo stoccaggio e l’uso di armi chimiche. Entrato in vigore nel 1997, la Russia è uno dei paesi che hanno firmato e ratificato questo trattato. La cloropicrina è uno dei gas vietati da questa convenzione.

Anche l’Ucraina ha firmato il CIAC. La Russia, che nega l’uso di armi chimiche, accusa regolarmente l’Ucraina di usarle. A febbraio gli ucraini hanno accusato l’esercito russo di aver utilizzato il gas più di 200 volte nel solo mese di gennaio 2024.

Nuove sanzioni

In risposta a questi presunti attacchi, sette aziende e istituzioni russe sono nel mirino degli americani per nuove sanzioni. Tra loro, “tre entità governative russe associate a programmi russi di armi chimiche e biologiche e quattro società russe che hanno contribuito a queste entità”spiega il comunicato stampa.

“Le sanzioni odierne mirano a interrompere e indebolire ulteriormente lo sforzo bellico della Russia prendendo di mira la sua principale industria militare e le reti di evasione. [des sanctions existantes] che lo aiutano a provvedersi»ha dichiarato il ministro del Tesoro americano, Janet Yellen, citata in un comunicato riportato dalAFP.

Mosca reagisce

Il Cremlino ha smentito le accuse americane, annunciaAFP. “Come sempre, queste accuse appaiono del tutto infondate”ha dichiarato alla stampa il portavoce della presidenza russa, Dmitri Peskov, assicurando che Mosca rispetta “i suoi obblighi relativi al diritto internazionale in questo settore”.

La Russia ha affermato di non possedere più un arsenale chimico militare, ma il Paese deve far fronte a pressioni per una maggiore trasparenza sull’uso di armi tossiche di cui è accusata.

Accuse ricorrenti

In un’inchiesta pubblicata il 6 aprile 2024, il quotidiano britannico Il telegrafo ha affermato che la Russia stava usando gas lacrimogeni. Utilizzato regolarmente dalle forze di polizia di tutto il mondo, inclusa la Francia, per disperdere la folla, il suo utilizzo è vietato nel contesto di un conflitto da parte del CIAC. Secondo quanto riferito, la Russia utilizza una concentrazione di gas più elevata nelle granate rispetto a quelle utilizzate dalle forze dell’ordine.

Leggi anche: Guerra in Ucraina. A 98 anni percorse da sola 10 km dal fronte per ripararsi dai bombardamenti

Nel gennaio 2024, in un articolo su Mondo , Yuriy Belousov, capo delle indagini presso la Procura generale di Kiev, ha rivelato che dall’inizio della guerra, dal 24 febbraio 2022, sono stati registrati 626 attacchi con armi chimiche da parte dell’esercito ucraino. Ma solo “64 casi di utilizzo del gas” avrebbe potuto essere confermato dai suoi servizi, ” quasi sempre “ gas lacrimogeno “trasmesso dalle granate K-51”.

Quali fonti?

Le affermazioni di Telegrafo sull’uso dei gas lacrimogeni si basano su un’inchiesta condotta dal quotidiano. Secondo quanto riferito, una granata sarebbe stata recuperata dal fronte dai soldati ucraini e passata ai giornalisti da Rebekah Maciorowski, un’infermiera americana in servizio nell’esercito ucraino. Marc-Michael Blum, esperto di armi chimiche ed ex direttore dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, ha identificato l’oggetto come una granata K-51. Queste munizioni russe lo sono “solitamente pieno di gas lacrimogeni”secondo lui.

Nel gennaio 2024, LCI ha anche affermato che la Russia stava usando gas lacrimogeni contro le posizioni russe. I nostri colleghi hanno potuto filmare le granate K-51 e raccogliere testimonianze di soldati ucraini.

Per quanto riguarda la cloropicrina, nell’agosto 2023, il Kiev indipendente , quotidiano ucraino in lingua inglese, ha riportato le parole di Oleksandr Tarnavaskyi, comandante del settore militare di Tavria. Secondo lui, il 6 agosto 2023, i soldati russi hanno sparato due raffiche di artiglieria con munizioni contenenti armi chimiche, probabilmente cloropicrina. Gli Stati Uniti non spiegano come siano arrivati ​​a queste conclusioni.

-

PREV ecco cosa può fare questo strumento onnipotente
NEXT La NASA si prepara per il doppio lancio di cubesat per la scienza del clima » Iraqi News Agency