In Australia, si estrae il veleno dagli animali marini per salvare vite umane

In Australia, si estrae il veleno dagli animali marini per salvare vite umane
In Australia, si estrae il veleno dagli animali marini per salvare vite umane
-

La minuscola medusa irukandji, endemica dell’Australia settentrionale, è formidabile: una semplice puntura provoca un dolore insopportabile ma il suo veleno può salvare vite umane.

Jamie Seymour è già stato punto undici volte. Questo professore di tossicologia alla James Cook University nel Queensland, nel nord-est dell’Australia, studia gli animali marini più pericolosi del mondo per capire come possono aiutare a produrre antiveleno.

Nel suo hangar, decine di meduse irukandji, alcune non più grandi di un seme di sesamo, galleggiano in vasche.

In un’altra vasca nuota un pesce pietra, il pesce più velenoso del mondo. Le sue spine durissime trafiggono la pelle e il dolore è tale che può portare alla perdita di coscienza o addirittura alla morte.

Lo stesso signor Seymour è una delle persone sopravvissute a una delle sue punture.

Nel suo hangar, il biologo segnala altre specie mortali, tra cui una medusa scatola capace di uccidere un essere umano in 10 minuti.

“L’Australia è senza dubbio il continente più velenoso del mondo”, ha detto Seymour all’AFP, anche se le morti sono rare.

– Processo delicato –

Secondo gli ultimi dati disponibili, tra il 2001 e il 2017, in Australia si sono verificati 32 decessi all’anno legati agli animali, la maggior parte attribuiti a cavalli o mucche.

Dal 1883, la medusa irukandji ha causato due morti, rispetto alle 69 della medusa scatola.

“In Australia si registrano tra i 3.000 e i 5.000 decessi all’anno a causa di droga, alcol e incidenti automobilistici. La probabilità di essere punti da un animale in Australia – o morsi – è quindi nell’ordine del ragionevole”, sottolinea Seymour.

La sua struttura è l’unica in grado di estrarre il veleno da questi mortali animali marini e trasformarlo in antiveleno. Il processo è però delicato.

Per le meduse scatola, i ricercatori rimuovono i tentacoli, li liofiliscono e raccolgono il veleno una volta che si è solidificato.

Non esiste un antiveleno per la medusa irukandji.

Per i pesci pietra, un metodo prevede l’inserimento di una siringa nelle ghiandole velenifere del pesce e l’estrazione di alcuni millilitri del fluido mortale. Una volta che i ricercatori ne hanno raccolto abbastanza, inviano il veleno a un laboratorio che lo trasforma in antiveleno.

Quindi, “una piccola quantità di questo veleno viene iniettata per sei mesi in un animale, come un cavallo, che produce anticorpi naturali”.

Il plasma dell’animale viene quindi raccolto e gli anticorpi estratti, purificati e ridotti a un antiveleno per l’uomo.

Queste sostanze vengono poi spedite agli ospedali in Australia e in alcune isole del Pacifico, dove possono essere somministrate in caso di puntura o morso.

“Abbiamo alcuni dei migliori antiveleni al mondo, su questo non c’è dubbio. Il tempo e lo sforzo necessari per produrli ci distinguono dalla maggior parte degli altri paesi”, afferma Seymour.

– Cambiamento climatico –

Secondo gli scienziati, il cambiamento climatico potrebbe aumentare il rischio di morsi.

Circa sessant’anni fa, il periodo conosciuto delle punture delle meduse irukandji si estendeva da novembre a dicembre.

Ora, l’aumento delle temperature oceaniche si sta estendendo fino a marzo, spingendo queste meduse mortali più a sud.

Gli studenti di Seymour hanno scoperto che i cambiamenti di temperatura possono anche modificare la tossicità del veleno.

“Ad esempio, se preparo un antiveleno per un animale a 20 gradi e vengo morso da un animale che vive allo stato brado a 30 gradi, quell’antiveleno non funzionerà”, spiega.

Il veleno delle creature che pungono potrebbe anche essere usato per trattare una miriade di altre condizioni di salute, inclusa la cura dell’artrite reumatoide.

Quest’area di ricerca rimane in gran parte sottofinanziata.

“Quando pensi al veleno, lo pensi alla ratatouille. Ha un sacco di componenti diversi”, ha detto Seymour. “Quello che stiamo cercando di fare è separare questi pezzi e capire cosa sta succedendo.”

-

PREV Polestar chiamerà i suoi futuri modelli come i telefoni Apple
NEXT La BMW M4 CS del 2025 offrirà 543 cavalli | Novità automobilistiche