Una giornata di sensibilizzazione e omaggio alle vittime della strada organizzata a Bagnols-sur-Cèze

Una giornata di sensibilizzazione e omaggio alle vittime della strada organizzata a Bagnols-sur-Cèze
Una giornata di sensibilizzazione e omaggio alle vittime della strada organizzata a Bagnols-sur-Cèze
-

Sabato 11 maggio, i genitori di Adrien Couffin, insegnante e padre scomparso nell’ottobre 2022, allestiranno 55 coperti su un tavolo nero in Place Jean-Jaurès a Bagnols.

Il collettivo Justice for Road Victims rinnova la sua azione di sensibilizzazione. Sabato 11 maggio, 55 coperti saranno allestiti su un tavolo rivestito di nero in place Jean-Jaurès a Bagnols-sur-Cèze in omaggio alle 55 persone uccise sulle strade del Gard nel 2023. “Vogliamo raggiungere quante più persone possibile, soprattutto i giovani. Vogliamo far loro capire che non capita solo agli altri”. Evelyne e Bernard Couffin hanno perso il figlio Adrien nell’ottobre 2022 in un incidente stradale. A bordo c’erano anche Marion, la moglie di Adrien, e i loro due figli, Mathieu e Léa. “La nostra nipote era tra la vita e la morte. È rimasta in coma per cinque giorni. Ha avuto 11 fratture e un ginocchio schiacciato che ha causato un rallentamento della crescita. Avrà conseguenze per tutta la vita. Ha perso il suo papà e ha quasi perso la vita quando noi vederla in questo stato, è inaccettabile che l’autore sia ancora latitante.dice Evelyne, molto commossa.

Creazione di una filiale locale del collettivo

L’individuo che ha investito l’auto della famiglia Couffin stava accelerando ed era sotto l’influenza dell’alcol. “È passato un anno e mezzo da quando abbiamo perso nostro figlio e non c’è ancora alcuna sentenza. L’individuo è sotto controllo giudiziario!”. Le famiglie delle vittime chiedono da diversi anni che il 16 maggio diventi una giornata nazionale dedicata alle vittime della strada. Vogliono anche che il termine “omicidio colposo” venga riclassificato come “omicidio veicolare”. Un primo passo è stato fatto da quando l’Assemblea Nazionale (il 31 gennaio) e poi il Senato (il 29 marzo) hanno votato il disegno di legge che istituisce l’omicidio stradale quando in un incidente mortale coinvolge un conducente sotto l’effetto di droghe o alcol. “Non vogliamo che questo sia un annuncio vuoto, i colpevoli devono essere adeguatamente condannati”, commenta il padre.

I genitori di Adrien Couffin lanceranno una filiale locale del collettivo Giustizia per le vittime della strada. Sarà efficace dal 1ehm Gennaio 2025. “L’obiettivo è poter aiutare, consigliare e guidare le famiglie e gli amici delle vittime”. Evelyne vorrebbe realizzare azioni di sensibilizzazione anche nelle scuole medie e superiori. “Se potessimo salvare anche una sola vita, sarebbe un risultato enorme”.

“Nessuno è pronto a vivere una simile tragedia”

Christian Baume, vicedelegato alla sicurezza a Bagnols, “si congratula con le famiglie per aver sensibilizzato su questo argomento”. “Esiste un cocktail maledetto: alcol, droga e speed. Coloro che lo consumano diventano criminali stradali e massacrano famiglie. Dobbiamo rinsavire e condannare più severamente”. “L’auto diventa un’arma e nessuno è pronto a vivere una tragedia simileaggiunge Evelyne Couffin. Viviamo con alti e bassi, ogni giorno è sofferenza. Diciamo perché noi, perché lui. Al mattino è un incubo finché non vai a letto con le medicine. Sappiamo che fino alla fine dei nostri giorni non saremo mai più felici. Abbiamo preso l’ergastolo. “

-

PREV Articoli non disponibili – Le journal du Gers: giornale on-line e continuo che copre l’attualità di Auch e del Gers
NEXT Crunchyroll aumenta notevolmente il prezzo dei suoi abbonamenti e giustifica i nuovi prezzi