Il farmaco per il diabete potrebbe ridurre il rischio di infarto

Il farmaco per il diabete potrebbe ridurre il rischio di infarto
Il farmaco per il diabete potrebbe ridurre il rischio di infarto
-

Probabilmente hai già sentito parlare di semaglutide, il principio attivo attualmente presente in due farmaci: Ozempic® e Wegovy®. Sebbene regolarmente deviato a scopo di perdita di peso, il primo è strettamente riservato (in Francia) al trattamento del diabete di tipo 2. Il secondo, dal canto suo, è stato autorizzato (sempre in Francia) tra luglio 2022 e settembre 2023 per l’uso medico. gestione dell’obesità.

Semaglutide per prevenire infarti e ictus?

Ma oltre al diabete e all’obesità, semaglutide potrebbe essere di interesse nella prevenzione delle malattie cardiovascolari – come infarto o ictus, per esempio. Uno studio, realizzato dall’University College di Londra (in Inghilterra) e presentato al Congresso Europeo sull’Obesità (ECO), è stato condotto su 17.604 adulti che vivono in 41 paesi. I partecipanti avevano più di 45 anni, avevano un indice di massa corporea (BMI) maggiore di 27 (corrispondente al sovrappeso) e avevano una storia di malattie cardiovascolari. Sono stati separati in 2 gruppi per 40 mesi: i volontari del gruppo 1 hanno ricevuto ogni settimana una dose di 2,5 mg di semaglutide per via sottocutanea (mediante iniezione) mentre i volontari del gruppo 2 hanno ricevuto solo una dose di placebo.

Un rischio inferiore del 20% nei pazienti trattati con semaglutide

Risultato (…)

Per saperne di più su Top Santé

3 buoni motivi per cedere (senza sensi di colpa) a tutta la tua voglia di fragole
Un’infermiera di cure palliative spiega cosa succede negli ultimi istanti di vita
Ora sappiamo che l’obesità aumenta il rischio di 30 tumori (e non 13)
Uno studio ha concluso: questo frutto è il più contaminato dai pesticidi
Un dermatologo sconsiglia queste 2 bevande se vuoi mantenere una pelle bella

-

PREV Proiezione gratuita, educazione nazionale, temporali: cosa vi aspetta a Le Mans questo mercoledì 22 maggio
NEXT Qual è stato l’impatto dell’influenza aviaria sulla fauna selvatica?