Impatto della vaccinazione sulle mucose con vaccini a mRNA

Impatto della vaccinazione sulle mucose con vaccini a mRNA
Impatto della vaccinazione sulle mucose con vaccini a mRNA
-

Equipe del dipartimento di immunologia dell’ospedale Pitié-Salpêtrière AP-HP, dell’Inserm e dell’Università della Sorbona, coordinati dal professor Guy Gorochov, hanno condotto uno studio sulla capacità dei vaccini a mRNA Covid-19 di indurre una risposta immunitaria delle mucose.

I risultati di questo studio sono stati oggetto di una pubblicazione pubblicata il 23 aprile 2024 sulla rivista Rete JAMA aperta

La capacità dei vaccini intramuscolari a mRNA contro SARS-CoV-2 di indurre una risposta anticorpale a livello della mucosa rimane dibattuta.

La capacità dei vaccini intramuscolari a mRNA contro SARS-CoV-2 di indurre una risposta anticorpale a livello della mucosa rimane dibattuta.

Questo studio, realizzato a partire dagli studi COVICOPARE-M e COVICOPARE-P, consiste nel confrontare la risposta umorale delle persone vaccinate contro il Covid-19 con vaccini a mRNA. Concretamente si tratta di analizzare, a livello salivare, la risposta anticorpale alla vaccinazione di soggetti naïve (non infetti da SARS-CoV-2 prima o tra le fasi vaccinali), a quella dei soggetti infettati prima della vaccinazione (pre-infetti ).

In questo studio sono stati inclusi un totale di 427 partecipanti, di cui 120 pre-infetti. Tra febbraio e luglio 2021, i partecipanti ingenui hanno ricevuto due dosi del vaccino Moderna o Pfizer-BioNTech. I partecipanti pre-infetti, nel frattempo, hanno ricevuto solo una dose del vaccino Pfizer. I campioni sono stati raccolti prima della prima dose (D1), poi prima della seconda (D29), poi il D57 e il D180.

Anticorpi IgA1 la saliva salivare specifica per SARS-CoV-2 viene rilevata in misura maggiore nei soggetti pre-infetti rispetto ai soggetti naive. Tuttavia, dopo la vaccinazione, è stato osservato un lieve aumento dei livelli di IgA nei partecipanti non preinfetti che avevano ricevuto il vaccino Moderna.

In confronto, gli anticorpi IgG specifici per SARS-CoV-2 sono ampiamente rilevati nella saliva dopo la vaccinazione sia nei soggetti naïve che in quelli pre-infetti. In entrambi i casi, i livelli di anticorpi IgA e IgG misurati nella saliva sono fortemente correlati con i livelli sierici, indicando una probabile diffusione Di sangue verso la saliva.

I risultati di questo studio mostrano che la vaccinazione con mRNA è associata a un’immunità specifica della mucosa molto bassa, ma a livelli molto più bassi nei partecipanti naïve. Sono necessari ulteriori studi per determinare l’associazione tra livelli specifici di IgA salivari e la prevenzione dell’infezione o della trasmissione di SARS-CoV-2.

Nota:
1 – Gli anticorpi IgA si trovano principalmente nelle secrezioni (saliva, lacrime, secrezioni digestive e polmonari). Inoltre si trovano nel sangue in quantità molto inferiori rispetto agli anticorpi IgG. Esiste una forma particolare di IgA, l’IgA secretoria, che si trova solo nelle secrezioni dove svolge un ruolo antivirale particolarmente efficace.

-

PREV “New Balance Fresh Foam X Hierro v8”: presa infallibile
NEXT I giocatori PlayStation hanno le allucinazioni, questo improbabile videogioco ha diritto all’upgrade PS5 mentre aspettano ancora Bloodborne