Isola-Jourdain. La fiamma olimpica, portatrice di sogni

Isola-Jourdain. La fiamma olimpica, portatrice di sogni
Isola-Jourdain. La fiamma olimpica, portatrice di sogni
-

l’essenziale
Christian Fauré, campione portatore della fiamma olimpica, racconta un’esperienza intima.

Christian Fauré è una figura conosciuta da tutti a L’Isle-Jourdain. Ha portato la fiamma olimpica con grande emozione come tutti i portatori.

“Ho fatto un sogno – confida – Un sogno ad occhi aperti, l’unico della mia vita che ricordo… Un’emozione immensa mi invade. Lei avanza lentamente in mezzo ad una folla densa, entusiasta si muove su entrambi i lati della strada Vibra all’unisono Trovo lì la mia famiglia: mia moglie, i miei figli e i loro compagni, i miei nipoti, i miei amici, anche gli altri Ci sono persone, tante persone Anche le telecamere il mondo intero è lì. Eppure, nel mio sogno, mi sento solo al mondo, nonostante tutti gli sguardi, tutte le attenzioni.

“Una bolla”

Christian Fauré è stato campione amatoriale francese nel 1980 e ha partecipato ai Giochi Olimpici di Mosca lo stesso anno dove si è classificato 8° e miglior tricolore nelle corse su strada davanti a Marc Madiot.

In questa bolla, “un momento meraviglioso e delizioso”, il Lislois sente un allenatore che lo accompagna, dicendogli con dolcezza: “Prenditi il ​​tuo tempo Christian, è il tuo momento, divertiti. Renditi conto che in questo momento sei l’unico nel mondo per portare questa fiamma, simbolo di pace”.

E Christiant Fauré, per sua stessa ammissione, “assapora ogni secondo, ogni passo, vado lentamente. Sento pienamente la magia di questo momento unico con in mano una torcia, fiammeggiante come la folla, puntata verso il cielo. Porto la Fiamma olimpica, simbolo universale di pace e di unità.”

Messaggio

Un momento privilegiato in cui si coglie l’importanza e l’impatto di questo simbolo. La fiamma olimpica attraversa le culture. Gli è stato trasmesso da Zhao Lusi, attrice e cantante cinese. “In quel momento porto e trasmetto il messaggio della fiamma oltre i confini, capisco che la mia candela accesa incarna la speranza di un mondo in cui ognuno di noi possa vivere in armonia, al di là delle nostre differenze, delle nostre culture.” Il sogno di Christian Fauré continua. “La fiamma illumina il mio cammino, il nostro cammino, ispirando gesti di pace e di solidarietà intorno a me. Ricorda a tutti che l’unità, la fraternità, l’amore sono le vere forze che ci uniscono. Ho vissuto un sogno straordinario, sublime.

-

PREV Incredibile: è rilanciato il conflitto tra Marc Brys e Samuel Eto’o! – Tutto il calcio
NEXT Jorge Martin si unisce ad Aprilia dal 2025