La Défi sportif, presto in tutto il Paese

-

Domenica si è conclusa la Défi sportif AlterGo, una vera istituzione dello sport adattato. All’indomani di questa 41esima edizione, tempo di espansione da un oceano all’altro.

Evento unico nel paese e nel mondo, la Défi sportif AlterGo riunisce tutti i tipi di limitazioni funzionali nella stessa competizione.

Le Paralimpiadi sono riservate solo alle disabilità fisiche, le Special Olympics sono riservate alle disabilità intellettive. Includiamo anche problemi di udito, salute mentale… Alla fine, qualsiasi atleta che abbia una limitazione funzionale può competere, e questo è il bello.spiega Maxime Gagnon, presidente e amministratore delegato dell’evento.

L’edizione 2024, la sua 30a al Défi sportif, rende Maxime Gagnon particolarmente orgoglioso, perché oltre a migliaia di atleti dal livello scolastico a quello d’élite e alla presentazione di un torneo di calcio in carrozzina, una delegazione di curiosi è venuta per imparare da loro .

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Il calcio in carrozzina è stato presentato all’ultimo Défi sportif.

Foto: per gentile concessione di Emilie Huberdeau

Risultato di questa visita: in futuro, gli atleti avranno l’opportunità di gareggiare altrove che a Montreal, storica sede dell’evento.

anni da quando avevamo questo vecchio sogno di espansione. “,”text”:”Fin dall’inizio il nostro obiettivo è stato quello di mostrare un’immagine positiva dell’atleta che presenta una limitazione funzionale, spiega Maxime Gagnon. È importante trasmetterlo con lo sport. E abbiamo questo vecchio sogno di espansione da 10 anni. “}}”>Fin dall’inizio il nostro obiettivo è stato quello di mostrare un’immagine positiva dell’atleta che presenta una limitazione funzionale, spiega Maxime Gagnon. È importante trasmetterlo con lo sport. E abbiamo questo vecchio sogno di espansione da 10 anni.

Oggi possiamo già dire che nel novembre 2025 la Défi sportif si avventurerà altrove oltre a Montreal, e ne siamo molto felici.

Una citazione da Maxime Gagnon, CEO di Défi sportif AlterGo

Questa prima edizione fuori dal Quebec si svolgerà nella Columbia Britannica. È l’organizzazione OneAbility, con sede a Victoria, a supervisionare questa Sports Challenge 2.0.

Da due anni OneAbility viene a osservare come è organizzata la Défi sportif. Quest’anno una delegazione ufficiale di cinque persone è venuta per informarsi e porre domande logistiche e tecniche. Abbiamo anche incontrato il Comitato Paralimpico canadese. C’erano tutti e abbiamo parlato del nostro progetto di espansione nel Paeserivela Maxime Gagnon.

Seguirà un’edizione a Sudbury nel 2026, e un’altra prevista nelle Maritimes nel 2027 – tutti eventi annuali, come la Défi sportif de Montréal.

È emozionante per diverse ragioni, afferma entusiasta Maxime Gagnon. L’associazione canadese di bocce, ad esempio, non ci crede, perché sarà più semplice pianificare i calendari delle competizioni nazionali, poiché lavorerà con organizzazioni abituate a organizzare grandi eventi.

>>>>

Apri in modalità a schermo intero

Iulian Ciobanu e Alison Levine, due atleti paralimpici che praticano bocce.

Foto: @Défi sportif AlterGo / François Lacasse

Aumentando la frequenza e il territorio del Défi sportif, diversi vantaggi attendono gli atleti parasportivi in ​​Canada.

di base. Successivamente, le federazioni provinciali e nazionali avranno accesso ad un pool di atleti come quello di Montreal, e potranno variare le città ospitanti che ospiteranno i tornei più grandi. È emozionante poter portare i giovani in viaggio.”,”text”:”C’è spazio per diverse sfide sportive, perché ciò che miriamo a fare è costruire una successione, far muovere i giovani, ammette Maxime Gagnon. Vogliamo che la pratica dello sport diventi di base. Successivamente, le federazioni provinciali e nazionali avranno accesso ad un pool di atleti come quello di Montreal, e potranno variare le città ospitanti che ospiteranno i tornei più grandi. È emozionante poter portare i giovani in viaggio.”}}”>C’è spazio per diverse sfide sportive, perché ciò che miriamo a fare è costruire una successione, far muovere i giovani, ammette Maxime Gagnon. Vogliamo che la pratica dello sport diventi di base. Successivamente, le federazioni provinciali e nazionali avranno accesso ad un bacino di atleti come quello di Montreal, e potranno variare le città ospitanti che ospiteranno i tornei più grandi. È emozionante poter portare i giovani in viaggio.

Questa è l’idea di creare un circuito sportivo Défi pan-canadese.

Una citazione da Maxime Gagnon, CEO di Défi sportif AlterGo

L’annuncio ufficiale, con il nome dell’evento in British Columbia, dovrebbe essere comunicato nel mese di giugno. Il risultato di diversi anni di miglioramento.

1996. Questa competizione è la migliore al mondo. Abbiamo imparato molto nel corso degli anni e poter condividere la nostra esperienza e il nostro know-how con le nostre controparti in tutto il Paese ci rende molto felici. L’obiettivo è far muovere più atleti, rompere l’isolamento sociale, sia a livello ricreativo che d’élite”,”text”:”Vedremo cosa è stato fatto ai Giochi Paralimpici dal 1996. Questa competizione è la migliore al mondo. Abbiamo imparato molto nel corso degli anni e poter condividere la nostra esperienza e il nostro know-how con le nostre controparti in tutto il Paese ci rende molto felici. L’obiettivo è far muovere più atleti, rompere l’isolamento sociale, sia a livello ricreativo che d’élite”}}”>Vedremo cosa è stato fatto ai Giochi Paralimpici dal 1996. Questa competizione è la migliore al mondo. Abbiamo imparato molto nel corso degli anni e poter condividere la nostra esperienza e il nostro know-how con le nostre controparti in tutto il Paese ci rende molto felici. L’obiettivo è far muovere più atleti, rompere l’isolamento sociale, sia a livello ricreativo che d’élite.conclude Maxime Gagnon.

Più opportunità creeremo per giocare, più aumenterà la successione. In questo vincono tutti.

Con informazioni di Kéven Breton e Pierre-Yves Robert.

-

PREV The Nation Sportive Group inaugura la prima UFC Gym in Marocco (VIDEO)
NEXT ‘Una prestazione da non dimenticare’, ‘Non era il nostro giorno’: le reazioni degli allenatori di Atalanta e Leverkusen al successo degli italiani