Concorso scientifico “C’Génial” a Grasse: “La storia finisce bene, siamo pronti ad andare oltre”

Concorso scientifico “C’Génial” a Grasse: “La storia finisce bene, siamo pronti ad andare oltre”
Concorso scientifico “C’Génial” a Grasse: “La storia finisce bene, siamo pronti ad andare oltre”
-

Quest’anno si sono riuniti per questa competizione 6.000 studenti delle scuole medie e superiori. L’obiettivo è premiare i migliori progetti scientifici provenienti da tutta la Francia metropolitana e dall’estero. I vincitori sono cinque studenti delle scuole superiori dell’Institut Fénelon di Grasse, nonché il loro insegnante.

In totale sono stati 120 i progetti che sono stati presentati attraverso un video esplicativo, filmato e montato in una giornata, e un report, consegnato poco prima della scadenza.

Le settantadue giurie ne hanno selezionati ventitré che andassero a Parigi, compresi loro. Lì, Edward Fischer, uno dei membri della squadra vincitrice, lo spiega “al mattino, in due occasioni, le giurie si sono svolte in modo casuale. Davanti a ciascuna giuria, dovevamo presentare una presentazione orale di dieci minuti per spiegare tutto. Ci sono state poste domande piuttosto ampie in francese e inglese. Abbiamo quindi dovuto rispondere li nelle due lingue”.

Nel pomeriggio le domande sono state un po’ più mirate e precise. Ciò non ha impedito loro di essere una delle due squadre selezionate per partecipare alla principale competizione europea EUCYS.

Stella Variabilis

Gli studenti delle scuole superiori dell’Istituto Fénelon hanno deciso di intraprendere un progetto di astronomia: “Abbiamo un club scientifico alla base, sono ormai due anni che facciamo piccoli concorsi. Ma l’idea di scoprire davvero una nuova stella variabile e catalogarla ci ha incuriosito e abbiamo deciso: perché non imbarcarci in un grande progetto” come quello”dichiara Émilie Godet, membro dell’équipe. “Non sappiamo nulla di astronomia Era completamente nuovo per noi”aggiunge Edoardo.

Un progetto incoraggiato dal loro insegnante, Jean-Luc Martin, appassionato di questo settore. “Quello che volevamo era scoprire una nuova stella variabile. Si tratta di un affascinante insieme di oggetti celesti che mostrano cambiamenti di luminosità nel tempo. Quella che abbiamo scoperto si chiama USNO 1350 -02754253, sono tanti numeri! Nel “C’Génial “Concorrenza, dobbiamo spiegare chiaramente le fasi della nostra scoperta.”afferma Norah Lee, partecipante a Stella Variabilis.

Un nome che Jean-Luc Martin descrive con ironia “non molto originale, ma almeno ha un po’ di effetto intellettuale, latino, scienza, tutto il resto! Stella Variabilis significa “stella variabile” in latino.

La loro curiosità e il loro coinvolgimento li hanno spinti a portare avanti questo progetto insieme per circa un anno, a incontrarsi durante i fine settimana e le vacanze, ad aiutarsi a vicenda e ad imparare a utilizzare i nuovi software.

Qual’è il prossimo passo?

Dal 9 al 14 settembre, tre dei cinque partecipanti della squadra dovranno recarsi a Katowice, in Polonia: “Questo primo posto ci dà il diritto di partecipare al concorso internazionale EUCYS. E lì, mi sembra, il primo premio è di 7.000 euro per il gruppo”.specifica Edoardo.

Un’occasione d’oro, che riunisce i giovani tra i 14 e i 20 anni, che i grandi vincitori del concorso “C’Génial” non intendono perdere.

Ora il loro obiettivo è migliorare la loro presentazione, cosa che Norah ci chiarisce: “Dall’altra parte, ci sono progetti molto grandi, questo è ovvio, quindi perfezioneremo il progetto, lo approfondiremo e l’idea sarebbe quella di aggiungere il nostro tocco personale al progetto, per avere qualcosa in più”.

Oltre a questa nuova opportunità per brillare a livello internazionale, gli studenti sono motivati ​​dall’idea di scoprire i progetti degli altri, incontrare grandi ricercatori e poter viaggiare in Polonia.

Rimangono molto orgogliosi di se stessi riguardo alla loro scoperta: “Sapevamo già che questa stella esisteva, è elencata, ma hanno scoperto che era variabileannuncia il loro insegnante. Quindi ora siamo registrati nel database americano VSX (l’indice internazionale delle stelle variabili). C’è una procedura specifica da seguire, perché è necessario fornire documenti giustificativi. Ma non ci sono dubbi possibili. Questa stella è davvero variabile”conclude.

-

NEXT OpenAI lancia GPT critico per correggere GPT-4