Materie plastiche e compositi al servizio della decarbonizzazione degli edifici

Materie plastiche e compositi al servizio della decarbonizzazione degli edifici
Materie plastiche e compositi al servizio della decarbonizzazione degli edifici
-


“Per ogni nuova costruzione è necessario effettuare un’impronta di carbonio lungo tutto il ciclo di vita dell’edificio, dalla sua costruzione fino alla fine della sua vita”, ricorda Hélène Genin, delegata generale dell’Associazione per lo sviluppo degli edifici a basse emissioni di carbonio. La prospettiva di calcolare le prestazioni ambientali e sanitarie dell’edificio richiede alle parti interessate di compilare un modulo di dichiarazione ambientale e sanitaria (FDES) per ciascun prodotto. Istituito sotto la responsabilità del produttore, tiene conto dell’intero ciclo di vita dell’applicazione, dall’estrazione delle materie prime fino al suo fine vita, senza tralasciare il trasporto, la messa in opera e l’utilizzo del prodotto. “La banca dati Inies, che raccoglie dati ambientali e sanitari degli edifici, conta ad oggi più di 4.700 dichiarazioni ambientali verificate da soggetti terzi”commenta Hélène Genin.


Sforzi collettivi

La costruzione e la ristrutturazione a basse emissioni di carbonio stanno progredendo. Tuttavia, gli sforzi necessari restano colossali e tutti gli attori, e in particolare i produttori di materie plastiche, devono investire in questa battaglia, cercando di limitare il più possibile le emissioni di CO2 di ciascuno dei loro prodotti. “È urgente che tutti i settori si uniscano e portino avanti la loro rivoluzione a basse emissioni di carbonio. I produttori di plastica devono concentrarsi su materiali a basso impatto, sviluppare i propri processi produttivi per renderli meno dispendiosi in termini energetici, favorire i cortocircuiti per limitare i tempi di trasporto e migliorare l’economia circolare; in caso contrario, il loro materiale rischia di essere sostituito da un altro per alcuni componenti”, avverte Hélène Genin. È possibile attivare diverse leve per spostarsi verso un prodotto a basse emissioni di carbonio negli edifici. L’importante è iniziare analizzando l’impronta di carbonio della tua azienda. Fornisce uno stato attuale delle emissioni e invita alla decarbonizzazione, identificando potenziali depositi. L’azienda Myral ha iniziato questo processo nel 2021.


“Non dobbiamo ignorare questo passaggio, che è senza dubbio il più importante in quanto ci permette di apprezzare e qualificare veramente il nostro impatto sull’ambiente”commenta Julien Bagnard, direttore dell’azienda.

Myral capisce quindi che quasi l’80% delle sue emissioni di gas serra sono legate all’utilizzo di materie prime. “Prima di tutto, non aveva senso modificare il nostro processo di produzione o rendere più ecologica la nostra flotta. Abbiamo preferito concentrarci sulla ricerca di materie prime decisamente meno inquinanti per ridurre in modo significativo e sostenibile la nostra impronta di carbonio”, spiega Julien Bagnard. Rapidamente, l’azienda, che implementa soluzioni per l’isolamento termico esterno, decide di concentrarsi sui rifiuti post-consumo e di integrarli nella composizione dei suoi prodotti che contribuiscono anche a ridurre il fabbisogno energetico dell’edificio la schiuma isolante ora contiene il 15% di bottiglie in PET riciclate (ovvero quasi 2 milioni di bottiglie in PET riciclate all’anno) il bordo di incastro il 50% di PVC riciclato (circa 6.000 pezzi di falegnameria a fine vita riciclati all’anno), il rivestimento tra il 75 e il 90% riciclato alluminio (ovvero quasi 4.000.000 di lattine riciclate all’anno). Avendo recentemente ottenuto la certificazione FDES per gli isolamenti contenenti materiale riciclato, l’azienda può essere orgogliosa di aver ridotto il proprio impatto di carbonio del 44%, passando dai 38,7 kg di CO2 per m² della soluzione precedente ai 21,6 kg di CO2 per m² di oggi.


“Abbiamo anche migliorato l’eco-design del nostro prodotto, portandoci a ridurne leggermente la densità e con conseguente risparmio di materiale con un risparmio di 1,5 kg per m² di CO2”precisa Julien Bagnard.


Materiali meno emissivi…

L’azienda spera di superare la soglia del 50% di risparmio di carbonio entro la fine del 2024, in particolare aumentando la quota di materiale riciclato. “L’obiettivo è arrivare fino al 75% di PVC riciclato senza alterarne le caratteristiche tecniche, 20% di contenuto riciclato nella schiuma e 95% sull’alluminio. Allo stesso tempo, stiamo lavorando alla decostruzione del nostro prodotto a fine vita per migliorare la riciclabilità dei vari componenti al fine di agire sulla riduzione dell’impronta di carbonio in tutte le fasi: attualmente siamo in fase di certificazione per riutilizzare gli isolanti provenienti dai nostri scarti di produzione; il che rappresenterebbe un potenziale guadagno di circa 2 kg di CO2 per m² Di, » dimensione Julien Bagnard. Non mancano i materiali che contribuiscono alla decarbonizzazione nel settore dell’edilizia. I materiali riciclati possono essere utilizzati da soli o in aggiunta ad altri materiali per ottenere costruzioni più ecologiche.


