COROS si lancia nel mercato dei computer da bicicletta GPS con il solare DURA

-

Fonte: comunicato stampa

Dopo anni di innovazione negli orologi sportivi GPS, che si distinguono per la durata della batteria, un’interfaccia incredibilmente facile da usare e un robusto software di allenamento, il marchio COROS ha annunciato oggi di aver portato la stessa formula in un nuovo computer da bicicletta GPS ad energia solare. , il COROS DURA.

COROS DURA ti consente di guidare per 120 ore consecutive con il segnale GPS completo con una singola carica. I pannelli solari aggiungerebbero fino a due ore di attività per ogni ora di luce solare diretta. Il tutto ad un prezzo interessante di soli 289€.

DURA prende il nome dalla parola spagnola che significa “una cosa difficile”. Come suggerisce il nome, DURA è progettata per supportare i ciclisti, non importa quanto sia difficile una corsa o una sfida.

Utilizzando la semplicità come principio guida per il suo computer da bicicletta, COROS dà priorità all’esperienza del ciclista affrontando le diverse frustrazioni sollevate dagli utenti. Ciò si traduce in una durata della batteria praticamente infinita, utilizzo di Google Maps per la navigazione, velocità di download rapidissime e molto altro ancora: l’innovazione di questo nuovo misuratore non ha eguali nel mercato dei contatori GPS.

COROS DURA ti consente di guidare per 120 ore consecutive con il segnale GPS completo con una singola carica. I pannelli solari aggiungono fino a due ore di attività per ogni ora di luce solare diretta. Una promessa da verificare perché sembra molto ottimista.

Dotato di un touchscreen MIP a colori da 2,7 pollici completamente personalizzabile, la visualizzazione dei dati e della navigazione sul DURA è cristallina quando si guida all’aperto, soprattutto alla luce diretta del sole. La retroilluminazione adattiva regola automaticamente la luminosità dello schermo per garantire una visione chiara di notte o in ambienti chiusi.

Crea facilmente nuovi percorsi nell’app COROS o scaricali dalle tue app preferite come Strava, Ride with GPS e Komoot. Se cambi idea lungo il percorso, cerchi nuove destinazioni sul tuo telefono o disegni un nuovo percorso, COROS DURA sincronizzerà il percorso aggiornato in pochi secondi.

COROS DURA include anche una piattaforma di formazione completa a portata di mano con l’app COROS e il COROS Training Hub progettato per desktop, senza costi aggiuntivi o canoni mensili. Gli atleti che desiderano ottenere il massimo dal proprio allenamento otterranno informazioni complete sul fitness abbinando il DURA a un orologio COROS, comprese le metriche su prestazioni, recupero, sonno, stress e HRV.

Lewis Wu, co-fondatore di COROS:

Il nostro obiettivo è creare prodotti che risolvano i problemi degli atleti, sia per aiutarli ad allenarsi, a esplorare il mondo o semplicemente ad avvicinarli allo sport che già amano. Il COROS DURA è un chiaro esempio di questa filosofia ed è davvero il compagno di avventure e allenamenti per eccellenza. Siamo orgogliosi e onorati di presentare il DURA al mercato del ciclismo.

Il COROS DURA è stato sviluppato con l’aiuto e il feedback di alcuni dei migliori ciclisti di resistenza fuoristrada del mondo, tra cui Haley Smith, Cole Paton, Freddy Ovett, Hannah Otto e Amity Rockwell. Testato al limite nelle gare di resistenza a lunga distanza come Traka 360 e Unbound 200, così come nelle curve strette della Coppa del mondo MTB di Nové Město, DURA ha costantemente fornito dati e navigazione precisa, funzionamento impeccabile, ottima durata della batteria e tutto il resto. Metriche delle prestazioni Gli atleti di livello mondiale hanno bisogno di monitorare le loro prestazioni.

Il nuovissimo COROS DURA, disponibile a 289 €, è in vendita da oggi in tutto il mondo. Le spedizioni inizieranno il 15 luglio. Il DURA include un esclusivo supporto per manubrio e un cavo di ricarica USB-C. Come altri dispositivi COROS, DURA si integra con i principali strumenti di mappatura e analisi, tra cui Komoot, Strava, Training Peaks e Ride with GPS.

Primi ritorni

Naturalmente vi riferirò entro poche settimane dopo averlo testato a fondo. Ma a prima vista, il Coros Dura non è finalizzato e richiede aggiornamenti del firmware per essere veramente operativo. Nell’elenco dei problemi riscontrati al momento:

  • il reindirizzamento in caso di errore di percorso è lungo, molto lungo. A volte il calcolo del nuovo percorso viene effettuato solo 700 metri dopo aver commesso un errore
  • Associazione con radar (Varia RTL515, RCT715 o Trek Carback) impossibile. Il Coros Dura non li trova.
  • Uso raramente la ruota della roulette mentre guido. Le tacche non sono abbastanza chiare, quindi è impossibile essere precisi, soprattutto su strade sgranate dove potrebbe essere necessario cambiare due pagine invece di una.
  • L’autonomia non è all’altezza. Anche durante una gita soleggiata, perdo dall’1 al 3% all’ora. Siamo quindi lontani dalle 120 ore promesse.

COROS indica che ha già in cantiere un firmware per correggere alcuni problemi, vi informerò sullo stato di avanzamento (o meno) quando sarà disponibile. Ma per ora sembra più prudente aspettare che questo contatore diventi più affidabile.

-

PREV Saldi su laptop e MacBook: ecco le imperdibili promozioni del secondo ribasso
NEXT OpenAI lancia GPT critico per correggere GPT-4