Dany Dubé ha sofferto di disagio

-

Il disagio di Dany Dubé per la scelta di Ivan Demidov da parte dei Montreal Canadiens ha scatenato una vera e propria polemica.

Per tutta la stagione, Dubé ha costantemente criticato Demidov, dicendo che gli mancava il personaggio per interpretare a Montreal.

Dubitava del suo pattinaggio e sentiva di non essere abbastanza imponente fisicamente. Per lui, Cayden Lindstrom o Tij Iginla erano scelte di gran lunga superiori.

Tuttavia, quando i Canadien hanno finalmente scelto Demidov e il Quebec ha celebrato la decisione, Dubé ha sorprendentemente cambiato tono.

Questo dietrofront è stato tanto più notato in quanto le sue critiche a Demidov erano state particolarmente virulente.

Dubé ha addirittura affermato che Demidov non aveva le qualità mentali necessarie per avere successo con i Montreal Canadiens, cosa che ha suscitato reazioni rabbiose tra i tifosi sui social network. Fortunatamente, Dubé non è sui social media, quindi continua a abbaiare.

Durante i suoi interventi, Dubé ha anche sottolineato che il canadese aveva un enorme bisogno di rafforzare la sua posizione centrale, mettendo così in discussione la scelta di Kirby Dach come secondo centro della squadra.

Per Dubé il Dach non è un centro, ma un’ala. Questa presa di posizione ha suscitato ondate di indignazione anche tra i tifosi, che riponevano grandi speranze in Dach al centro nonostante la sua fragilità.

Dove Dubé ha sbagliato è che anche Ivan Demidov è davvero un centro. Ecco cosa ci ha scritto il nostro informatore che passa le sue giornate ad analizzare le speranze.

“Leggendo un po’ di più su Ivan Demidov e osservando più in profondità i suoi segmenti di gioco, una cosa che mi colpisce è che gioca spesso nella posizione centrale.”

“Ehi sì, questo giovane talento generazionale può e potrebbe benissimo giocare al centro dei Canadien nel prossimo futuro.”

“Questa opzione è MOLTO interessante da considerare perché offre al CH la possibilità di mettere Suzuki in seconda linea e di avere 2 centri di grande talento (ovvero 1A e 1B).”

“Potremmo contare su due battute esplosive (esempio):”

Slafkovsky-Demidov-Dach
Caufield-Suzuki-Hage

Ad esempio, ha giocato l’intera partita da centro e ha ottenuto 2 assist oltre a 6 occasioni premium di segnare.

Italiano:

I Canadien hanno chiaramente rubato questo progetto. Il suo gioco è ancora più impressionante di quello di Macklin Celebreni che a volte forza troppo il gioco e commette palle perse costose. Sono molto entusiasta di vederlo la prossima stagione nel KHL!

Ma Dubé è rimasto fedele alle sue convinzioni, proponendo nomi come Cayden Lindstrom, Berkly Catton e Tij Iginla prima ancora di prendere in considerazione Demidov.

Possiamo vantarci che non prende scorciatoie, nonostante le reazioni controverse che le sue opinioni provocano, ma vederlo sdraiarsi dopo la scelta di Demidov per parlare di quanto sia un grande giocatore ci fa grattare la testa. Ti prendi la responsabilità per te stesso o non ti prendi la responsabilità per te stesso.

Forse è stato influenzato dal suo collega Stéphane Leroux che ha detto questo dopo la bozza su 98.5 FM:

“Quando il giocatore non parla inglese e ci sono vincoli contrattuali su come funzionano le cose lì e sul contesto socio-politico, questo è ciò che spaventa le squadre.”

“Ma nel caso di questo giovane, Demidov, non sembra avere tutte queste nuvole intorno a lui. Che si tratti del contesto familiare, che si tratti del contesto linguistico e tutto il resto.”

“Quindi ora non ci resta che sperare che cresca come pensiamo. E se così fosse, probabilmente il canadese ieri sera ha messo le mani su un grande giovane giocatore”.

Non è la prima volta che Dubé si trova al centro di una controversia. L’anno prima aveva espresso dubbi simili anche su Matvei Michkov, mentre la scelta di David Reinbacher al posto del russo aveva già creato un’ondata di frustrazione nazionale tra i tifosi del CH.

Insomma non dobbiamo aver paura delle parole, a Dubé i giocatori russi non piacciono. Quello che è certo è che le sue dichiarazioni taglienti non gli hanno fatto guadagnare molti amici in Quebec. E tutti hanno notato come ha cambiato il suo discorso dall’oggi al domani non appena è stato selezionato Demidov.

La sua dura posizione nei confronti del talento russo lo ha reso una figura controversa nel mondo dell’hockey.

Alla fine, vedere Dany Dubé sfasato dopo la bozza rispetto ai suoi commenti pre-bozza gli fa perdere molta credibilità.

Non ti piaceva Demidov prima… non ti piace dopo…

-

PREV Tennis. Wimbledon – Jack Draper: “Aspiro a essere uno dei migliori al mondo”
NEXT Coppa America. L’Ecuador elimina il Messico e nei quarti affronterà l’Argentina