“I francesi consumano quotidianamente plastica in eccesso e i depositi di rifiuti post-consumo esistono in quantità colossali e possono offrire prestazioni equivalenti. Anche la plastica è agile e consente di risparmiare su altri materiali durante la fase di implementazione. È il caso del nostro bordo ad incastro in PVC che ci permette di non utilizzare cornici in legno o metallo, costose in termini di carbonio, durante l’installazione dei prodotti! », sottolinea Julien Bagnard. Anche le fonti di origine biologica rappresentano un’alternativa da prendere in considerazione, ma la considerazione deve essere presa caso per caso. Alcuni prodotti sono compatibili con l’integrazione di materiali riciclati, altri con materiali di origine biologica. “Il materiale giusto al posto giusto!” »riassume Julien Bagnard.


…che limitano gli sprechi e migliorano la circolarità

L’uso della plastica riciclata nell’edilizia riduce la quantità di rifiuti che finiscono nelle discariche o negli oceani. L’azienda Le Pavé, creata nel 2018 e specializzata nello sviluppo e nella produzione di materiali sostenibili per il settore dell’edilizia, ha adottato questa strategia vincente. Questa start-up ha già sviluppato due materiali riciclabili al 100% ricavati da rifiuti di plastica e senza alcuna aggiunta di resina, depositando un brevetto di termocompressione che consente di mantenere il materiale riciclabile: i pannelli in HDPE sono progettati da bottiglie e rifiuti di plastica dell’industria cosmetica, PS pannelli delle porte del frigorifero. Questo processo permette quindi di ridurre del 70% le emissioni di gas serra per m² per un prodotto equivalente. Volendo dare significato e utilizzo ai rifiuti, questi materiali si presentano sotto forma di pannelli adatti alla realizzazione verticale, idrorepellenti, resistenti e non porosi.

È con questa stessa prospettiva che i mattoncini da costruzione Blockto – che ricordano molto i Lego – sono stati progettati in polipropilene riciclato e riciclabile in Vandea. Nestable e assemblabili senza malta, questi blocchi sono molto resistenti grazie ad un design a nido d’ape, robusti e infinitamente modulari; rendendoli particolarmente attraenti da usare.

Lo stesso vale per Brief, isolante termico e acustico prodotto da Semin dal novembre 2023 a partire da bottiglie di plastica (38 bottiglie utilizzate nella composizione di un pannello di 1 m² x 10 cm di spessore). Aiuta a rendere gli edifici meno dispendiosi dal punto di vista energetico.

Abituarsi al riutilizzo o al riutilizzo è un modo per trasformare gradualmente e, si spera, in modo sostenibile il settore dell’edilizia. Una strategia che ripaga tre volte. “Scomponiamo il PVC che risale a 30 anni fa per reintegrarlo in un prodotto progettato per durare circa cinquant’anni e il cui obiettivo è ridurre il consumo energetico », esulta Julien Bagnard. L’accesso a queste risorse deve diventare ancora più fluido; i settori si stanno gradualmente organizzando per immettere sul mercato questi materiali di seconda mano e incorporarli.


“Dovevamo trovare un fornitore in grado di integrare il PET riciclato in particolare nella produzione del poliolo. La dimensione della nostra azienda (PMI) è un punto di forza, perché ci dà grande agilità per evolvere la nostra progettazione e interessare fornitori virtuosi”, commenta Julien Bagnard a Myral. A questo proposito, la start-up americana Fusion Amis ha sviluppato una macchina che ha la particolarità di assemblare rifiuti di plastica non riciclabili per realizzare mattoni di 40 cm di lato utilizzando vapore e compressione, senza alcun apporto chimico, senza smistamento o pulizia.

Oltre al riutilizzo della plastica, questi mattoni offrono una nuova alternativa ecologica al settore. Questa tecnica potrebbe aiutare a ridurre l’impatto del carbonio delle costruzioni poiché questi blocchi di cemento generano il 41% in meno di emissioni di CO2 rispetto ai tradizionali blocchi di cemento. L’azienda spera di riciclare 100 milioni di tonnellate di plastica entro il 2030… Non c’è dubbio che la necessità di plastica riciclata dovrebbe aumentare negli anni a venire di fronte alle sfide di sostenibilità essenziali nel settore dell’edilizia e dell’edilizia. E che dovrebbe ovviamente rafforzarsi…

UNA DATA DA RICORDARE!

CI VEDIAMO AL LOW-CARBON REAL ESTATE SHOW (SIBCA) DAL 7 AL 9 OTTOBRE 2024 A PARIGI (CARROUSEL DU LOUVRE) PER AFFINARE E CONDIVIDERE LE VOSTRE CONOSCENZE SULLA DECARBONAZIONE.

Numeri


450 milioni di tonnellate la quantità di plastica prodotta ogni anno a livello globale.


37% la quota del settore edile nelle emissioni globali di CO2.


1,3 tonnellate le emissioni di carbonio emesse dalla costruzione di 1 m² di nuovo edificio.


8% la quota della produzione globale di plastica derivante dal riciclo.

Foto: Myral

-

NEXT Buon affare – L’oggetto connesso di Netatmo Teste termostatiche connesse per radiatori Valvola aggiuntiva “5 stelle” a 59,99 € (-22%)